Bruno Zanardi - Un patrimonio artistico senza 3087 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva SALA BUZZATI ​ Via Eugenio Balzan 3 Milano 20124

Milano - gio 30 gennaio 2014

Bruno Zanardi - Un patrimonio artistico senza

Bruno Zanardi - Un patrimonio artistico senza

 [Vedi la foto originale]
SALA BUZZATI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Eugenio Balzan 3 (20124)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Giovedì 30 gennaio alle ore 18 presso la Sala Buzzati a Milano (via Balzan 3, ang. via San Marco 21)
sarà presentato il libro di BRUNO ZANARDI Un patrimonio artistico senza, edito da Skira.
vernissage: 30 gennaio 2014. h 18
editore: SKIRA
genere: presentazione, incontro - conferenza

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Giovedì 30 gennaio alle ore 18 presso la Sala Buzzati a Milano (via Balzan 3, ang. via San Marco 21)
sarà presentato il libro di BRUNO ZANARDI Un patrimonio artistico senza, edito da Skira.

Insieme all’autore, intervengono Tomaso Montanari, Salvatore Settis e Gian Antonio Stella.
Modera l’incontro Pierluigi Panza.

Un patrimonio artistico senza racconta l’enorme confusione e il sempre più grave ritardo culturale in cui giacciono restauro, conservazione e tutela oggi in Italia.
L’autore, Bruno Zanardi, conduce la propria narrazione da testimone diretto, quale è ormai da quasi mezzo secolo. E avanza molti e desolanti esempi: restauri grossolanamente sbagliati, perenne crisi formativa del settore, cementificazione dissennata del paesaggio. Ma avanza anche numerosi casi positivi, a dimostrazione di come la partita per dare un futuro al nostro patrimonio storico e artistico
sia ancora del tutto aperta. A patto però che il Ministero dei beni culturali abbia il coraggio d’attuare una politica di tutela moderna ed efficiente, perché finalmente aperta a un lavoro comune con i Ministeri
dell’Università e dell’Ambiente e con la ricerca scientifica dell’industria. Lavoro comune che attui quella conservazione preventiva e programmata in rapporto all’ambiente che sempre più appare l’unica azione di tutela in grado di consentire la salvaguardia e la cura del fondamentale carattere storico ed estetico del nostro patrimonio artistico: la sua indisgiungibilità dal paesaggio – urbano, agrario e naturale – in cui è andato stratificandosi in millenni.

Bruno Zanardi è uno dei più noti restauratori italiani. Ha lavorato su alcuni dei massimi monumenti della nostra civiltà figurativa: i rilievi dell’Ara Pacis e della Colonna Traiana, i mosaici paleocristiani e di Jacopo Torriti nella Basilica di Santa Maria Maggiore, gli affreschi e i mosaici del Sancta Sanctorum al Laterano di Roma, gli affreschi della Basilica di Assisi, i rilievi della facciata del Duomo di Orvieto.
Nel 2001 ha fondato presso l’Università di Urbino il primo corso di laurea per la formazione dei restauratori, in cui è docente di Teoria e tecnica del restauro.
Con Skira ha pubblicato numerosi volumi, da Il cantiere di Giotto (1996) fino a Il restauro. Giovanni Urbani e Cesare Brandi, due teorie a confronto (2009), e curato l’uscita degli scritti di Giovanni Urbani, Intorno al restauro (2000)
e Per un’archeologia del presente (2012).
Ha scritto la voce “Restauro” dell’Enciclopedia Treccani del Novecento (2004).


INGRESSO LIBERO SOLO CON PRENOTAZIONE
Tel. 02 87387707 - rsvp@fondazionecorriere.it
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram