Introspezioni 3078 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA ALTER EGO ​ Via Lugano 1 Ponte Tresa 6988

Ponte Tresa () - dal 9 al 27 febbraio 2014

Introspezioni

Introspezioni
Opera di Liliana Colleoni, una delle tante esposte
 [Vedi la foto originale]
GALLERIA ALTER EGO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Lugano 1 (6988)
+41 0793572548 , +39 3495259573
contatti@alteregogallery.com
www.alteregogallery.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Durante la vernice di domenica 9 febbraio a partire dalle ore 18.00 si terrà la presentazione artistica della collettiva in cui il curatore metterà in luce la componente introspettiva dell'artista nella fase creativa.
Saranno presenti gli artisti. Seguirà rinfresco.
orario: da martedì a sabato ore 11-17;domenica 10,30-13
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 9 febbraio 2014. ore 18.00
curatori: Salvatore Misseri
autori: Maxtin, Francesco Attardo, Claudia Bulloni, Liliana Colleoni, Verena Daldini, Federica Dubbini, Tony Favre, Anneke van der Zwaag
patrocini: Comune di Ponte Tresa (CH)e Ponte Tresa(I)
genere: arte contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
“....E' impresa veramente ardua, per un artista tentare di penetrare nei propri pensieri reconditi – sostiene in merito Salvatore Misseri, curatore della mostra – per la resistenza che la ragione incontra nella ricerca delle motivazioni, perché spesso si scopre ciò che non si sarebbe mai voluto, rimanendone sconcertati: la realtà infatti risulta spesso deformata da sentimenti, emozioni e motivazioni contraddittori solo in apparenza, proprio come accadeva al bellissimo Dorian Gray quando si poneva davanti ad uno specchio; allo stesso modo l'aspetto selvaggio come pure quello idilliaco del mondo sensibile ingenera nell'artista la tipica opposizione paura/serenità entro cui si gioca l'esperienza umana.
Mentre oggi manca nei più la capacità e la forza di progettare il proprio futuro e quindi la creatività e insieme la fiducia, la volontà e con essa la libertà, l'artista si ostina a ricercare ancora stimoli multisensoriali ed emozioni genuine. Ciò desta meraviglia, eppure i sentimenti e le emozioni sono più intensi quando le capacità cognitive vacillano e non a caso molti grandi artisti del passato sono stati ritenuti strani se non addirittura folli. Ma la condizione di follia è probabilmente determinata dalla loro spiritualità controcorrente che si traduce in energia interiore che, attraverso un misterioso “portale dimensionale”, diventa potenza unificatrice ed integrativa elevandosi ad esperienza di trascendenza nel momento intuitivo dell'arte.”
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram