Luca Caccioni - Quello che sembra 3097 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
Il Ninfeo degli Specchi torna alla luce, con zampilli e scherzi d'acqua
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva OREDARIA ARTI CONTEMPORANEE ​ Via Reggio Emilia 22-24 Roma 00198

Roma - dal 30 settembre al 30 ottobre 2004

Luca Caccioni - Quello che sembra
[leggi la recensione]

Luca Caccioni - Quello che sembra
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
OREDARIA ARTI CONTEMPORANEE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Reggio Emilia 22-24 (00198)
+39 0697601689 , +39 0697601689 (fax)
info@oredaria.it
www.oredaria.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Caccioni si presenta a Roma con un nuovo ciclo di dipinti, appositamente realizzato per questa occasione, una trentina di opere, di vari formati.
orario: mart-sab 10-13 / 16-19.30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 30 settembre 2004. ore 18.30
editore: SKIRA
autori: Luca Caccioni
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Si inaugura giovedì 30 settembre alla Galleria Oredaria di Roma la mostra personale di Luca Caccioni, che segna l’inizio della nuova stagione della giovane ma già affermata galleria romana.

Bolognese, classe 1962, Caccioni è uno dei protagonisti di una generazione che è giunta ormai a una definitiva maturazione linguistica e occupa uno spazio di rilievo all’interno del panorama artistico contemporaneo.

Caccioni si presenta a Roma con un nuovo ciclo di dipinti, appositamente realizzato per questa occasione, dal titolo quello che sembra , una trentina di opere, di vari formati, nelle quali la sapienza pittorica si coniuga con una straordinaria capacità di invenzione dell’immagine e con una altrettanto significativa capacità di giocare con le suggestioni offerte dal materiale inconsueto su cui si sviluppa la pittura.

I soggetti di questi dipinti sono estremamente vari, hanno origini diverse e compongono un mondo sorprendente, ambiguo, in cui ogni immagine è se stessa ma al contempo rimanda a qualcos’altro; in tale prospettiva, assume un’importanza determinante anche la tecnica adottata da Caccioni, fatta di velature, di sfumature, che suggeriscono allo spettatore sempre nuove possibilità interpretative.

Una pittura al tempo stesso essenziale e ricca di suggestioni e di varianti, poetica e sensuale, capace di grandi raffinatezze e di improvvise durezze espressive.

Da oltre un decennio Caccioni espone con regolarità in Italia e all’estero: insieme alle personali tenute negli anni scorsi in spazi pubblici come la Galleria Civica di Modena e la GAM di Bologna, si ricordano quelle in gallerie private come Otto Arte Contemporanea di Bologna, Carzaniga & Uecker di Basilea, Lorenzelli di Milano, nonché la partecipazione a numerose mostre collettive, tra le quali si citano la recente “Quadriennale” di Torino, “L’arte la natura la meraviglia” in diversi musei del Veneto, il “Premio Michetti” a Francavilla a Mare.

La mostra sarà accompagnata da un catalogo, edito da SKIRA contenente la riproduzione delle opere esposte, un saggio di Walter Guadagnini ed essenziali note bio-bibliografiche.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram