La fragile bellezza 3073 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PINACOTECA CANTONALE GIOVANNI ZUST ​ Via Pinacoteca Züst Rancate 6862

Rancate () - dal 3 aprile al 17 agosto 2014

La fragile bellezza

La fragile bellezza
Galileo Chini, Piatto con profilo femminile, 1898-1900
 [Vedi la foto originale]
PINACOTECA CANTONALE GIOVANNI ZUST
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Pinacoteca Züst (6862)
+41 0916464565 , +41 0916464565 (fax)
www.ti.ch/zuest
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra che la Pinacoteca Züst di Rancate dedica ad un'importantissima collezione privata si configura come un viaggio attraverso il Novecento, dalle sinuose forme Art Nouveau proposte da Galileo Chini e dalla manifattura della Ceramica Italiana di Laveno alle invenzioni informali di Antonia Campi, Carlo Zauli e Lucio Fontana, da un punto di vista del tutto nuovo e originale: la ceramica d'arte prodotta da designer, artisti e manifatture italiane tra gli ultimi anni dell'Ottocento e gli anni Cinquanta del Novecento.
Elemento unificante tra le diverse opzioni stilistiche e le diverse strade del gusto che queste ceramiche esibiscono è la ricerca di una linea moderna del design italiano che, come una forza inarrestabile, a tratti impetuosa, a tratti sotterranea, a tratti sottile e silenziosa, attraversa le arti decorative italiane tra gli esordi degli anni Venti e i primissimi anni Cinquanta
orario: Da aprile a giugno: da martedì a domenica 9-12 / 14-17. Luglio e agosto: da martedì a domenica 14-18. Chiuso: lunedì. Aperto: tutti i festivi
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: Intero: CHF 10.-/€ 8,30. Ridotto (pensionati, studenti, gruppi): CHF 7.-/€ 5,80
vernissage: 3 aprile 2014. ore 11.30
catalogo: in galleria.
ufficio stampa: STUDIO ESSECI
curatori: Stefania Cretella, Valerio Terraroli
autori: Giovanni Acquaviva, Guido Andlovitz, Domenico Baccarini, Dante Baldelli, Renato Bassanelli, Alfredo Biagini, Angelo Biancini, Corrado Cagli, Duilio Cambellotti, Antonia Campi, Gigi Chessa, Galileo Chini, Giulio da Milano, Nicolj Diulgheroff, Agenore Fabbri, Fillia, Lucio Fontana, Giovanni Gariboldi, Riccardo Gatti, Giovanni Grande, Abele Jacopi, Elena König, Arturo Martini, Enrico Mazzolani, Tullio Mazzotti, Pietro Melandri, Fausto Melotti, Francesco Nonni, Ivo Pacetti, Giò Ponti, Scavini, Giorgio Spertini, Mario Sturani, Manlio Trucco, Carlo Zauli
note: Conferenza stampa e visita alla mostra
Giovedì 3 aprile 2014 alle ore 11
genere: arte moderna e contemporanea, arti decorative e industriali

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La mostra che la Pinacoteca Züst di Rancate dedica ad un'importantissima collezione privata si configura come un viaggio attraverso il Novecento, dalle sinuose forme Art Nouveau proposte da Galileo Chini e dalla manifattura della Ceramica Italiana di Laveno alle invenzioni informali di Antonia Campi, Carlo Zauli e Lucio Fontana, da un punto di vista del tutto nuovo e originale: la ceramica d'arte prodotta da designer, artisti e manifatture italiane tra gli ultimi anni dell'Ottocento e gli anni Cinquanta del Novecento.
Elemento unificante tra le diverse opzioni stilistiche e le diverse strade del gusto che queste ceramiche esibiscono è la ricerca di una linea moderna del design italiano che, come una forza inarrestabile, a tratti impetuosa, a tratti sotterranea, a tratti sottile e silenziosa, attraversa le arti decorative italiane tra gli esordi degli anni Venti e i primissimi anni Cinquanta.

La storia è lunga e complessa, ma si può dire che la definizione moderna, e il concetto stesso, di arti decorative nasca a ridosso degli inizi del Novecento, in certa misura connessa con le elaborazioni teoriche nate sull’onda lunga dello stile modernista e con la necessità classificatoria delle dinamiche creative che tende, pur tra difficoltà di varia natura, a svincolare in modo definitivo l’oggetto decorativo, ma anche la decorazione tout court, dai legami con il fare artigianale, e squisitamente tecnico-materiale, per ancorarlo alla pura creazione artistica.
Per questa ragione in mostra sono presentati sia pezzi unici, vere e proprie sculture e invenzioni decorative di una tale raffinatezza da configurarsi come capolavori dell'arte italiana novecentesca, sia pezzi seriali ossia oggetti domestici e ornamentali prodotti industrialmente, ma sulla base di un progetto artistico ben riconoscibile, adatti ad una larga diffusione di mercato.
Nell’ambito della cultura tardo simbolista, e segnatamente con la codificazione degli stilemi modernisti, ma soprattutto con la teorizzazione che assegna all’arte il ruolo di motore per il mutamento della società, in altre parole di un’arte per tutti, dell’arte come sinonimo di vita, le arti decorative si avviano verso l’affrancamento dal puro prodotto artigianale per accedere alla produzione seriale, se non addirittura industriale, e per divenire modello dell’abitare moderno e dunque parametro del gusto e veicolo fondamentale per l’affermazione di uno stile.

La mostra intende offrire al pubblico le diversità di approccio alla questione delle arti decorative e specificatamente alla ceramica, ossia intende evidenziare le diverse opzioni stilistiche che convivono in quegli anni rispetto al problema dell'oggetto, al suo valore formale e al suo valore d'uso. In altre parole, si vuole rendere comprensibile la varietà di opzioni presenti sul campo operativo, dall'art nouveau, di Galileo Chini, all'art déco, con i capolavori della Richard-Ginori, dal secondo futurismo delle ceramiche Mazzotti di Albissola e della manifattura Rometti, all'informale, al gusto piccolo borghese della manifattura torinese Lenci. L'obiettivo è far comprendere quanto le arti decorative siano testimoni fedeli del variare del gusto e della trasformazione dei linguaggi artistici, vere e proprie “cartine di tornasole” delle diverse opzioni dell'invenzione artistica nel corso della prima metà del Novecento.
Il tema della mostra è appunto questo: ricostruire attraverso le ceramiche italiane, che un grande collezionista svizzero ha raccolto con intelligenza critica nel corso degli anni, i percorsi della modernità, intesa come spinta inarrestabile di ricerca e di innovazione, ma talvolta infarcita di nostalgie e ripensamenti del patrimonio classico, ma in un'ottica di trasformazione moderna dell'arte italiana, talaltra pronta ad abbracciare scelte più radicali, dalle ironiche e potenti sperimentazioni futuriste, alle scelte geometrico/monumentali di matrice novecentista fino all'esaltazione della materia ceramica come esplicito esito di una sensibilità informale.


Elenco artisti
Galileo Chini; Domenico Baccarini; Giorgio Spertini; Pietro Melandri; Ivo Pacetti; Enrico Mazzolani; Duilio Cambellotti; Renato Bassanelli; Alfredo Biagini; Francesco Nonni; Gio Ponti; Guido Andlovitz; Giovanni Gariboldi; Dante Baldelli; Corrado Cagli; Tullio Mazzotti detto Tullio d'Albisola; Fillia; Nicolj Diulgheroff; Giovanni Acquaviva; Manlio Trucco; Arturo Martini; Abele Jacopi; Gigi Chessa; Mario Sturani; Elena König Scavini; Giulio da Milano; Giovanni Grande; Fausto Melotti; Angelo Biancini; Riccardo Gatti; Antonia Campi; Agenore Fabbri; Carlo Zauli; Lucio Fontana.

La fragile bellezza
Ceramiche italiane d'arte tra Liberty e Informale
Una collezione privata


Sede: Pinacoteca cantonale Giovanni Züst, Rancate (Mendrisio), Canton Ticino, Svizzera
Date: 6 aprile – 17 agosto 2014
A cura di: Valerio Terraroli e Stefania Cretella
Coordinamento scientifico e organizzativo: Mariangela Agliati Ruggia e Alessandra Brambilla
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram