Alberto Garutti 3069 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
24/06/2019
Creare un'opera in galleria. A Parma il secondo appuntamento di ART in PROGRESS
24/06/2019
A Lucca torna LuBi, la Biennale internazionale della carta. Aperte le iscrizioni per partecipare all’evento
22/06/2019
L'Adidas ha annunciato una capsule collection omaggio a Keith Haring
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA BUCHMANN LUGANO ​ Via Della Posta 2 Lugano 6900

Lugano - dal 10 maggio al 26 luglio 2014

Alberto Garutti

Alberto Garutti
Alberto Garutti, Senza Titolo, 2014

 [Vedi la foto originale]
GALLERIA BUCHMANN LUGANO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Della Posta 2 (6900)
+41 (0) 91 980 08 30
buchmann.lugano@bluewin.ch
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

installazione inedita Senza titolo, 2014 che l’artista italiano Alberto Garutti (*1948, Galbiate) ha concepito e realizzato dopo un’intensa e accurata riflessione, appositamente per la galleria Buchmann Lugano.
orario: da martedì a sabato ore 13-18
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 10 maggio 2014. ore 14
autori: Alberto Garutti
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Una tela lunga 10 metri è arrotolata al fusto di cinque rulli in alluminio ottonato ed è installata sulla parete di fondo della galleria. Sulla tela è stampata una sequenza di colori. Verde, rosa, azzurro, giallo, grigio. Un meccanismo semplice permette al tessuto di muoversi sui rulli, consente alla superficie cromatica di scorrere in maniera così lenta da compiere un’intera rotazione nel tempo esatto di un giorno e di una notte, 24 ore.
I campi di colore si alternano innanzi agli occhi del visitatore come scenari astratti o stati mentali in continua impercettibile trasformazione.
Pensata come una piccola macchina dalla natura artificiale e dal carattere impersonale,
Senza Titolo, 2014 è un’opera dal carattere narrativo, un ingranaggio freddo ed elementare disegnato per mettere in mostra un turbamento sensibile, l’enigma indecifrabile dello sguardo.
Il concatenarsi di gamme cromatiche e possibili sfumature che l’opera genera è in dialogo stretto con le condizioni di luce, ombra e penombra, della stanza nella quale è installata. Il lento procedere della sequenza è da un lato un racconto silenzioso di luoghi o spazi ideali, dall’altro un accedere a tutti gli attimi di presente della nostra vita, l’allestimento meccanico e poetico dell’incontro tra il tempo e l’atto del guardare, tra memoria e immaginazione.
L’opera invita lo spettatore a osservarla per un istante lungo. Continua a muoversi anche quando nessuno entrerà nella stanza a guardarla: alcune parti del lungo nastro di tela, infatti, scorrono sul fronte del lavoro solo durante le ore notturne e non incontreranno mai la luce del giorno; altre saranno visibili solo sul fianco della macchina, tra riflessioni e atmosfere di colore.
Il lavoro sembra voler ricostruire, forzare con attenzione, mettere in scena con leggerezza, la storia possibile dell’incontro tra l’opera e gli infinti sguardi che su di essa si sono posati e si potrebbero posare; un oggetto pittura da contemplare, dimenticare, continuare a guardare.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram