Alberto Garutti 3060 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/07/2019
Il segreto di Stonehenge? Secondo un recente studio, era il lardo
18/07/2019
Banksy è ufficialmente l’artista più amato di tutti i tempi dagli inglesi
18/07/2019
Un uomo ha appiccato un incendio in uno studio di animazione giapponese. Almeno 20 morti
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva BUCHMANN GALERIE ​ Via Gamee 6 Collina D'oro 6927

Collina D'Oro () - dal 10 maggio al 26 luglio 2014

Alberto Garutti

Alberto Garutti
Alberto Garutti,Moquette, 1992/2014

Alberto Garutti, Madonna, 2007

 [Vedi la foto originale]
BUCHMANN GALERIE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Gamee 6 (6927)
+41 919800830 , +41 919800832 (fax)
buchmann.lugano@bluewin.ch
www.buchmanngalerie.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Negli spazi della Buchmann Galeri di Agra sarà possibile ammirare le early works di Alberto Garutti.
orario: aperto su appuntamento
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 10 maggio 2014. 17
autori: Alberto Garutti
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
L’esposizione presenta delle “early works” tra cui Madonna, realizzata per la nuova Chiesa della Parrocchia di Trezzano sul Naviglio nel 2007 in cui l’artista ha installato un dispositivo che permette alla statua di scaldarsi fino a una temperatura corporea di 36,7° C. Alberto Garutti racconta in proposito: “[…] l’oggetto si colloca in un territorio nuovo, in un ambiente di mezzo tra il mondo religioso, quello dei fedeli e il sistema dell’arte e la sua iconografia”.
O ancora Cristallo rosso, 1995-97, dove scultura, pittura e architettura si fondono per dare vita ad un unico e affascinante lavoro.
Sono esposti inoltre lavori tratti da serie, come Orizzonti, Moquette e Tutti i passi che ho fatto nella mia vita mi hanno portato qui, ora. Quest’ultima opera consiste in una lastra di pietra inserita solitamente nella pavimentazione su cui è scolpito il titolo, stabilendo un rapporto diretto e profondo tra il fruitore e l’opera d’arte e introducendo e ampliando al tempo stesso il concetto di didascalia, ripreso e rielaborato in molti altri suoi lavori.

Alberto Garutti si inserisce tra i più rilevanti artisti della nostra contemporaneità. Ad oggi ha realizzato opere pubbliche per diverse città tra cui Milano, Bergamo, Istanbul e Mosca. I suoi lavori sono presenti nelle collezioni di importanti musei come lo S.M.A.K di Gand in Belgio, il MARTa Museum di Herford in Germania, il 21st Century Museum of Contemporary Art di Kanazawa in Giappone e altri. Nel 1990 ha partecipato alla Biennale di Venezia e nel 2001 alla Biennale di Istanbul. Nel 2012 gli è stata dedicata una grande mostra antologica personale al PAC di Milano.

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram