Lucio Rosato - Residui leggeri del desiderio 3085 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva USOMAGAZZINO PER ALTRE ARCHITETTURE ​ Via Silvio Spaventa 10/4 Pescara 65126

Pescara - dal 30 maggio all'otto giugno 2014

Lucio Rosato - Residui leggeri del desiderio

Lucio Rosato - Residui leggeri del desiderio
USOMAGAZZINO PER ALTRE ARCHITETTURE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Silvio Spaventa 10/4 (65126)
+39 3398145400
info@usomagazzino.it
www.usomagazzino.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

residui leggeri del desiderio, accatastati dal tempo, tornano ad aprirsi come pagine di diario e prende forma la memoria di un vissuto che più non mi appartiene; calendari, attraversamenti, viaggi mai viaggiati: nostalgia di ciò che non è stato resta racconto cromatico in dismissione
orario: da martedì a sabato ore 18.00-20.00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 30 maggio 2014. 19.00
autori: Lucio Rosato
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
usomagazzino per altre architetture dedica il suo nuovo evento alla categoria delle giacenze presentando una raccolta di disegni e altri segni realizzati da Lúcio Rosato tra il 1984 e il 1999.

in sette pile di cornici in legno di abete, ormai ben stagionato, posizionate nello spazio secondo un disegno solo apparentemente casuale, sono riunite sette sequenze di disegni che durante il tempo della vernice saranno dissolte dallo stesso autore secondo traiettorie prestabilite a invadere lentamente lo spazio.
Come in una dismissione del tempo vengono presentati questi lavori giovanili che ri-aprono alla memoria sogni e illusioni, aspirazioni dimenticate e pericolosi entusiasmi che se riaffiorano, rischiano di coprire interamente lo spazio del presente costringendo gli stessi fruitori dell’esposizione ad uscire, a guardare la città, ma anche il cielo, e a non perdere coscienza del reale; allo stesso tempo gli stessi visitatori sono invitati a restare per farsi protagonisti di una dismissione partecipata sottraendo, secondo le regole del valore di scambio, frammenti al ricordo.

Delle sette sequenze, la prima, denominata “trittici delle stagioni” (1984), è una sequenza di 12 carte (come un calendario) di cm 26x34,5 trattate con grafite, pastello e collage, mentre per le altre si tratta di lavori realizzati con acrilico su carta da pacco che raccontano di attraversamenti e paesaggi ambiti: frammenti di oceano (1991), appunti per un viaggio nel Mediterraneo (1992), frammenti erotici mediterranei (1992); fanno eccezione la sequenza dei paesaggi bianchi (1993) realizzati con penna a sfera su cartoncino bianco e l’ultima sequenza (composta da 16 pezzi di cm 40x40) del 1999, che da il titolo all’esposizione, dove riaffiorano, insieme all’acrilico, grafite pastelli e frammenti di scrittura a collage.


Lúcio Rosato, architetto, continua a viaggiare sui territori al limite tra la concretezza del pensiero e l’astrazione della materia disegnando e realizzando altre architetture.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram