Ercole Monti - Opere recenti 3072 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva BIBLIOTECA ANGELICA - GALLERIA ANGELICA ​ Via Di Sant'agostino 11 Roma 00186

Roma - dal 5 al 30 giugno 2014

Ercole Monti - Opere recenti

Ercole Monti - Opere recenti
Ercole Monti, Mediterraneo, 2013
 [Vedi la foto originale]
BIBLIOTECA ANGELICA - GALLERIA ANGELICA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Di Sant'Agostino 11 (00186)
+39 066840801 , +39 0668408053 (fax), +39 0668408049
promozione.angelica@librari.beniculturali.it
www.biblioangelica.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Gli oli su tela, fra cui numerosi inediti, ribadiscono le tematiche e il linguaggio espressivo - tra naturalismo e astrattismo - coltivati da Ercole Monti nel corso della sua lunga carriera artistica.
orario: lun e ven 8 - 16.42 | mar, mer, giov 8 - 19.15
sab 8 - 14 | dom chiuso
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 5 giugno 2014. ore 18.30
catalogo: in galleria. a cura di Elena Cardenas Malagodi con testo critico di Lea Mattarella.
ufficio stampa: IRMA BIANCHI
curatori: Elena Cardenas Malagodi
autori: Ercole Monti
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La mostra "Ercole Monti. Opere recenti" è la personale accolta dalla Biblioteca Angelica - Galleria di Roma dal 6 al 30 giugno, a cura di Elena Cardenas Malagodi che percorre il lavoro dell'artista degli dieci ultimi anni.
Ercole Monti dopo Milano, Venezia, Parigi, Londra, New York, espone finalmente a Roma, la sua città natale.

Gli oli su tela, fra cui numerosi inediti, ribadiscono le tematiche e il linguaggio espressivo - tra naturalismo e astrattismo - coltivati da Ercole Monti nel corso della sua lunga carriera artistica.
Le sollecitazioni che l'artista riceve nel suo quotidiano dagli oggetti, dalle persone, dagli ambienti, si esprimono nell'opera tramite una traduzione sensibile in cui l'espressione artistica non travalica completamente la realtà.
Partendo da elementi paesaggistici, naturalistici e del quotidiano: marine, campi di grano, sabbie, prati, l'artista traduce i soggetti in visioni trasfigurate, in forme e colori che esaltano l'aspetto emozionale della natura e della vita di tutti i giorni.
Ne deriva nel dipinto uno straordinario stato di equilibrio tra memoria e creatività.
"Le forme, in Monti non scaturiscono mai da un gesto immediato e libero, come nella pittura d'azione, ma ubbidiscono a regole più meditate di composizione, come in quella 'astratto-concreta" sostiene Fabrizio Crisafulli.
La pittura morbida e trasparente, distesa sulle grandi tele con ampie campiture monocromatiche di verdi, rossi, gialli, bianchi, neri, blu, esprime il concetto di sintesi oltre alla spiccata sensibilità e intensità del sentire, che contraddistingue l'arista. Il colore assume il ruolo di elemento caratterizzante che domina le forme, come afferma Lea Mattarella nel testo critico realizzato in occasione della mostra: "... la magia del colore che costruisce, tesse, dà ritmo e respiro, scandisce, separa, unisce, abbraccia, accarezza, a volte si riposa e altre esplode".

Emerge dai lavori una forte armonia, che permane anche nell'utilizzo di tonalità scure come si evince nell’opera intitolata Mare nero (2010) in cui è sufficiente una linea dorata a illuminare l'opera nella sua totalità o in Cielo Grigio (2013) attraversato da un intervento cromatico di rosa.

Fra le opere esposte è inoltre presente un piccolo nucleo che risale agli anni 90 fra cui Grano e grano e Terra bruna, due esempi indiscutibili del calore trasmesso dalla stesura di tonalità calde e avvolgenti dei marroni, delle ocre e dei gialli.
L'essenza del colore e l'elemento luminoso, costantemente presenti, contribuiscono a esprimere il senso di toltale libertà che Ercole Monti intende trasmettere.

Accompagna la mostra un catalogo a cura di Elena Cardenas Malagodi con testo critico di Lea Mattarella.

Cenni biografici
Nasce a Roma il 5 novembre 1927. A 14 anni inizia a dipingere ritraendo familiari ed amici, affascinato dalla grande pittura di Velasquez e Rembrandt. Dopo il liceo artistico, in cui viene a contatto con la 'scuola romana' si iscrive alla facoltà di architettura, continuando a dipingere assiduamente.
Nel 1948-49 durante i primi viaggi a Parigi incontra il grande James Ensor. Sempre nel '48 partecipa alla Quadriennale Romana e ad una collettiva a Palazzo Venezia, e nel '51 al Premio Roma a Palazzo Barberini. Vince il 1° premio per l'artistica.
Il contatto con l'architettura è fonte di stimoli in simbiosi con quanto lo interessa in pittura: l'architettura organica di A. Aalto, R. Pietila e soprattutto di F. L. Wright, come la libertà formale di Burri, Dubuffet, Tapies ecc.
Opera per 3 anni a Parigi come architetto entrando in contatto con la cultura francese.
Negli ultimi anni '70 elabora le grandi tele: spiagge, interni e poi mari e terre che definiscono sempre meglio l'evoluzione di un percorso pittorico libero.
Nel '91 conosce Elena Cardenas Malagodi che si appassiona alla sua pittura e lo porta alla convinzione di dover esporre finalmente il suo lavoro.
Incominciano le grandi mostre a Milano, Venezia, Londra, Parigi, New York. Tramite Elena conosce Jean Leymarie, Henry Cartier Bresson, Josè Pierre ecc., coi quali si lega in amicizia.
Lavora a Roma, Venezia, Ortisei che diventano anche i luoghi di suggestione per i soggetti delle tele, evocazioni di una visione che passa per la retina, con la convinzione che il progresso in pittura è costituito dal lento stratificarsi del vecchio e del nuovo.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram