Giuseppe Mannino - La provocazione etica 3126 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
27/06/2019
Wes Anderson e Juman Malouf portano il sarcofago di Spitzmaus alla Fondazione Prada
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MEDIAMUSEUM ​ Piazza Emilio Alessandrini 34 Pescara 65127

Pescara - dall'undici al 30 luglio 2014

Giuseppe Mannino - La provocazione etica

Giuseppe Mannino - La provocazione etica
Mannino_Il sogno della maternità di Dulcinea
 [Vedi la foto originale]
MEDIAMUSEUM
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Emilio Alessandrini 34 (65127)
+39 0854517898 , +39 0854517909 (fax)
info@mediamuseum.it
www.mediamuseum.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

L’artista presenta una limitata selezione della sua multiforme arte, circa quaranta opere, dalla pittura alla scultura, dalle «parole dipinte», come le definisce lo stesso artista, invadendo gli spazi allestitivi stessi, con percorsi cromatici e installazioni concettuali e letterarie dove a farla da padrone, al di la di tutto, resta proprio la «Provocazione Etica» evocata da Mannino stesso, a cominciare dall’assenza assoluta di didascalie delle opere esposte raccordate fra loro per temi visuali e cromatico-narrativi
orario: 10,20-12,30/17,00-19 (domenica e festivi esclusi)
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 11 luglio 2014. ore 18
curatori: Claudio Crescentini
autori: Giuseppe Mannino
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Pittore, scultore, poeta, narratore, artista eclettico e visivo in senso lato, GIUSEPPE MANNINO
ci ha abituato ormai da anni alle sue irruente “occupazioni” culturali negli spazi dell’arte
italiani e internazionali, giungendo, in questa nuova tappa, a Pescara, in uno spazio espositivo
prestigioso, il MEDIAMUSEUM, all’interno di uno dei tradizionali eventi annuali della cultura e
dell’arte pescarese, i PREMI INTERNAZIONALI FLAIANO.
All’interno di tale ambito l’artista presenta una limitata selezione della sua multiforme arte,
circa quaranta opere, dalla pittura alla scultura, dalle «parole dipinte», come le definisce
lo stesso artista, invadendo gli spazi allestitivi stessi, con percorsi cromatici e installazioni
concettuali e letterarie dove a farla da padrone, al di la di tutto, resta proprio la «Provocazione
Etica» evocata da Mannino stesso, a cominciare dall’assenza assoluta di didascalie delle opere
esposte raccordate fra loro per temi visuali e cromatico-narrativi.
«Mannino decide – come scrive CLAUDIO CRESCENTINI – sulla scia delle post-avanguardie
del Novecento, di dare spazio, corpo e sguardo prima di tutto all’opera, in qualsiasi linguaggio
sia essa prodotta e creata. L’opera diventa così madre e regina, quindi padrona, dello
spazio installativo stesso e della sua medesima visione, con questo gioco continuo fra
significato e significante che ricollega ancora l’artista alle teorie “eversive” del Surrealismo e
dell’Eventualismo».
La «Provocazione» di Mannino, però, deve essere anche intesa come liberazione totale
del «pensante», come a suo tempo l’ha definito Félix Guattari, dal «pensato» e quindi l’occhio
dalla mente, dove la logica del guardare deve, di necessità, tornare ad essere impostata sullo
stesso piano e livello, concettuale, dell’oggetto – leggi oggetto d’arte – guardato.
L’evento è organizzato in contemporanea a PREMI INTERNAZIONALI FLAIANO 2014
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram