Roberto Floreani - La Città ideale 3065 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/06/2019
Sull’isola di Than Hussein Clark con Catherine David. Talk da KURA
20/06/2019
Le proiezioni sui monumenti di Londra per promuovere il nuovo album di Thom Yorke
20/06/2019
La pistola con cui si uccise Vincent van Gogh è stata venduta all'asta
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PALAZZO DELLA GRAN GUARDIA ​ Piazza Brà Verona 37121

Verona - dal 22 novembre 2014 al 31 gennaio 2015

Roberto Floreani - La Città ideale

Roberto Floreani - La Città ideale
PALAZZO DELLA GRAN GUARDIA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Brà (37121)
+39 0458033400
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Roberto Floreani (Venezia, 1956) presenta al piano nobile del Palazzo della Gran Guardia di Verona il suo nuovo progetto titolato La Città ideale (dal 20 novembre 2014 al 31 gennaio 2015). L’invito che il Comune di Verona ha voluto rivolgergli costituisce un importante riconoscimento alla carriera ultratrentennale di un artista, a ragione considerato uno dei più maturi e convincenti della sua generazione.
orario: tutti i giorni dalle 9 alle 20
Chiuso 25 e 26 dicembre 2014 e 1 e 6 gennaio 2015
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 22 novembre 2014. ore 18
ufficio stampa: STUDIO ESSECI
autori: Roberto Floreani
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Roberto Floreani (Venezia, 1956) presenta al piano nobile del Palazzo della Gran Guardia di Verona il suo nuovo progetto titolato La Città ideale (dal 20 novembre 2014 al 31 gennaio 2015). L’invito che il Comune di Verona ha voluto rivolgergli costituisce un importante riconoscimento alla carriera ultratrentennale di un artista, a ragione considerato uno dei più maturi e convincenti della sua generazione.

La mostra veronese viene dopo oltre sessanta personali in Italia e all’Estero, di cui sedici realizzate, negli ultimi vent’anni, in spazi pubblici e museali, tra le quali quella alle “Stelline” di Milano nel ’99; ai Musei di Stato di San Marino nel 2001; al Museo Revoltella di Trieste nel 2003; in Germania, ad Aschaffenburg e Gelsenkirchen e alla Mestna Galerija di Lubiana nel 2007; alla 53ma Biennale di Venezia (Padiglione Italia), 2009; al MaGa di Gallarate nel 2011; al Centro Internazionale di Palazzo Te nel 2013, oltre alla partecipazione alla Quadriennale di Roma nel 2005.

L’imponente spazio espositivo ospiterà un progetto di pittura appositamente realizzato da Floreani site specific, caratterizzato da una grande installazione composta da oltre sessanta opere su tela e integrato dalla novità della presenza di una decina di sculture, che saranno posizionate e semicerchio nel salone centrale. Completeranno la personale altre trenta opere, anche di grande formato.
Le tematiche della mostra riguarderanno l’evoluzione della presenza tematica del Concentrico, autentica “sigla” espressiva dell’artista, abbinato ad una nuova ricerca sul pattern geometrico e sulle tonalità cromatiche (con l’importante inserimento del blu Klein), che evocano anche suggestioni legate all’Oriente delle arti marziali, praticate dall’artista da quasi cinquant’anni.

Il progetto La Città ideale prende lo spunto dalla celeberrima opera rinascimentale conservata nel museo di Urbino e considerata l’immagine dell’utopia e della perfezione. In questa scelta, appare evidente l’intenzione da parte di Floreani di ribadire la centralità della pittura nell’ambito del contemporaneo, la sua continuità storica, il superamento degli stili, l’importanza della tecnica, la rilevanza espressiva riferibile alla Bellezza, alla Misura e alla possibilità che l’opera d’arte possa contenere anche un messaggio di natura spirituale.
Quest’ultimo aspetto in particolare, suscita, da anni, grande interesse da parte dell’artista che, attivo nell’ambito della ricerca astratta dal 1981, intende attualizzare le tematiche espresse dallo “Spirituale nell’Arte” di Kandinskij, già nel 1912, riprese poi dai Sublime Optics di Josef Albers, fino alla sacralità cromatica di Ettore Spalletti o alle astrazioni di Sean Scully, Peter Halley e Lawrence Carroll, riconducibili al medesimo ambito tematico.

Completerà il progetto la pubblicazione di una monografia, arricchita da un’estesa antologia critica dedicata all’artista in questi ultimi anni.

L’evento è patrocinato dalla Regione Veneto, dal Comune e dalla Provincia di Verona e realizzato in collaborazione con le associazioni culturali La Centrale e Quinta Parete.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram