Enzo Obiso - Nostalgia del futuro 3088 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/06/2019
L'Adidas ha annunciato una capsule collection omaggio a Keith Haring
21/06/2019
La scuola di Twin Peaks verrà demolita a luglio
21/06/2019
Valentino Catricalà è il direttore della sezione arte di Maker Faire Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUST GALLERY ​ Via Trevano 29 Lugano 6900

Lugano - dal 23 ottobre al 30 novembre 2014

Enzo Obiso - Nostalgia del futuro

Enzo Obiso - Nostalgia del futuro
L'Avana 2012
 [Vedi la foto originale]
MUST GALLERY
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Trevano 29 (6900)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La fotografia di Enzo Obiso esacerba la tensione tra disegno e scrittura, tra indice e visione, con la stessa distaccata ironia con cui immagino Filottete tendesse l’arco di Eracle.
orario: Su appuntamento
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 23 ottobre 2014. ore 18.00
curatori: Maria Ares
autori: Enzo Obiso
genere: fotografia, arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La fotografia di Enzo Obiso esacerba la tensione tra disegno e scrittura, tra indice e visione, con la stessa distaccata ironia con cui immagino Filottete tendesse l’arco di Eracle. Nulla potrebbe essere più nudamente indicale delle sue composizioni materiche, delle sue superfici insieme complesse e lisce, dei pochi oggetti trovati e lasciati, trovati e conservati, trovati e perduti. A ben vedere, però, la nudità di corpi, fiori, oggetti e paesaggi è insieme indice ed epifania. L’obiettivo ci dice di guardare dove il nostro occhio non vede. L’obiettivo ci schernisce indicandoci una cosa e mostrandone un’altra, più preziosa, celata, che Enzo svela con la cautela di chi raccoglie un nido caduto. Tanto i frammenti urbani raccolti a Cuba quanto quelli carnali assemblati nel suo studio sono pure intuizioni del mistero dello spazio e del tempo, della trappola magica che strazia e cura il nostro essere-qui, delicatissima vergine di Norimberga.

La fotogeografia di Enzo Obiso è al tempo stesso dentro al tempo e fuori dal tempo, dentro allo spazio e fuori dallo spazio. La durata e la scomparsa – vale a dire il tempo – producono i luoghi. Il senso del luogo è esattamente dato dalla consapevolezza che quello spazio ha assunto la sua veste attraverso una lenta distillazione di anni. Al tempo stesso sappiamo che questa consapevolezza della durata dei luoghi non vale mai a rassicurarci circa la loro sopravvivenza, perché non possiamo più credere all’illusione che potremo tornare nel medesimo luogo e né le carte geografiche né i navigatori satellitari che ci negano lo smarrimento valgono a rassicurarci che siamo lì dove fummo un tempo – ieri, dieci anni o una generazione fa. Ecco allora che queste fotografie ci rassicurano non tanto circa l’esistenza oggettiva del mondo quanto sulla memoria dell’esperienza, e ci recano il dono che rende tollerabile il ritorno del sole, il piacere del deja vu, del sogno che non sappiamo bene se preceda o segua l’esperienza, o se non sia l’esperienza stessa. Per ciò pare naturale l’accostamento di queste due serie che costituiscono il cuore della mostra. Un filo di Parca, sottile e acuminato, lega le automobili agli edifici, il mare al Malecon. È la fame, il desiderio di ciò che si è visto una volta, nel passato o nel futuro – memoria o visione non fa differenza, le foto di Enzo Obiso sono insieme nostalgia del futuro e attesa del passato.

Paolo Giaccaria
geografo
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram