Gianni Pezzani - Parma dorme 3087 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/06/2019
Flaminia Bonciani e i colori degli anni ’80, al RUFA Space
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva SEDI VARIE ​ Parma 43100

Parma - dall'undici ottobre all'undici novembre 2014

Gianni Pezzani - Parma dorme

Gianni Pezzani - Parma dorme

 [Vedi la foto originale]
SEDI VARIE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
(43100)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Cinquanta fotografie, realizzate tra il 2013 e il 2014, della città emiliana sorpresa nella notte, un percorso onirico in cui la presenza dell’uomo scompare: solo gli esoscheletri delle automobili a ricordare un passaggio dimenticato.
orario: 24 ore su 24.
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 11 ottobre 2014. ore 18.00
editore: SKIRA
curatori: Andrea Tinterri
autori: Gianni Pezzani
note: dove: Piazza Garibaldi, Portici del Grano - Parma (PR)
genere: fotografia, personale
web: www.parmadorme.com

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
L’Associazione Culturale A.p.s. Lunatici e il curatore Andrea Tinterri promuovono e organizzano, in collaborazione e con il sostegno del Comune di Parma, la mostra “Parma Dorme”, con le fotografie del noto fotografo Gianni Pezzani.

Cinquanta fotografie, realizzate tra il 2013 e il 2014, della città emiliana sorpresa nella notte, un percorso onirico in cui la presenza dell’uomo scompare: solo gli esoscheletri delle automobili a ricordare un passaggio dimenticato. Le fotografie di Pezzani propongono una città labirintica in cui il tempo della Storia appare come congelato, un intervallo temporale sospeso in cui rifugiarsi e aspettare un improbabile risveglio. Quella di Parma è la terza tappa di un percorso iniziato nel 2008 a Tokyo e proseguito, negli anni successivi, a Milano. La stessa modalità di ripresa, le stesse ore della notte, la stessa assenza. Gianni Pezzani definisce un preciso modo di trasformare la struttura urbana, di ricodificarla a sua immagine e somiglianza: l’unico sopravvissuto ad un sonno eterno. Rimangono solo le corazze di vecchi abitanti; automobili parcheggiate lungo i marciapiedi, fuori dalle case, davanti a chiese e palazzi. Lamiere ormai inutilizzate che si confrontano con la struttura architettonica di una città che sembra non essere mai esistita. Perché Parma, Milano, Tokyo sono solo fantasmi, ombre, giochi cerebrali in cui perdersi, attraverso cui fuggire: esercizi terapeutici e consolatori.

Il percorso parmigiano di Gianni Pezzani è stato accompagnato dal critico Andrea Tinterri, curatore della mostra e del catalogo “Parma Dorme”, edito da SKIRA, dedicato all’esposizione.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram