Gentō-ban. Il Giappone dell'Ottocento nelle diapositive della Collezione Perino, 3092 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEO DELLE CULTURE - VILLA MALPENSATA ​ Riva Caccia 5 Lugano 6900

Lugano - dal 18 luglio 2014 al 25 gennaio 2015

Gentō-ban. Il Giappone dell'Ottocento nelle diapositive della Collezione Perino,

Gentō-ban. Il Giappone dell'Ottocento nelle diapositive della Collezione Perino,
Copyright: 2014 Museo delle Culture, Lugano
 [Vedi la foto originale]
MUSEO DELLE CULTURE - VILLA MALPENSATA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Riva Caccia 5 (6900 )
+41 588666960
info@musec.ch
www.mcl.lugano.ch
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Legata alle celebrazioni per il 150o anniversario delle relazioni diplomatiche tra Svizzera e Giappone, la ricca esposizione propone una selezione di cromolitografie d'epoca, 131 diapositive su lastre di vetro (gentō-ban) e una serie di fotografie giapponesi all'albumina in grande formato colorate a mano. Sono inoltre presentate al pubblico, in prestito dal «Musée Suisse de l’Appareil Photographique» di Vevey, uno splendido modello di lanterna magica d'epoca e uno stereoscopio a colonna.
orario: L'esposizione è visitabile dal martedì alla domenica, dalle 10.00 alle 18.00.
Gli uffici sono aperti dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 18.00.
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: Tariffa intera: Chf 12.-
Tariffa ridotta: Chf 8.-
(AVS, AI, Lugano card, Tessera Agip Plus, Tessera di soggiorno, Touring Club Italiano,
giovani 17-25 anni)
vernissage: 18 luglio 2014.
catalogo: in galleria.
genere: documentaria, fotografia

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
L'esposizione allestita al piano terra dell'Heleneum porterà il visitatore nell'atmosfera magica, piena di luce e di colori, del Giappone di fine Ottocento, grazie a un centinaio di opere della Collezione Perino del Museo delle Culture. Si tratta di diapositive in vetro, fotografie all'albumina e cromolitografie raccolte in tempi recenti da Claudio Perino, medico e appassionato di arte tradizionale giapponese da oltre venti anni.

La quasi totalità delle immagini sono esemplari della cosiddetta Scuola di Yokohama, cui appartengono anche le oltre 5000 fotografie all'albumina dipinte a mano che il Museo delle Culture conserva e valorizza attraverso un'intensa attività di ricerche ed esposizioni a livello internazionale (Collezione Ceschin Pilone/Fagioli).
La presente esposizione si focalizza su supporti diversi dalle fotografie all'albumina e mette ulteriormente in evidenza il ruolo centrale che ebbero le immagini della Scuola di Yokohama nella formazione, in Occidente, di un immaginario collettivo sul Giappone. Tale fenomeno caratterizzò proprio i tumultuosi anni del periodo Meiji (1868-1912), quando il Giappone si aprì all'Occidente dopo secoli di isolamento e avviò una rapida e profonda trasformazione, che ha portato al Giappone contemporaneo. Fu un periodo ricco di contraddizioni, caratterizzato da curiosità e visioni reciproche, esotiche ed esotizzanti, che sono espresse nei soggetti scelti dai fotografi del tempo: geisha tra fiori, samurai, lottatori di sumo, kendôka, ma anche Occidentali in risciò, Ainu barbuti dell'Hokkaidô, o ancora, i lampioni a gas lungo le vie delle città giapponesi.




La dimensione quasi onirica delle immagini della Scuola di Yokohama è accentuata da un peculiare supporto, all'epoca molto diffuso e oggi quasi dimenticato: le delicate diapositive realizzate con lastre in vetro, chiamate gentô-ban (燈板), che letteralmente significa “illusione di luce”. Le immagini sulle diapositive erano ottenute a partire da negativi fotografici o stereografici e poi, come le stesse fotografie all'albumina, erano finemente colorate a mano da maestranze locali. A differenza delle fotografie, le diapositive erano proiettate su un muro bianco con la lanterna magica, una sorta di proiettore antesignano del cinema.

In una delle sale all'Heleneum sarà possibile rivivere l'esperienza della lanterna magica, proprio come avveniva quando le lastre in vetro erano proiettate in sale buie e diventavano così le protagoniste di uno spettacolo collettivo di pre-cinema, in cui gli astanti potevano sognare il Giappone, mondo lontano e incantato. Nelle altre sale le diapositive saranno visibili su speciali teche con un fondo retro illuminato, accompagnate da fotografie all'albumina colorate a mano e da cromolitografie che ne riprendono i soggetti, che il collezionista ha personalmente abbinato alle diapositive.
L'esposizione Gentô-ban. Il Giappone dell’Ottocento nelle diapositive della Collezione Perino è interamente ideata e prodotta dal Museo delle Culture ed è corredata da un catalogo a cura di Moira Luraschi.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram