Matteo Sanna - The Empty Whole 3072 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/06/2019
Ad Alberto Angela la laurea honoris causa dell’Università Suor Orsola di Napoli
19/06/2019
Flaminia Bonciani e i colori degli anni ’80, al RUFA Space
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva CONTACT ZONE - CONTEMPORARY GALLERY ​ Via Pessina 8 Lugano 6900

Lugano - dal 5 marzo al 25 aprile 2015

Matteo Sanna - The Empty Whole

Matteo Sanna - The Empty Whole

 [Vedi la foto originale]
CONTACT ZONE - CONTEMPORARY GALLERY
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Pessina 8 (6900)
+41 (0)79 845 2266
contactzonegallery@gmail.com
www.contactzonegalley.ch
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Contact Zone – Contemporary Art Gallery è lieta di presentare: “The empty Whole” , la prima personale di Matteo Sanna a Lugano, a cura di Guido Cabib. Opening 5 Marzo 2015 dalle ore 18.00 alle 21.00.
orario: da martedì a venerdì ore 16 -18
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 5 marzo 2015. dalle 18 alle 21
curatori: Guido Cabib
autori: Matteo Sanna
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
“ Restano almeno due cose molto importanti.
In primo luogo il “gesto” e in secondo luogo
qualcosa che non saprei definire in modo più appropriato
se non con il termine “segno”,
ma un segno che non significa.” JeanLuc Nancy

Contact Zone – Contemporary Art Gallery è lieta di presentare: “The empty Whole” , la prima personale di Matteo Sanna a Lugano, a cura di Guido Cabib. Opening 5 Marzo 2015 dalle ore 18.00 alle 21.00.

La ricerca artistica di Matteo Sanna, si ricollega al suo vissuto, alla esperienza vivente (Erlebnis), a un’esperienza interiore, che consente all’individuo di conoscere gli oggetti e gli eventi storici, secondo una esplicita finalità.

Tutti i lavori realizzati ed esposti per lo spazio espositivo di Contact Zone (ready made, sculture, collages, installazioni , dipinti e foto) stanno ad esplicitare l’aspetto personale, unitario, per cui i contenuti della coscienza non sono recepiti in modo passivo, ma colti in modo vivo nel fluire della coscienza. A differenza degli oggetti legati da rapporti spaziali estrinseci, le esperienze vissute, sono connesse temporalmente in senso retrospettivo e proiettivo per cui originariamente non vi sono singole esperienze isolate, ma piuttosto una vera e propria corrente di esperienze, entro la quale vengono poi distinti sentimenti, violazioni, conoscenze, privazioni, ecc.
Nella “arte” di Matteo Sanna c'è sempre un gesto iniziale e determinante, in questa mostra è rappresento dall'opera “Io sono un Artista “, piccolo lenzuolo che lo avvolgeva nei suoi primi istanti di vita, che sostiene la scansione ossessiva, maniacale dello stile e indica direttamente lo sfondo su cui si proietta la costellazione delle sue opere che compongono i capitoli della sua vita.

Quel che osserviamo ha valore – ci colpisce, ci parla – perché ci riguarda. E se questo è vero, come pensare oggi le implicazioni estetiche, psicologiche, etiche dell’atto di guardare? Georges Didi-Huberman, uno dei più importanti teorici francesi contemporanei, individua nei “guardanti” due atteggiamenti opposti ed egualmente insufficienti: uno sempre pronto a credere, come l’apostolo davanti alla tomba di Cristo, che quanto ha di fronte agli occhi conduca a un piano posto oltre la visione stessa; l’altro ancorato all’apparente evidenza di ciò che si guarda, alla tautologia, al “ciò che si vede è ciò che si vede” e basta. Posizioni opposte e inconciliabili. Per superare questa dicotomia occorre allora immaginare un modo di guardare che non crede a ciò che vede ma neppure si limita alla pura esaltazione della superficie. Per confrontarsi con il movimento dialettico tra apparenza e profondità che abita ogni immagine, Matteo Sanna sceglie di misurarsi con la figura paterna.

“The empty whole” è una sorta di camera delle meraviglie: contiene di tutto, in un ordine che, passo passo, è sempre più rivelatore. Con le sue parabole e i suoi paradossi l'artista tiene i fili di un discorso organico, mette insieme una teoria di opere ed immagini che svelano altro da quel che sembrano al primo sguardo, una realtà sempre in bilico tra essere e apparire, e ci indica dove guardare, alla scoperta di un genere di “conoscenza accidentale».

Matteo Sanna nasce in Sardegna nel 1984, vive e lavora a Milano, autodidatta.
Nel corso degli ultimi anni ha partecipato a personali e collettive sia in spazi privati che presso Musei e Istituzioni Pubbliche, fiere nazionali ed internazionali. Nel 2011 e nel 2013 partecipa a Collaterali Ufficiali della Biennale di Venezia riscuotendo apprezzamenti sia dal pubblico che dagli addetti ai lavori. Le sue opere sono presenti in Collezioni Private e Fondazioni di grande prestigio.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram