La Camicia Bianca secondo me. Gianfranco Ferré. 3065 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PALAZZO REALE ​ Piazza Del Duomo 12 Milano 20122

Milano - dal 9 marzo al primo aprile 2015

La Camicia Bianca secondo me. Gianfranco Ferré.

La Camicia Bianca secondo me. Gianfranco Ferré.

 [Vedi la foto originale]
PALAZZO REALE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Del Duomo 12 (20122)
+39 02875672
www.comune.milano.it/palazzoreale/
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Una mostra che racconta il genio stilistico di Gianfranco Ferré attraverso la camicia bianca.
vernissage: 9 marzo 2015. su invito
editore: SKIRA
curatori: Daniela Degl'Innocenti
autori: Gianfranco Ferrè
genere: documentaria, arti decorative e industriali

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
"La camicia bianca secondo me. Gianfranco Ferré" inaugura a Milano (dal 10 marzo 2015 Palazzo Reale Sala delle Cariatidi).
L'esposizione, promossa dal Comune di Milano-Cultura, organizzata e prodotta da Palazzo Reale e Fondazione Gianfranco Ferré, in collaborazione con la Fondazione Museo del Tessuto di Prato, e curata da Daniela Degl'Innocenti, è dedicata al talento di una delle figure più significative della moda internazionale.
Concepita con l'intento di mettere in luce la poetica sartoriale e creativa di Gianfranco Ferré, la mostra conduce il visitatore, attraverso diverse forme di lettura, alla scoperta della camicia bianca, vero e proprio paradigma dello stile Ferré, evidenziandone gli elementi progettuali più innovativi e le infinite, affascinanti interpretazioni. Presenza costante che corre come un fil rouge lungo tutta la sua carriera, la camicia bianca è stata definita dallo stesso stilista "segno del mio stile" oppure "lessico contemporaneo dell'eleganza".
Pensato per dare forza ai diversi linguaggi figurativi con cui l'universo camicia è stato letto, scomposto e rimodellato, il percorso espositivo gioca con la suggestione e la valorizzazione di elementi diversi, a corollario dei capi indossati su manichino: disegni, dettagli tecnici, bozzetti, fotografie, immagini pubblicitarie e redazionali, video e istallazioni.
L'incipit della mostra è affidato ad un passaggio attraverso teli di tulle su cui scorrono macro-immagini dei disegni autografi di Ferré che permettono di cogliere segni che delineano la sua visione creativa e che rappresentano un mezzo per accedere al progetto di ogni capo esposto.
Il cuore della mostra vive nel centro della grande Sala delle Cariatidi, dove le ventisette camicie bianche, piccolo esercito di capolavori sartoriali, testimoniano silenziosamente vent'anni di genialità creativa e progettuale.
Esposte rispettando quasi sempre la cronologia della loro nascita, le camicie sono sculture bagnate da luce pensata per consentire al bianco di accendersi in diverse tonalità e alle ombre di fare da contrappunto, per ottenere un suggestivo effetto plastico. Taffetà, crêpe de chine, organza, raso, tulle, stoffe di seta o di cotone, merletti e ricami meccanici, impunture eseguite a mano, macro e micro- elementi si susseguono in un crescendo di maestria ed equilibrio.
Ai lati della grande sala espositiva, sono presenti disegni tecnici, bozzetti, scatti di grandi maestri della fotografia, immagini pubblicitarie e redazionali provenienti dall'Archivio della Fondazione Ferré. Particolare interesse suscitano i disegni originali che illustrano la incredibile capacità di dare vita ad ogni creazione, sintetizzando tutti gli elementi necessari alla realizzazione del modello: silhouettes, volumi, dettagli, leggerezza o corposità della materia, sono già descritti nel tratto più o meno marcato, elegante e velocissimo.
A soffitto un insieme di immagini di grande forza onirica: proiezioni fotografiche (simulazioni indagine rx) offrono una lettura tecnica e suggestiva allo stesso tempo, restituendo l'impalcatura formale e materica di ciascuna camicia e mettendo in evidenza texture e stratificazioni; e, soprattutto, suggeriscono levità, dolcezza, poesiaŠ. La resa aerea e particolarmente emozionante di questo linguaggio è frutto di una ricerca sviluppata in collaborazione con l'Opificio delle Pietre Dure di Firenze e realizzata dal fiorentino Leonardo Salvini. Questo tipo di restituzione fotografica è presentata per la prima volta come chiave di interpretazione dei contenuti di una mostra di moda.
A chiudere il percorso, un sistema sospeso di immagini realizzate da Luca Stoppini, che sottolinea ancora una volta come la leggerezza e il movimento aereo siano una precisa chiave di lettura dell'intero progetto.

Edito da Skira, un libro- catalogo, la cui direzione artistica è di Luca Stoppini, accompagna la mostra. Il volume approfondisce i temi della esibizione con il saggio introduttivo di Daniela Degl'Innocenti e gli interessanti contributi di personaggi e protagonisti dello stile, della moda e dell'architettura italiana quali Quirino Conti, Anna Maria Stillo Castro, Margherita Palli, Daniela Puppa e Franco Raggi, che raccontano ed interpretano la visione creativa e progettuale del grande stilista-architetto. Chiude un intervento di Alessandra Arezzi Boza sul significato dell'heritage nelle attività della Fondazione Gianfranco Ferré.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram