Il fascino e il mito dell’Italia dal Cinquecento al contemporaneo 3086 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva VILLA REALE ​ Viale Brianza 2 Monza 20052

Monza () - dal 22 aprile al 6 settembre 2015

Il fascino e il mito dell’Italia dal Cinquecento al contemporaneo

Il fascino e il mito dell’Italia dal Cinquecento al contemporaneo
Gaspar van Wittel (id. 439)
Vista di Venezia da San Giorgio (1697)
olio su tela; 50 x 100 cm
Madrid, Museo Nacional del Prado
 [Vedi la foto originale]
VILLA REALE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Viale Brianza 2 (20052)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra rievoca la fascinazione esercitata sui grandi artisti stranieri dai monumenti, dai paesaggi e dalle tradizioni del nostro Paese, attraverso una serie di opere esemplari, tra le quali capolavori di pittura, scultura e fotografia, eseguiti tra il Cinquecento e il Novecento e concessi in prestito dalle maggiori istituzioni museali italiane e internazionali.
orario: Martedì, mercoledì, giovedì, sabato e domenica: 10.00-19.00
venerdì: 10.00-22.00
La biglietteria chiude unʼora prima
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: Intero € 12,00
Ridotto € 10,00
Scuole € 4,00
sabato e domenica:
Intero € 15,00
Ridotto € 13,00
Scuole € 5,00
vernissage: 22 aprile 2015. su invito
editore: SKIRA
ufficio stampa: LUCIA CRESPI
curatori: Sandrina Bandera, Caterina Bon Valsassina, Matteo Ceriana, Emanuela Daffra, Ada Masoero, Fernando Mazzocca, Alessandro Morandotti, Nicola Spinosa
autori: Christo, Girolamo Pompeo Batoni, Sandro Botticelli, Michelangelo Buonarroti, Antonio Canova, Correggio, Lucas Cranach, Salvador Dalì, Valentin de Boulogne, André Derain, Jean-Louis Gérom, Candida Hofer, Jean-Auguste Ingres, Angelica Kauffmann, William Kentridge, Anselm Kiefer, Yves Klein, Fernand Lèger, Claude Lorrain, Anton Raphael Mengs, Henry Moore, Pablo Picasso, Joshua Reynolds, Auguste Rodin, Pieter Paul Rubens, Bertel Thorvaldsen, Antoon Van Dyck, Gaspar van Wittel, Tiziano Vecellio, Andy Warhol, Johann Zoffany
note: Conferenza stampa MERCOLEDI’ 22 aprile alle 11.30
genere: arte antica, arte moderna e contemporanea

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
In occasione di Expo 2015, il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, con il sostegno di Regione Lombardia, ha voluto realizzare la grande mostra "Il fascino e il mito dell’Italia
dal Cinquecento al contemporaneo " che aprirà il 23 aprile alla Villa Reale di Monza, prodotta da Consorzio Villa Reale e Parco di Monza, Skira editore e Cultura Domani.

La mostra rievoca la fascinazione esercitata sui grandi artisti stranieri dai monumenti, dai paesaggi e dalle tradizioni del nostro Paese, attraverso una serie di opere esemplari, tra le quali capolavori di pittura, scultura e fotografia, eseguiti tra il Cinquecento e il Novecento e concessi in prestito dalle maggiori istituzioni museali italiane e internazionali.

Viene inoltre evidenziato il ruolo dell'Italia quale “maestra delle arti”, grazie a dipinti e sculture di protagonisti stranieri come Lucas Cranach e Anton Van Dyck, Claude Lorrain, Valentin de Boulogne, Rubens, Gaspar Van Wittel, Angelika Kauffmann, Johann Zoffany e Anton Raphael Mengs, Joshua Reynolds, Ingres e Thorvaldsen, Jean-Louis Gérome, e di maestri italiani assunti a modello, come Botticelli, Correggio, Michelangelo, Tiziano, Pompeo Batoni e Canova.

Il percorso si conclude con la ricca sezione che dal XIX secolo giunge alla contemporaneità, con opere di artisti del calibro di Auguste Rodin, André Derain, Fernand Léger, Pablo Picasso, Salvador Dalì, Henry Moore, Andy Warhol, Yves Klein, Christo, Anselm Kiefer, William Kentridge, Candida Hofer e altri, che hanno ripreso il dialogo con l’Italia, i suoi paesaggi, la sua arte.

La mostra, che resta aperta sino al 6 settembre, si avvale della collaborazione di circa settanta enti prestatori, fra pubblici e privati, trenta quelli stranieri e quaranta italiani per un corpus di circa 120 opere provenienti da Italia, Europa e America.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram