Mad Jazz: Maria Gloria Sirabella 3072 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
21/11/2018
Nel 2019 Bon Iver tornerà in Italia per un'unica data
20/11/2018
Addio a Eimuntas Nekrosiu, maestro di teatro dalla visione innovativa e potente
20/11/2018
Tutto pronto per la settima edizione del Premio Fabbri. Sabato i vincitori
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva SEDI VARIE ​ - Latina 04100

Latina - dal 28 marzo al 12 aprile 2015

Mad Jazz: Maria Gloria Sirabella

Mad Jazz: Maria Gloria Sirabella

 [Vedi la foto originale]
SEDI VARIE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
- (04100)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Le opere della Sirabella, in bilico tra figurazione e astrazione, si fondano su trasparenze e velature, propongono una contrapposizione più o meno conciliata tra una dimensione eterea e una caratteristica più materica.
orario: dal lunedì al venerdì ore 17,00 – 21,00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: Ingresso vernissage € 10,00.
Negli altri giorni la mostra sarà a ingresso libero
vernissage: 28 marzo 2015. ore 21,00
curatori: Fabio D'Achille
autori: Maria Gloria Sirabella
note: Sede: Logos Art Studio, Piazza A. Moro, 37 – Latina
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Seconda mostra per MAD Jazz, una delle ultime iniziative inaugurate dal Museo d’Arte Diffusa, in collaborazione con il Latina Jazz Club e l’Associazione Musicale Caetani; un’isola culturale con cui MAD propone un sodalizio tra mostre di Arte Contemporanea e Musica, un dialogo tra le varie arti e una sinestesia culturale da sempre promossi dalla Rassegna –ormai giunta al decimo anno di attività- fondata e curata da Fabio D’Achille.
Le opere grafiche, naif, esotiche e decorative di Elisa Goethals, saranno avvicendate dalle Superfici Informali di Maria Gloria Sirabella, in allestimento da sabato 28 marzo alle 21,00, presso il Logos Art Studio di Latina (Piazza A. Moro, 37), dove, contestualmente, si potrà assistere alla jam session di Susanna Stivali & Ameen Saleem Duo, a cura di Eleonora Tatti.

Le opere della Sirabella, in bilico tra figurazione e astrazione, si fondano su trasparenze e velature, propongono una contrapposizione più o meno conciliata tra una dimensione eterea e una caratteristica più materica. L’artista, tra le varie esposizioni curate da Fabio D’Achille, ha anche partecipato alla rassegna artistico-musicale Mad Giovedì in Musica, dimostrazione, questa, della connotazione ritmica e polifonica della sua arte, vibrante come corde musicali.
Scrive di lei Laura Molli: “L’artista propone l’intervento di nuovi elementi pittorici che oltrepassino la visione retinica, per stimolare una visione capace di cogliere oltre, un’arte del pensiero liberamente espressa dalla mano che si muove spontaneamente per creare immagini emotivamente potenti”.
La Sirabella –prosegue la Molli- “è sempre aperta alla ricerca di una nuova estetica che, rifiutando la contemplazione immobile, possa esprimere il movimento di una sua creatività artistica, che non svela, che non si può svelare. Ma può essere afferrata sul piano estetico nell’attimo in cui lo spettatore riceve la sensazione di poter immergersi in una diversa dimensione temporale ed emotiva che non collima con la realtà apparente”.

Note sul concerto
Un nuovo progetto di Susanna Stivali,una delle più affermate voci del jazz italiano che incontra la stella in ascesa tra i contrabbassisti americani, Ameen Saleem.
La formula del duo contrabbasso e voce che ha diversi antecedenti nella storia del jazz,una formula in cui la passione per l’improvvisazione, il gioco, la ricerca sono le caratteristiche principali
Accanto a questo, la libertà di scegliere brani originali, quelli appartenenti alla tradizione del jazz americano ed europeo, della musica italiana, o della musica classica...
Il comune denominatore è l’interazione, l’utilizzo di tutte le possibili sonorità che i due strumenti possono esprimere insieme accompagnandosi ed interagendo. Non mancano inoltre momenti di composizione estemporanea e di libera improvvisazione.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram