Arte e Vino 3058 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PALAZZO DELLA GRAN GUARDIA ​ Piazza Brà Verona 37121

Verona - dal 10 aprile al 13 settembre 2015

Arte e Vino

Arte e Vino

 [Vedi la foto originale]
PALAZZO DELLA GRAN GUARDIA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Brà (37121)
+39 0458033400
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

il caleidoscopico universo delle rappresentazioni del vino nell’arte attraverso i secoli –pittura, scultura, arti decorative – viene messo in scena per la prima volta in una mostra colossale, che a Verona chiama a raccolta quasi 170 opere da oltre 90 prestatori italiani e stranieri e 41 studiosi, tra curatori, membri del comitato scientifico, autori di testi e schede in catalogo
orario: Dal lunedì al giovedì e il sabato e domenica dalle ore 9.30 alle 20.30 Venerdì dalle ore 9:30 alle 22:30 (chiusura biglietteria un’ora prima) Aperto anche 25 aprile, 1 maggio, 2 giugno e 15 agosto
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: Intero 12,00 euro (con audioguida compresa)
Ridotto visitatori individuali 9,00 euro (con audioguida compresa) Ridotto gruppi 9,00 euro (min. 15 max. 25 persone) Biglietto famiglia 1 adulto + 1 bambino 16,50 euro - 1 adulto + 2 bambini 20,00 euro
Scuole 4,50 euro a bambino. Gratuito (bambini fino ai 6 anni, un accompagnatore per ogni gruppo, disabili, due insegnanti
accompagnatori per classe, guide turistiche con patentino)
vernissage: 10 aprile 2015. ore 12
editore: SKIRA
ufficio stampa: VILLAGGIO GLOBALE
curatori: Annalisa Scarpa, Nicola Spinosa
genere: arte antica, arte moderna e contemporanea, collettiva, arti decorative e industriali

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Grappoli, calici che si intrecciano in brindisi ideali, in segno di comunione e di fratellanza , cascate di tralci e di pampini, Cristo che sottrae la vite e il suo
frutto al Tempo assicurandone l’eternità; putti vendemmianti, menadi e satiri in travolgenti processioni e Bacco ebbro, Bacco in Trionfo, Bacco con Arianna,
Bacco giovane e bello oppure vecchio e disfatto dal bere e dagli eccessi; e poi la fatica dell’uomo, il lavoro nei campi,
Il raccolto e il risvolto bucolico e agreste; il ciclo delle stagioni, il senso della terra, il rito del convivio, la gioia della festa, la “natura in posa”:
immagini tra sacro e profano, racconti, allegorie, metafore, paesaggi, stati d’animo; il caleidoscopico universo delle rappresentazioni del vino nell’arte
attraverso i secoli – pittura, scultura, arti decorative – viene messo in scena per la prima volta in una mostra colossale, che a Verona chiama a raccolta
quasi 170 opere da oltre 90 prestatori italiani e stranieri e 41 studiosi, tra curatori, membri del comitato scientifico, autori di testi e schede in catalogo.

Un viaggio affascinante che nasce dall’incrocio tra due eccellenze, due punte di diamante della nostra cultura
e della nostra storia, due simboli dell’Italia nel mondo: l’arte e il vino.
In occasione e in relazione con Expo 2015 dedicato al tema “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”,
Verona, la città che da quasi cinquant’anni ospita la più importante fiera del vino italiano, promuoverà dall’11 aprile al 16 agosto 2015 a Palazzo della Gran Guardia - nel
cuore della città scaligera - uno degli eventi culturali più significativi, una delle più importanti e originali mostre in programma
nel nostro Paese per l’atteso appuntamento internazionale, insieme alla Provincia Autonoma di Trento–Assessorato alla cultura,
Veronafiere, il Mart-Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto e il Museo Statale Ermitage.

Prodotta e organizzata da Villaggio Globale International e da Skira editore, con il sostegno di Fondazione Cariverona
e di Trentino Marketing, il contributo di altre importanti Enti pubblici e privati - Amia, Acqueveronesi, Corsorzio Zai-Interporto, Quadrante Europa, Cofely, Banco Popolare, AMT Verona, Verona Mercato - e di un gruppo prestigioso di wine sponsor come Allegrini, Feudi di San Gregorio, Poggio al Tesoro–Bolgheri, San Polo–Montalcino, Trento DOC, Valle Reale e Villa Sandi,
la mostra è curata da Annalisa Scarpa e Nicola Spinosa.

Con il supporto di un prestigioso comitato scientifico costituito da esperti dei diversi periodi e ambiti artistici - Irina Artemieva, Carlo Bertelli, Maia Confalone,
Eugenio La Rocca, Stéphane Loire, Antonio Natali, Fernando Rigon, Fernando Mazzocca, Wolfgang Prohaska, Attilio Scienza
- essa nasce dunque con l‘obiettivo di indagare sotto nuova luce e valorizzare un soggetto e un tema, il vino appunto, la cui storia antichissima abbraccia le grandi
civiltà del passato e ha radici profonde nella tradizione italiana.

Un’eccellenza che ha segnato indelebilmente anche la nostra cultura artistica, divenendo
soggetto ispiratore di grandi maestri. L’immagine del vino nelle sue diversificate e variegate forme e interpretazioni è da sempre una presenza costante
nelle opere d’arte, dalla pittura alla scultura fino alle arti decorative, ed è intorno a questo elemento di assoluto valore identitario che si è voluto
disegnare un progetto espositivo innovativo e di grande suggestione.

È l’occasione per narrare, grazie a testimonianze preziose dell’arte provenienti dai principali musei e collezioni internazionali, l’approccio degli artisti con questo soggetto,
traducendone i mutamenti, le sfaccettature, le simbologie, in un excursus che presenta opere dal Cinquecento al Novecento:
dalla suggestioni dell’antico e del Rinascimento alla forza barocca del Seicento, al Settecento seduttivo e mondano, alla vita borghese
dell’Ottocento, sino alle espressioni più moderne o astratte del XX secolo.

Una mostra corale, un grande affresco, florilegio scoppiettante di colori luci e suoni, che suggerirà anche una liaison
evocativa tra le scuole artistiche regionali italiane e i territori della produzione vinicola,
a mostrare come vino e arte siano entrambi espressioni della cultura e dell’identità dei luoghi.

Quindi, se pure si concentrerà sulle molteplici espressioni dell’arte italiana che hanno colto l’essenza di questo soggetto in tante manifestazioni -
nella mitologia, nella religione, nel mondo dei sentimenti, della convivialità e del lavoro – non mancherà di proporre anche un affascinante e intenso dialogo tra le
creazioni artistiche italiane e quelle di artisti stranieri che hanno avuto uno stretto rapporto con l’Italia, sia culturale sia di vera e propria frequentazione.

Dunque Lorenzo Lotto, Tiziano, Guido Reni, Luca Giordano, Annibale Carracci, Giuseppe Maria Crespi ma anche Peter Paul Rubens, Jusepe Ribera,
Nicolas Poussin, Jacob Jordaens; e poi, Giulio Carpioni, Pietro Longhi, i Bassano, Sebastiano Ricci, Giovanni Battista Tiepolo, Philipp Hackert, Gerrit van Honthorst, Philippe Mercier, Nicholas Tournier e, via via, fino a Morbelli, Nomellini, Inganni, De Pisis, Depero, Morandi, Guttuso, Picasso, per citare alcuni degli artisti in mostra.

Vi è una relazione inevitabile tra i sensi dell’uomo e il vino: dal tatto, quando la mano afferra il bicchiere, all’olfatto che
ne coglie le fragranze, alla vista che ne osserva le rifrangenze, al gusto che lo assapora, fino anche all’udito, in quanto
esso diventa momento di convivialità, incontro, e quindi di dialogo.
Gli artisti si sono fatti interpreti di questo dialogo in immagine, cogliendone le sfumature in un linguaggio fatto di luce, materia e colore.

Dopo alcune “Suggestioni dall’antico” che testimoniano l’esistenza e la penetrazione della cultura del vino in queste terre fin dagli Etruschi - tanto che il termine
“vino” appare nella bronzea Tabula Cortonensis, terzo testo etrusco per lunghezza esposto eccezionalmente in mostra - il percorso espositivo condurrà
dalla sezione del “Vino e Sacro”, con i racconti dell’Antico e del Nuovo Testamento interpretati dall’estro e dal pennello dei grandi maestri,
al “Mito”, ove spicca l’ambivalente figura di Bacco dio dell’ebbrezza e della follia,
ma anche del lavoro e della produttività della terra e protettore delle arti e della creatività; fino alla sezione
dedicata al lavoro, allo scorrere delle stagioni, ai piaceri dell’incontro.

L’immagine del vino, fin dalle prime raffigurazioni dell’arte cristiana, esprime il suo significato fortemente mistico.
Accanto alle rappresentazioni dell’Ultima Cena, come quella di Tiziano dalla Galleria Nazionale delle Marche, e delle Nozze di Canaan - intensa la
versione di Luca Giordano dal Museo Nazionale di Capodimonte - o alle diverse proposte della Cena in Emmaus, gli episodi biblici maggiormente trattati
in mostra sono quelli dell’Ebbrezza di Noé e di Lot e le figlie, dove il vino diviene quasi simbolo da un lato di pietas filiale e dall’altro di umana debolezza.

Si confrontano nelle sale personalità e scuole diverse, che oltre a offrire spunti iconografici e simbologici di interesse ci
permettono di riscoprire autori di grande talento: Massimo Stanzione, Pietro Ricchi, Bernardo Cavallino, in un ovale di esaltante bellezza visiva prestato dal
Museo del Louvre, un inedito Antonio Busca – una delle rare opere firmate dell’artista lombardo - Giacinto Brandi, Gioacchino Assereto, il friulano Nicola Grassi,
il fiorentino ma veneto d’elezione Sebastiano Mazzoni, con la sua costruzione visionaria e dinamicamente inventiva dello spazio, Bartolomeo Guidobono
e ancora Luca Giordano di cui arriverà la versione dell’incestuoso complotto biblico dal Monastero di San Lorenzo de El Escorial, appositamente restaurata per la mostra.

Sui temi bacchici – Sileni, Arianne, Baccanali e quant’altro - la fantasia degli artisti si è sbizzarrita soprattutto tra Sei e Settecento.

Dalla classica visione del mito di Annibale Carracci da Capodimonte e dall’esuberante e gioiosa carnosità del Bacco Ebbro di Peter Paul Rubens, eccezionalmente
prestato dalla Galleria degli Uffizi, al Bacco fanciullo di Guido Reni della Palatina; dal Bacco vendemmiatore di Tommaso Salini, algido e suadente
nella sua giovanile bellezza - in collezione privata a Londra - all’irriverente e grottesco Bacco con quattro uomini anziani di Pietro Vecchia della Banca Popolare di Vicenza;
dal Baccanale dai modi neoveneti di Andrea Da Lione della collezione di Francesco Micheli a Milano
al Baccanale in onore di Pan delle Gallerie dell’Accademia di Veneziadi Sebastiano Ricci, artista di cui giunge dal Museo Ermitage
anche una ammiccante Baccante e satiri; fino al Baccanale di Nicolas Poussin dal Museo del Prado.

Luce e tenebre, Dioniso è anche il doppio, l’ambivalenza, lo si vede anche nella statuaria di cui sono in mostra alcuni esempi di grande
efficacia: come il famoso Ammostatore di Lorenzo Bartolini, la grande Baccante danzante di Luigi Bienaimé, i piccoli marmi con Bacchino ebbro e il Bacchino addormentato appartenenti
alla produzione matura del caposcuola della scultura barocca veneziana Giusto Le Court - apparsi per l’ultima volta insieme oltre trent’anni fa - e i due busti di Bacco e Arianna
di Giovanni Bonazza, tra le sue più belle e significative realizzazioni, solo di recente rese note agli studi.

L’immaginario su Sileno ebbro, vecchio e distrutto dal bere, colui che ha cresciuto Bacco e che apre il corteo in suo onore a dorso di un asino, ha dato vita a capolavori
come quello di Josepe Ribera da Capodimonte e di Gulio Carpioni dal Kunsthistorischesmuseum di Vienna,
in cui Sileno è mostrato senza riserve nellasua nudità e nella sua pingue abbondanza.
Il senso panico della natura, l’atmosfera mitica quanto trasgressiva e “sovversiva” dei Baccanali si stempera nelle scene
di genere, nelle Vendemmie e nelle Allegorie dell’Autunno o ancora nelle raffigurazioni di “natura in posa”, che a partire da due tipici dipinti di Francesco
Bassano e bottega - da Londra e da Madrid - si susseguono in mostra fino a immettere il visitatore nella modernità.

Dal grande ritratto familiare di Jacob Jordaens proveniente dall’Ermitage, ricco di riferimenti simbolici alla fedeltà coniugale ma anche ai “pericoli” degli
eccessi del vino – si passa alle scene di cantina e alle Allegre compagnie come quella tratteggiata da Nicolas Tournier nel bel dipinto proveniente dal Museo
di Le Mans; dalle Allegorie come quelle di Tiepolo, Snyders, Mola, Vassallo, ai paesaggi intensi ed emotivi di Inganni, Nomellini, Morbelli, Tito.
La poetica del Novecento affronta il tema del vino soprattutto con le nature morte. Per Picasso, Sironi, Depero, Morandi, De Pisis, Guttuso i miti diventano altro.

Una mostra intensa e multiforme, anche grazie alle opere d’arte decorativa che accompagnano l’esposizione,
suggerendo interessanti confronti con i tanti contenitori del prezioso liquido,religiosi e profani, raffigurati nei vari dipinti esposti:
uno straordinario Corno potorio di provenienza tedesca del 1370, con corno di bufalo, argento dorato e
smalti; coppe in argento ed oro, vetri di Murano, calici eucaristici come il famoso Calice Sisinnio del Tesoro di San Marco o il Calice di Cosimo Merlini dal Museo
dell’Opera del Duomo di Prato, maioliche delle più importanti manifatture del Quattro e Cinquecento e un nucleo importante
di porcellane e bisquit del XVIII secolo, provenienti dal polo museale napoletano.

Una mostra emotiva, fatta di colori e sapori che, a volo d’uccello, da un secolo all’altro, farà vivere l’incontro
con capolavori d’arte e grandi artisti, per tratteggiare una storia antica, profondamente legata alla nostra terra, al lavoro e alla creatività dell’uomo.

La mostra sarà accompagnata da catalogo Skira e il biglietto includerà il servizio di audioguida.
Particolari inoltre gli eventi e le iniziative promosse “tra arte vino”: a partire dalla presenza, accanto al bookshop - nella sede espositiva affacciata sulla
bellissima Piazza Bra di Verona - di un wine shop in cui acquistare i vini delle aziende sostenitrici dell’evento e di uno spazio degustazione che
proporrà al pubblico abbinamenti tra prestigiose etichette vinicole e i prodotti doc e dop della migliore tradizione locale.


Uffici stampa
Villaggio Globale International
Antonella Lacchin
041/5904893 –335/7185874
lacchin@villaggio-globale.it

Skira
Lucia Crespi
02/89401645
lucia@luciacrespi.it

***

INFO
Per informazioni e prenotazioni
www.mostraarteevino.it
Tel. +39 045 71 101 27

Promozione gruppi
ai gruppi che prenoteranno entro il 12 maggio 2015
sarà riservato il prezzo di 8,00 euro a persona anziché 9,00 euro

Orari
Dal lunedì al giovedì e il sabato e domenica dalle ore 9.30 alle 20.30
Venerdì dalle ore 9:30 alle 22:30 (chiusura biglietteria un’ora prima)
Aperto anche 25 aprile, 1 maggio, 2 giugno e 15 agosto

Biglietti
Intero 12,00 euro (con audioguida compresa)
Ridotto visitatori individuali 9,00 euro (con audioguida compresa)
Ridotto gruppi 9,00 euro (min. 15 max. 25 persone)
Biglietto famiglia 1 adulto + 1 bambino 16,50 euro - 1 adulto + 2 bambini 20,00 euro
Scuole 4,50 euro a bambino
Gratuito (bambini fino ai 6 anni, un accompagnatore per ogni gruppo, disabili, due insegnanti
accompagnatori per classe, guide turistiche con patentino)

Prevendita
1,50 euro per ogni biglietto - 1,00 euro per ogni biglietto scuole

Per eventi e iniziative riservate in mostra
gibin@villaggio-globale.it

Informazioni su eventi in mostra tra arte e vino
www.mostraarteevino.it

Per informazioni turistiche
Via Degli Alpini, 9 (P.zza Bra) – Verona Tel. +39 045 806 86 80 – Fax +39 045 800 36 38 iatverona@provinciadiveronaturismo.it
Per informazioni su pacchetti turistici
Consorzio Verona Tuttintorno Tel. + 39 045 800 94 61 info@veronatuttintorno.it

La sede espositiva ospiterà anche un wine shop dove si potranno acquistare i vini delle aziende sostenitrici della mostra
e uno spazio degustazione che proporrà al pubblico abbinamenti tra prestigiose
etichette vinicole e i prodotti DOC e DOP della migliore tradizione locale.

* per l'acquisto di biglietti integrati visita
+ degustazione si veda il sito ufficiale della mostra
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram