Piero Pizzi Cannella - Le mappe del mondo 3093 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/07/2019
A settembre, a Roma apriranno le porte di una nuova Fondazione
19/07/2019
Addio a Mattia Torre, raffinato autore di teatro e tv, padre della serie Boris
19/07/2019
Il segreto di Stonehenge? Secondo un recente studio, era il lardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva TEATRO INDIA ​ Lungotevere Dei Papareschi Roma 00146

Roma - dal 12 novembre all'undici dicembre 2004

Piero Pizzi Cannella - Le mappe del mondo
[leggi la recensione]

Piero Pizzi Cannella - Le mappe del mondo
[leggi la recensione]
TEATRO INDIA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Lungotevere Dei Papareschi (00146)
+39 0655300961
ufficiostampa@teatrodiroma.net
www.teatrodiroma.net/teatroIndia.asp
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

dieci opere di grandi dimensioni (3x8 metri) e una serie di disegni preparatori che riproducono delle mappe immaginarie o, come lo stesso artista ha voluto sottolineare, delle “mappe di pace” o “mappe per andare via”
orario: da martedì a domenica 16.00 – 20.00. Lunedì chiuso
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 12 novembre 2004. ore 18
editore: GLI ORI
curatori: Achille Bonito Oliva
autori: Piero Pizzi Cannella
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Nei suggestivi spazi del Teatro India di Roma, è in programma, in collaborazione col TEATRO DI ROMA, dal 12 novembre all’11 dicembre, la personale di Piero Pizzi Cannella, dal titolo Le Mappe del Mondo.
La mostra rientra nell’àmbito del progetto voluto dal direttore del Teatro di Roma, Giorgio Albertazzi, che intende affiancare alla normale programmazione teatrale, esposizioni d’arte contemporanea.
Il percorso espositivo, curato da Achille Bonito Oliva, presenta dieci opere di grandi dimensioni (3x8 metri) e una serie di disegni preparatori che riproducono delle mappe immaginarie o, come lo stesso artista ha voluto sottolineare, delle “mappe di pace” o “mappe per andare via”. Quest’iniziativa segue per analogia la mostra “Diari di guerra”, tenuta nel 1991 al Museo d’arte moderna e contemporanea di Gibellina (TP), al termine della prima Guerra del Golfo.
L’opportunità di esporre in uno spazio atto a ospitare spettacoli di teatro, ha spinto Pizzi Cannella a creare delle opere pensate appositamente per questo ambiente, e la cui visione generasse una sorta di ‘colpo di scena’. L’artista romano, infatti, appenderà le proprie ‘mappe’ a un’altezza di otto metri dal suolo, come degli affreschi dipinti all’interno di una chiesa o di un palazzo antico.
“Le immagini che Pizzi Cannella dipinge – sottolinea Achille Bonito Oliva, nel suo testo in catalogo – non possono essere se non quelle prodotte artificialmente dalla civiltà industriale, con tutti i suoi simboli e i suoi emblemi di consumismo. La tecnica è quella della mappa, fatta di inquadrature di particolari e di dettagli. Il quadro diventa il luogo di un’azione in cui la mano dell´artista mette a fuoco l´immagine immergendola nel tessuto cromatico della pittura”.
Accanto a tali emblemi Pizzi Cannella recupera anche dettagli di paesaggio naturale ma sempre costituiti mediante un linguaggio adeguato ai modi espressivi del proprio tempo. Poi passa a evidenziare, sempre in termini di pittura, altre tipologie d´immagini, legate alla geografia.
La mostra è accompagnata da un catalogo (edizioni Gli Ori) che presenta, oltre alla riproduzione di tutte le opere esposte, il testo critico di Achille Bonito Oliva.





Piero Pizzi Cannella è nato a Rocca di Papa il 20 novembre 1955. Vive e lavora a Roma.
Inizia a dipingere da bambino. Nella seconda metà degli anni settanta frequenta l’Accademia di Belle Arti a Roma e la facoltà di filosofia all’Università degli studi “La Sapienza”. Nel ’77 tiene la sua prima mostra personale a Roma alla galleria “La Stanza”. Dopo la personale all’“Attico”di Roma nel 1983, seguono quelle all’Annina Nosei Gallery di New York, alla Skulima di Berlino, alla galleria Bagnai di Siena, alla Triebold di Basilea, alle gallerie Vidal-Saint Phalle, Di Meo a Parigi. Successivamente diversi musei d’arte contemporanea ospitano sue mostre personali tra cui: Mala Galerija Lijubijana (Le Porte d’oriente, 1990), il Museo Civico di Gibellina (Diari di guerra, 1991). Nel ’97 la città di Siena gli dedica la prima antologica allo Spedale Santa Maria della Scala presentando opere che vanno dal 1978 al 1997. Nel 2001 il Museo Archeologico di Aosta ha esposto una selezione di sue opere su carta (Carte 1980-2001). Seguono nel 2002 la mostra al Centro Internazionale di Arte Contemporanea del Castello Colonna di Genazzano (Polittici 2001-2002), e nel 2004 all’Hotel des Arts - Centre Méditerranéen d’Art di Toulon (Pizzi Cannella, sept ou huit chambres à l’Hotel des Arts). Ha inoltre partecipato alle principali rassegne artistiche nazionali e internazionali quali la Nouvelle Biennale de Paris; Prospect ’86 alla Kunsthalle di Francoforte; la Biennale di Sidney; la Biennale Internazionale d’Arte di Istanbul; Orientamenti dell’arte italiana, Casa Centrale dell’Artista, Mosca, Leningrado; la XLIII Biennale di Venezia; Roma Interna al Museum Moderner Kunst Stiftung di Vienna; e alla XII Quadriennale di Roma al Palazzo delle Esposizioni; Arte Italiana- Pittura Iconica, Galleria d’arte Moderna di Bologna e alla prima Biennale Internazionale d’arte di Pechino.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram