Maria Rebecca Ballestra - Journey into Fragility 3089 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/06/2019
Sull’isola di Than Hussein Clark con Catherine David. Talk da KURA
20/06/2019
Le proiezioni sui monumenti di Londra per promuovere il nuovo album di Thom Yorke
20/06/2019
La pistola con cui si uccise Vincent van Gogh è stata venduta all'asta
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva ISOLA DELLA CERTOSA ​ Venezia 30100

Venezia - sab 9 maggio 2015

Maria Rebecca Ballestra - Journey into Fragility

Maria Rebecca Ballestra - Journey into Fragility

 [Vedi la foto originale]
ISOLA DELLA CERTOSA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
(30100)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Journey into Fragility (www.journeyintofragility.com) è un progetto biennale su arte e ambienteche si ispira alla Carta per la Terra e per l’Uomo del poeta e saggista Massimo Morasso.A conclusione dei due anni di peregrinazione del progetto in quattro continenti, il suo spirito e i suoi contenuti filosofici ed ambientali prendono forma in un opera permanente sull’Isola della Certosa
vernissage: 9 maggio 2015. ore 18
catalogo: in galleria.
editore: ALLEMANDI
ufficio stampa: press.journeyintofragility@gmail.com
curatori: Paola Valenti
autori: Maria Rebecca Ballestra
note: Sabato 9 Maggio (solo su prenotazione): Navetta da Giardini dell’Arsenale all’Isola della Certosa ore 17.30 RSV a info@rebeccaballestra.com
genere: arte contemporanea, inaugurazione, personale
email: journeyintofragility@gmail.com
web: www.journeyintofragility.com

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Journey into Fragility (www.journeyintofragility.com) è un progetto biennale su arte e ambiente

dell’artista Maria Rebecca Ballestra, curato da Paola Valenti, promosso dall'ADAC (Archivio d’Arte

Contemporanea dell’Università di Genova) e patrocinato dalla Fondazione Principe Alberto II di

Monaco, e dall’Associazione Italiana della Fondation Prince Albert II de Monaco onlus, che si ispira

alla Carta per la Terra e per l’Uomo del poeta e saggista Massimo Morasso. La Carta per la Terra e per

l'Uomo - sottoscritta dai più famosi poeti al mondo, tra cui 5 premi Nobel e 6 premi Pulitzer - si compone

di dodici tesi per riscrivere costruttivamente il tema della crisi ambientale e il progetto Journey into

Fragility si è ispirato ad esse per sviluppare dodici diversi progetti in dodici diversi luoghi del mondo,

con l’intento di sviluppare un dialogo costruttivo sull'ambiente e sul valore del vivere sulla Terra.

A conclusione dei due anni di peregrinazione del progetto in quattro continenti, il suo spirito e i suoi

contenuti filosofici ed ambientali prendono forma in un opera permanente sull’Isola della Certosa.

L’opera sarà strutturata in tre interventi: la passerella di accesso all’isola ospiterà un omaggio alla Carta

per la Terra e per l’Uomo, attraverso l’inserimento lungo tutto il percorso dei nomi dei firmatari della

Carta incisi su targhe di acciaio; il giardino ospiterà un omaggio al progetto Journey into Fragility

composto da 12 calotte in acciaio su cui sarà inciso il luogo di ognuna delle dodici tappe toccate dal

progetto e la loro distanza in Km rispetto all’isola; un terzo intervento sarà un omaggio al viaggio, al

viaggio fisico ed interiore, all’andare verso orizzonti sconosciuti, oltre i propri limiti e le proprie

conoscenze: una traccia audio con estratti dei racconti di viaggio vissuti dall’artista durante i due anni di

progetto, letture poetiche e le tesi della Carta per la Terra e per l’Uomo.

La collocazione dell’opera trova sull’Isola della Certosa la sua perfetta sede: il progetto di riqualificazione

di una delle più estese isole minori della laguna di Venezia prevede il completo recupero dell’isola per la

creazione di un parco accessibile al pubblico e privo di barriere architettoniche, con la realizzazione di

aree e percorsi attrezzati e la conservazione del patrimonio naturalistico su oltre due terzi dell’intera

superficie. Vento di Venezia (www.ventodivenezia.it) cura, in partenariato con il Comune di Venezia,

l’intero progetto del Parco della Certosa, ed è naturalmente votato ai migliori principi di sostenibilità e

basso impatto ambientale offrendo servizi integrati per la nautica da diporto, lo sport, l’educazione

ambientale, l’ospitalità turistico-alberghiera, manifestazioni sportive e culturali.

La presentazione dell’intero progetto avverrà sul catamarano solare PlanetSolar

(www.planetsolar.com) la prima imbarcazione al mondo ad aver fatto il giro del globo utilizzando

esclusivamente l’energia solare. Il primo giro del mondo è durato ben 584 giorni di navigazione, con più

di 60.000 km percorsi. Il catamarano, di ideazione svizzera e costruito in Germania, ha toccato ben 28

Paesi – dagli Stati Uniti al Messico, dall’Australia agli Emirati Arabi – promuovendo l’utilizzo dell’energia

solare e dimostrando l’efficacia delle tecnologie attualmente disponibili.

PlanetSolar e Journey into Fragility condividono il viaggio come mezzo per portare all'attenzione un

utilizzo inedito dell'energia solare, nel primo caso, e proposte di rinnovamento e sostenibilità

ambientale, nel secondo.

Gli inviti e il catalogo sono stampati su Shiro Alga Carta di Favini, una carta ecologica unica nata dalle

alghe infestanti della Laguna di Venezia, una soluzione innovativa brevettata da Favini per la protezione

di fragili ecosistemi lagunari. Le alghe eccedenti vengono mescolate con fibre certificate FSC. Favini ha

scelto di neutralizzare le emissioni residue non evitabili di Shiro partecipando al finanziamento di un

progetto legato all’energia rinnovabile. In particolare, l’attività ha sede in India e prevede la produzione

di energia pulita sfruttando la forza del vento tramite turbine eoliche, riducendo l’utilizzo di combustibili

fossili. (www.favini.com)

CATALOGO:

Journey into Fragility, curato da Paola Valenti, edito da Allemandi, 128 pag. bilingue inglese/italiano.

Testi di: Paola Valenti, Massimo Morasso, Thomas Kalau, Luca Bochicchio, Daniela Legotta, Mamia Bretesche, Luca Zordan,

Fabio Carnaghi, Alessandra Piatti, Sara Rees, Leo Lecci, Stella Rouskova, Joachim Arndt, Rachela Abbate;

INFO UTILI - Trasporti:

Sabato 9 Maggio (solo su prenotazione):

Navetta da Giardini dell’Arsenale all’Isola della Certosa ore 17.30

RSV a info@rebeccaballestra.com

Giorni successivi

ACTV, Linea 4.1 e 4.2 ogni 20' dalle 06.20 alle 20.00; Linea 5.1 e 5.2 dalle 21.00 alle 24.00 ogni 30'.

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram