Fogli di pensieri. I disegni inediti di Costantino Barbella 3057 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2018
Storie di ordinario modernismo. Al MAXXI, Artapes presenta Jonathas de Andrade
18/06/2018
Le opere di Ai Weiwei in vendita su Ebay, per aiutare i rifugiati
17/06/2018
L’ultimo video di Beyoncé e Jay Z è da museo. Visto che è stato girato al Louvre
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva BASILICA E CONVENTO DI SAN DOMENICO MAGGIORE ​ Piazza San Domenico Maggiore Napoli 80134

Napoli - dal 7 maggio al 6 giugno 2015

Fogli di pensieri. I disegni inediti di Costantino Barbella

Fogli di pensieri. I disegni inediti di Costantino Barbella
Costantino Barbella, Nudo di donna distesa. Studio per Ebrezza-matita-courtesy DATABENC-Art
 [Vedi la foto originale]
BASILICA E CONVENTO DI SAN DOMENICO MAGGIORE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza San Domenico Maggiore (80134)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Il corpus inedito, presentato anche nel catalogo, consta di numerosi fogli, talvolta disegnati su entrambi i lati, e due taccuini per un totale di oltre 240 disegni. Alcuni fogli recano anche appunti e note di promemoria. Matita, pastello, inchiostro e carboncino sono le tecniche grafiche utilizzate, spesso anche combinate tra loro, e impiegate sui supporti cartacei più vari (carta bianca o avorio, grigio-azzurra, cartoncino, fogli di taccuino, carta di giornale, carta quadrettata etc.)
orario: ore 11,00 – 19,00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 7 maggio 2015. ore 19
catalogo: in galleria. Databenc_Press
ufficio stampa: alessandra.cusani@gmail.com
curatori: isabella valente
autori: Costantino Barbella
genere: personale, disegno e grafica, arte moderna
web: www.ilbellooilvero.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
"Fogli di pensieri” è il titolo della mostra a cura di Isabella Valente che sarà inaugurata  giovedì 7 maggio alle ore 19 nello splendido scenario del Convento di San Domenico Maggiore e che rivelerà al pubblico oltre 100 disegni di Costantino Barbella, uno degli scultori più amati ed apprezzati dal collezionismo otto-novecentesco. L’evento, promosso da Databenc (Distretto ad Alta TecnologiA per i BENi Culturali) e dall’Università di Napoli Federico II in collaborazione con l'Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, si aggiunge al calendario di iniziative organizzate nell’ambito della mostra Il Bello o il Vero per la riscoperta della scultura napoletana del secondo Ottocento e del primo Novecento. Alle oltre 290 sculture già presenti in mostra di maestri come Vincenzo Gemito, Francesco Jerace, Tito Angelini, Achille d’Orsi, Emilio Franceschi, Luigi De Luca, Stanislao Lista, Giovanni Tizzano e lo stesso Costantino Barbella, si è voluto affiancare un evento speciale dedicato al ruolo del disegno nell’atto ideativo e preparatorio della scultura. Una straordinaria occasione per ammirare taccuini, segni e bozzetti che, più di qualsiasi altra forma d’arte, rappresentano l’annotazione privata dell’artista, la sua memoria di viaggio, le riflessioni su cose viste, vissute o anche solo immaginate. I lavori esposti si presentano con forme e finiture che vanno ben oltre il carattere di semplice appunto mnemonico. Non sono solo una pura e semplice traccia grafica, ma un vero e proprio progetto artistico già presente e definito nella mente del maestro. Essi traducono, al di là della loro finitezza esteriore, un’idea e un percorso concreti e una visione precisa e finalizzata dell’opera. Come afferma Pasquale Del Cimmuto nel suo saggio critico riportato nel catalogo pubblicato da Databenc_Press (Costantino Barbella, Fogli di pensieri 1852-1925, a cura di Isabella Valente e Pasquale Del Cimmuto), i disegni di Barbella si inscrivono in «un cerchio di analisi che trova i suoi punti di interesse nel completamento ideale della conoscenza del mondo ispirativo dell’artista chietino. A fronte di una produzione scultoria ampiamente nota e fortemente connotata, è qui possibile cogliere un coacervo di temi e soggetti rimossi, per così dire, dalla progettazione materiale, ovvero stesure e riletture stilistiche, di postura e di interrelazione, dei principali personaggi che animarono l’infinito e straordinario universo creativo dello scultore». Il corpus inedito, presentato anche nel catalogo, consta di numerosi fogli, talvolta disegnati su entrambi i lati, e due taccuini per un totale di oltre 240 disegni. Alcuni fogli recano anche appunti e note di promemoria. Matita, pastello, inchiostro e carboncino sono le tecniche grafiche utilizzate, spesso anche combinate tra loro, e impiegate sui supporti cartacei più vari (carta bianca o avorio, grigio-azzurra, cartoncino, fogli di taccuino, carta di giornale, carta quadrettata etc.). Costantino Barbella (1852-1925), scultore d’origine abruzzese, napoletano di formazione, ha vissuto fra Napoli, le terre chietine e Roma. Fortemente presente nel panorama artistico del suo tempo, Barbella formulò un’idea di realismo minuto, indagando gli aspetti più quotidiani della vita dei pastori e contadini abruzzesi e dei borghesi della propria società. Con uno stile veloce ed estremamente moderno nei bozzetti modellati dalla luce, dettagliato e rifinito nelle opere finali di altissima qualità, libero nel segno grafico dei disegni, Barbella fu tra le personalità artistiche più stimate della sua epoca, molto amato da critici e intellettuali, come Gabriele D’Annunzio, Matilde Serao, Domenico Scarfoglio, Primo Levi, Francesco Paolo Michetti, Francesco Paolo Tosti, che furono anche suoi prediletti collezionisti. Anche in sede critica, riportò sempre considerazioni positive e riconoscimenti, medaglie e onorificenze, conferitegli dai giurì delle mostre cui prendeva parte, in Italia e in Europa. Nella mostra e nel catalogo sono proposti i disegni, provenienti dalle carte d’artista, intesi come riflessioni e pensieri personali. Se ne deduce una personalità sensibile, autonoma dalle imposizioni accademiche, libera nell’uso degli strumenti grafici e sorprendentemente moderna.
 
Manifesta 12 - Palermo - La guida con tutti gli eventi e non solo
trovamostre
@exibart on instagram