Pompei e l’Europa 1748-1943 3096 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva SCAVI DI POMPEI ​ Piazza Anfiteatro Pompei 80045

Pompei (NA) - dal 26 maggio al 2 novembre 2015

Pompei e l’Europa 1748-1943

Pompei e l’Europa 1748-1943
SCAVI DI POMPEI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Anfiteatro (80045)
+39 0818575347
www.pompeiisites.org
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La prima delle due tappe è nel salone della Meridiana del Museo Archeologico di Napoli. Qui invece la quotidianità, sconvolta dalla terribile eruzione del 79 d.C, viene rievocata e riportata alla luce direttamente nello spazio dell’Anfiteatro, dove si snoda il secondo itinerario della mostra.
orario: aperto tutti i giorni dalle 8.30 alle 19.30 ino al 31 ottobre 2015
dalle 8.30 alle 17.00, 1 e 2 novembre
ultimo ingresso alle 18.00
ultimo ingresso alle 15.30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: intero 13 euro — ridotto 7.50 euro
biglietto cumulativo per i cinque siti archeologici:
intero 22 euro — ridotto 12 euro
vernissage: 26 maggio 2015. su invito
editore: ELECTA
genere: documentaria, archeologia, arte antica
web: www.mostrapompeieuropa.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Un grande progetto espositivo per raccontare la suggestione evocata dal sito archeologico di Pompei sugli artisti e nell’immaginario europeo, dall’inizio de- gli scavi nel 1748 al drammatico bombardamento del 1943. È Pompei e l’Europa. 1748 - 1943, la mostra a cura di Massimo osanna, Maria teresa caracciolo e luigi Gallo che apre al pubblico il prossimo 27 maggio al Museo Archeologico Nazionale di Napoli e in contemporanea all’Anfiteatro di Pompei, ai ancandosi per importanza e prestigio al programma di eventi previsti per Expo Milano 2015. Promossa dalla Soprintendenza Speciale per Pompei, Ercolano e Stabia e dalla Dire- zione Generale del Grande Progetto Pompei, con il Museo Archeologico Nazionale di Napoli Soprintendenza per i Beni Archeologici di Napoli, la rassegna - organizzata da Electa e il cui allestimento è ai dato a Francesco Venezia - si articola come un vero e proprio viaggio, grandioso e complesso, in cui l’antico dialoga con il moderno, la natura con le arti e l’archeologia. A scandire la prima delle due tappe del percorso espositivo, suddiviso in quattro sezioni cronologiche, più di 250 opere tra reperti antichi e capolavori moderni (dipinti, disegni, raccolte di stampe, progetti architettonici, fotograi e, sculture, oggetti, libri, ecc.), provenienti dai più grandi musei italiani e stranieri e riunite per l’occasione nel salone della Meridiana del Museo Archeologico di Napoli. Il continuo confronto che ne scaturisce documenta come Pompei, con le sue rovine sepolte e la sua classicità, abbia af ascinato per quasi duecento anni gli artisti di tutta Europa - da ingres a Picasso, da Normand a le corbusier, da Moreau a Klee -, inl uenzato il gusto di intere corti e residenze, nella letteratura come nel teatro, nella musica come nell’estetica, svolgendo un ruolo fondamentale anche per gli sviluppi dell’archeologia moderna. Una riscoperta davvero eccezionale e rivoluzionaria quella di Pompei la cui quotidia- nità, sconvolta dalla terribile eruzione del 79 d.C, viene rievocata e riportata alla luce direttamente nello spazio dell’Ani teatro, dove si snoda il secondo itinerario della mostra. Qui, per la sezione “rapiti alla morte” a cura di Massimo osanna e Adele lagi, i calchi realizzati a partire da quelli di Giuseppe Fiorelli, rilevando le impronte lasciate dai corpi degli sfortunati abitanti della città nel materiale vulcanico, vengono presentati per la prima volta al pubblico dopo il recente restauro della Soprinten- denza, a cura di Massimo osanna e Adele lagi. Ad accoglierli un progetto di Fran- cesco Venezia di grande impatto e forza evocativa pensato per ospitare, a completa- mento del percorso espositivo, anche la mostra “la fotograi a” curata da Massimo osanna, Ernesto De carolis e Grete Stefani. Una selezione di scatti e immagini, tra cui molte inedite, testimonia il progresso degli scavi tra Ottocento e Novecento of rendo ai visitatori un contributo visivo e documentario di straordinario valore che concorre a ricostruire, con il resto dell’esposizione, la fortuna e l’irraggiamento cultu- rale del celebre sito archeologico. La mostra è visitabile i no al 2 novembre 2015. A corredo della rassegna un ricco catalogo in tre edizioni - italiano, inglese e fran- cese - pubblicato da Electa, con numerosi contributi critici ai dati a autorevoli studiosi italiani e stranieri.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram