GuilmiArtProject 2015 3092 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/06/2019
L'Adidas ha annunciato una capsule collection omaggio a Keith Haring
21/06/2019
La scuola di Twin Peaks verrà demolita a luglio
21/06/2019
Valentino Catricalà è il direttore della sezione arte di Maker Faire Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GUILMIARTPROJECT ​ Via Italia 30 Guilmi 66050

Guilmi (CH) - dal 25 luglio al 13 agosto 2015

GuilmiArtProject 2015

GuilmiArtProject 2015
Enzo Sivillo Fascetto, GuilmiArtProject 2015

 [Vedi la foto originale]
GUILMIARTPROJECT
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Italia 30 (66050)
guilmiartproject@gmail.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Un denso calendario di eventi, laboratori e didattica in piazza, ad affiancare il progetto context specific di Elena Mazzi per GuilmiArtProject 2015, che verterà su tematiche a lei care. GuilmiArtProject è un progetto di arte pubblica nel comune di Guilmi (Ch) che fa bene a chi vi prende parte
orario: lunedì - domenica 10-20
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 25 luglio 2015. ore 18
curatori: Federico Bacci, Pietro Gaglianò, Lucia Giardino
autori: Luca Giovanni Bruno, Andras Calamandrei, Alessandro Carboni, Matteo Coluccia, Elena Mazzi, Daniela Pitrè
patrocini: Comune di Guilmi - Sponsor Fratelli Edison, Firenze Azienda Agricola Antiche Grotte, Guilmi (Ch)
genere: fotografia, performance - happening, presentazione, incontro - conferenza, serata - evento, giovane arte, altro

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Un artista in residenza, tre incontri di Nuova Didattica Popolare, due progetti artistici sperimentali, workshop e autoproduzioni, sono solo alcuni dei contenuti di GuilmiArtProject 2015. Tra le novità del programma di residenza d’artista e di formazione all’arte contemporanea, che da otto anni prende forma nell’Alto Vastese, il coinvolgimento diretto di giovani guilmesi chiamati a rimodulare le proposte artistiche nel segno di un radicamento trasversale nel territorio, coltivando collaborazioni proficue tra locali ed ospiti.
L’artista che risiederà nella casa in via Italia 30 di Guilmi per circa un mese, tra luglio e agosto, è Elena Mazzi (Reggio Emilia, 1984) emiliana d’origine, ma di base a Venezia, da dove lavora a progetti singoli o in collaborazione con collettivi e altri artisti, che vedono la luce in laguna o nell’altro capo del mondo. Elena Mazzi rappresenta per GuilmiArtProject una scelta pienamente in linea con la poetica del progetto, ma proiettata in un rilancio verso nuove prospettive. Il suo approccio si traduce in un interesse prismatico verso le realtà umane, geografiche, sociali e culturali con le quali entra in contatto, mettendo in atto un metodo in cui le interrogazioni volte alla comprensione degli strati oltre superficie e l’inclusione delle diversità diventano parte integrante dell’opera. Bandita l’autoreferenzialità formale e autoriale come condizione essenziale, nei suoi progetti Elena Mazzi ingloba una coralità fatta di professionisti provenienti dai campi più disparati e punti di vista che risultano determinanti proprio perché eccentrici.
I giorni precedenti alla presentazione del progetto finale di Elena Mazzi vedranno il paese movimentarsi con workshop esperienziali tenuti da artisti e professionisti quali Luca Bruno (Rocca Spinalveti 1988) Andras Calamandrei (Zofingen, CH, 1975), Alessandro Carboni (Cagliari), Andrea Melò (Bologna 1968), coordinati da Federica Berardi, Valentina Cencetti, Paride Di Nardo, Francesco Eppesteingher, Eleonora Racciatti e dedicati alle generazioni più giovani di guilmesi; con due progetti artistici sostenibili e sperimentali di Daniela Pitrè (Cagliari, 1984) e Matteo Coluccia (Neviano, 1992); e con le seguitissime serate della Nuova Didattica Popolare del critico Pietro Gaglianò. A Michele Lancuba aka Santo Johnny andrà come di consueto, il compito di chiudere in musica l’edizione 2015 di GuilmiArtProject. La residenza d’artista è curata da Federico Bacci e Lucia Giardino.

1- 14 agosto: Gap-labs con Luca Bruno, Andras Calamandrei, Alessandro Carboni, Andrea Melò

7 - 12 agosto: Nuova Didattica Popolare di Pietro Gaglianò

13 agosto: presentazione del progetto di Elena Mazzi

a seguire party di chiusura con Santo Johnny

Elena Mazzi (Reggio Emilia, 1984; vive e lavora a Venezia). Dopo gli studi in storia dell’arte all’Università di Siena si laurea in Arti Visive presso lo IUAV di Venezia. Ha trascorso un periodo di studi presso la Royal Academy of Art di Stoccolma. Nel 2011 vince la borsa Movin’up per un progetto di residenza a San Francisco in collaborazione con il gruppo Future Farmers. È stata tra gli artisti in residenza presso la Fondazione Bevilacqua La Masa, Venezia, e in Viafarini, Milano. È tra gli artisti invitati alla prossima Biennale di Instanbul. Tra le principali mostre ricordiamo: Collective memory and social space, galleria Botkyrka Konsthall, Stoccolma, Letters from the sky, video art festival COP17, Durban (Africa), COMMON GROUND, projects for the Lagoon, Palazzetto Tito, Venezia (Fondazione Bevilaqua LaMasa), TRA/ARADA/INBETWEEN, Istanbul, Mirror Project # 6, Elena Mazzi | mass age, message, mass age, Barriera Arte, Torino. Nel 2013 è finalista del Premio Celeste. Nel 2014 è selezionata per il progetto EGE-European Glass Experience, mostra itinerante nei migliori musei del vetro d’Europa, e partecipa collateralmente alla 14° Biennale d’Architettura di Venezia e alla prima Biennale di Fittja (Stoccolma).


GuilmiArtProject (GAP) è un programma di residenza artistica e di formazione ai linguaggi dell’arte contemporanea a cadenza annuale nel comune di Guilmi (Ch). Dal 2007 Federico Bacci e Lucia Giardino invitano artisti visivi nella propria casa nel centro cittadino, al fine della produzione di un’opera che si ponga in dialogo a vari livelli col paese e/o con la comunità. L’opera viene presentata in una festa corale intorno alla metà di agosto. In residenza nelle precedenti edizioni, gli artisti Marco Mazzoni (2009), Alessandro Carboni (2010), Nicola Toffolini (2011), Emanuela Ascari (2012), DEM (2012), Fabrizio Prevedello (2013), Juan Pablo Macías (2014).
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram