Autobiografia di una galleria 3078 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva FONDAZIONE MARCONI ​ Via Alessandro Tadino 15 Milano 20124

Milano - dall'undici novembre 2004 al 21 gennaio 2005

Autobiografia di una galleria
[leggi la recensione]

Autobiografia di una galleria
[leggi la recensione]
FONDAZIONE MARCONI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Alessandro Tadino 15 (20124)
+39 0229419232 , +39 0229417278 (fax)
info@fondazionemarconi.org
www.fondazionemarconi.org
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

In occasione dell'apertura della Fondazione Marconi, quasi quarant anni dopo, l'11 novembre 2004 verrà inaugurata, sempre in Via Tadino 15 ma in uno spazio completamente rinnovato di 1000 mq, la mostra Autobiografia di una galleria
orario: martedi al sabato 10,30-12,30 / 15,30-19
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 11 novembre 2004. ore 19
editore: SKIRA
ufficio stampa: CRISTINA PARISET
curatori: Giorgio Marconi
autori: Valerio Adami, Enrico Baj, Davide Benati, Joseph Beuys, Peter Blake, Alighiero Boetti, Erik Bulatov, Alberto Burri, Alexander Calder, Antony Caro, Nicola Carrino, Enrico Castellani, Patrick Caulfi, Alik Cavaliere, Bruno Ceccobelli, Mario Ceroli, Cèsar César, Marc Chagall, Hsiao Chin, James Coleman, Gianni Colombo, Willem de Kooning, Lucio Del Pezzo, Sonia Delaunay, Bruno Di Bello, Antonio Dias, Evgeni Dibsky, Jiri Georg Dokoupil, Pietro Dorazio, Enzo Esposito, Amarena Fabbri, Dario Fo, Lucio Fontana, George Foreman, Sam Francis, Richard Hamilton, David Hochney, Marcello Jori, Anselm Kiefer, Martin Kippenberger, Franz Kline, Ivan Lubennikov, Markus Lüpertz, Giuseppe Maraniello, Nino Migliori, Joan Miró, Aldo Mondino, François Morellet, Louise Nevelson, Helmut Newton, Gastone Novelli, Arnaldo Oomodoro, Giulio Paolini, Eduardo Paolozzi, Gianfranco Pardi, A.R. Penck, Harold Persico Paris, Francis Picabia, Pablo Ruiz Picasso, Concetto Pozzati, Man Ray, Larry Rivers, Bepi Romagnoni, Mimmo Rotella, Emilio Scanavino, Mario Schifano, Giuseppe Spagnulo, Daniel Spoerri, Aldo Spoldi, Lev Tabenkin, Emilio Tadini, Antoni Tàpies, Hervé Télémaque, Joe Tilson, Lee U Fan, Giuseppe Uncini, Franco Vaccari, Grazia Varisco, Oleg Vasiliev, Emilio Vedova, Bernar Venet, Franco Vimercati, Christo Vladimirov Javasev, Gerhardt Von Graevenitz, Tom Wesselmann, William T. Wiley
genere: arte contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
L'11 novembre 1965, a Milano, in via Tadino 15, in un salone al primo piano di un edificio all'interno di un cortile, si inaugura lo Studio Marconi con una mostra dedicata a Valerio Adami, Lucio Del Pezzo, Mario Schifano ed Emilio Tadini, quattro artisti trentenni fra i più interessanti in Italia. L'invito consiste in una scatola contenente quattro puzzles riproducenti ciascuno un opera degli stessi artisti. E' l'inizio di un attività espositiva e culturale che Giorgio Marconi programma e dirige con intelligenza e passione, promuovendo giovani artisti parallelamente a mostre di maestri già affermati a livello sia nazionale che internazionale, esposizioni realizzate grazie alla collaborazione di studiosi e critici d'arte italiani e stranieri.

In occasione dell'apertura della Fondazione Marconi, quasi quarant anni dopo, l'11 novembre 2004 verrà inaugurata, sempre in Via Tadino 15 ma in uno spazio completamente rinnovato di 1000 mq, la mostra Autobiografi a di una galleria. Lo Studio Marconi 1965/1992. Il desiderio di Giorgio Marconi, che ha organizzato la mostra, è quello di far conoscere ai più giovani e a chi non ne ha avuto modo in passato il clima artistico di quegli anni. Un centinaio di presenze nei quattro piani della Fondazione Marconi testimonieranno le scelte, il percorso, e gli sviluppi dell'attività della galleria.
Dal 1965 al 1992 hanno esposto allo Studio Marconi più di un centinaio di artisti ''scelti non solo tra le varie tendenze che si sono rincorse in quegli anni, ma cercando di individuare, all'interno di quelle tendenze, le personalità e i valori che mi sembravano più rappresentativi di quel momento...'' (Giorgio Marconi)

La mostra sarà accompagnata da un catalogo di circa 320 pagine con un ampio testo- intervista di Natalia Aspesi, una rassegna antologica delle mostre realizzate nell arco di quasi trent'anni, corredata da una ricca selezione di opere e testi critici, pubblicato da Skira Editore.

La Fondazione Marconi Arte Moderna e Contemporanea, che fa capo a Giorgio Marconi, si occupa della valorizzazione di alcuni importanti fondi e collezioni di artisti del '900, da Man Ray a Sonia Delaunay, da Lucio Fontana a Gianni Colombo, da Mario Schifano a Enrico Baj ed Emilio Tadini, con l'organizzazione di mostre nella propria sede di Via Tadino 15 e collaborando con musei e istituzioni pubbliche e private.

Artisti in esposizione:
Valerio Adami, Enrico Baj, Georg Baselitz, Davide Benati, Joseph Beuys, Peter Blake, Alighiero Boetti, Erik Bulatov, Alberto Burri, Alexander Calder, Anthony Caro, Nicola Carrino, Enrico Castellani, Patrick Caulfi, Eld Alik Cavaliere, Bruno Ceccobelli, Mario Ceroli, César, Marc Chagall, Christo, James Coleman, Gianni Colombo, Sonia Delaunay, Lucio Del Pezzo, Antonio Dias, Bruno Di Bello, Evgeni Dibsky, Jiri Georg Dokoupil, Piero Dorazio, Enzo Esposito, Agenore Fabbri, Dario Fo, Lucio Fontana, Sam Francis, Richard Hamilton, David Hockney, Hsiao Chin, Marcello Jori, Anselm Kiefer, Martin Kippenberger, Franz Kline, Willem de Kooning, Lee-U-Fan, Ivan Lubennikov, Markus Lüpertz, Man Ray, Giuseppe Maraniello, Nino Migliori, Joan Mirò, Aldo Mondino, François Morellet, Louise Nevelson, Helmut Newton, Gastone Novelli, Giulio Paolini, Eduardo Paolozzi, Gianfranco Pardi, Harold Persico Paris, A.R. Penck, Francis Picabia, Pablo Picasso, Arnaldo Pomodoro, Concetto Pozzati, Larry Rivers, Bepi Romagnoni, Mimmo Rotella, Emilio Scanavino, Mario Schifano, Giuseppe Spagnulo, Daniel Spoerri, Aldo Spoldi, Lev Tabenkin, Emilio Tadini, Antoni Tàpies, Hervé Télémaque, Joe Tilson, Giuseppe Uncini, Franco Vaccari, Grazia Varisco, Oleg Vasiliev, Emilio Vedova, Bernar Venet, Franco Vimercati, Gerhardt Von Graevenitz, Tom Wesselmann, William T. Wiley.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram