Umberto Mariani - Plutone e Dioniso. In ricordo di Dag Hammarskioeld 1905-1961 3086 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEO DEL TESSUTO - EX FABBRICA CAMPOLMI ​ Via Puccetti 3 Prato 59100

Prato - dal 19 settembre al primo novembre 2015

Umberto Mariani - Plutone e Dioniso. In ricordo di Dag Hammarskioeld 1905-1961

Umberto Mariani - Plutone e Dioniso. In ricordo di Dag Hammarskioeld 1905-1961

 [Vedi la foto originale]
MUSEO DEL TESSUTO - EX FABBRICA CAMPOLMI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Puccetti 3 (59100)
+39 0574611503 , +39 0574444585 (fax)
info@museodeltessuto.it
www.museodeltessuto.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

l’autore presenta una grandiosa installazione ambientale sviluppata su circa 200 metri quadrati dedicata in generale al tema della Pace, ma più precisamente a Dag Hammarskioeld, secondo,in termini cronologici, Segretario Generale dell’ONU e deceduto nel 1961 in Rodhesia in un misterioso incidente aereo.
orario: Da martedì a domenica 14.30 — 19.30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 19 settembre 2015. ore 17
catalogo: in galleria.
editore: ALLEMANDI
ufficio stampa: CRISTINA PARISET
curatori: Marco Meneguzzo
autori: Umberto Mariani
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Umberto Mariani (Milano 1936) artista tra i più significativi della sua generazione, ritorna in Toscana con un’ampia mostra personale dopo quella precedenti del 2011 (Firenze,Galleria di Palazzo Medici e Biblioteca Riccardiana) e quella del 2013 (Sala Sant’Ignazio, Arezzo).In questa occasione pratese, oltre un’ampia scelta di opere storiche che vanno dal 1967 al 2014. l’autore presenta una grandiosa installazione ambientale sviluppata su circa 200 metri quadrati dedicata in generale al tema della Pace, ma più precisamente a Dag Hammarskioeld, secondo,in termini cronologici, Segretario Generale dell’ONU e deceduto nel 1961 in Rodhesia in un misterioso incidente aereo. Per la sua opera nello stesso anno gli fù assegnato il Premio Nobel per la Pace. Nel !965 Marc Chagal realizzò una vetrata dedicata a Hammarskioeld che venne collocata all’interno del Palazzo dell’ONU a New York. Il titolo Plutone e Dioniso vuole mettere a confronto due divinità della mitologia antica ovvero il Dio degli inferi, delle tenebre e delle proprietà sotterranee con Dioniso il Dio dell’ebrezza, ma anche della gioia di vivere, e della creatività. Dagli antichi riti dionisiaci nasce in Grecia l’idea di teatro, una delle più alte espressioni della creatività umana. In sintesi la contrapposizione simbolica tra guerra e pace. L’opera ambientale di Mariani occupa tutto il salone più ampio del Chiostro Domenicano e consiste in dodici colonne-sipario di oltre 4 metri di altezza recanti alla loro base dodici aforismi sul tema della pace tratti dai pensieri di illustri personaggi di ogni tempo, di ogni paese e di ogni disciplina. (Petrarca, Buddha, Voltaire, Gandhi etc.) Questi testi composti con lettere in rilievo sono posti alla base delle colonne-sipario e godono di una particolare illuminazione radente e compaiono attraverso una sottile lamina di piombo che tutte le fascia. Anche in questa occasione Mariani resta fedele al tema del panneggio che da sempre caratterizza ogni sua ricerca. Si vuole evidenziare anche il forte valore teatrale che attende il visitatore. Crediamo superfluo sottolineare quanto il tema della Pace sia un argomento drammaticamente attuale in tante parti del mondo.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram