Jeanne Fredac - Luoghi sospesi. Germania 2006-2014 3068 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
12/11/2018
Al via i lavori della nuova Commissione per il Design promossa dal Mibac
12/11/2018
In ricordo di Milton Gendel. l'American Academy in Rome omaggia il fotografo statunitense
12/11/2018
Il manuale di calligrafia del XVI secolo di Georg Bocskay è ora disponibile online grazie al Getty Museum
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GOETHE INSTITUT ​ Via Paolo Gili 4 Palermo 90135

Palermo - dal 23 gennaio al 12 febbraio 2016

Jeanne Fredac - Luoghi sospesi. Germania 2006-2014

Jeanne Fredac - Luoghi sospesi. Germania 2006-2014

 [Vedi la foto originale]
GOETHE INSTITUT
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Paolo Gili 4 (90135)
+39 0916528680 , +39 0916528676 (fax)
info@palermo.goethe.org
www.goethe.de/palermo
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra ci conduce in un viaggio in una Germania poco nota, lontana dall'immagine di paese a tripla A. Ci porta in una realtà scomparsa, quella della Germania dell’Est. Attraverso una sessantina di immagini argentee, Jeanne Fredac ci svela la bellezza di queste rovine, di questi spazi e di queste stanze in fuga, che non hanno più parole per parlarci della storia che pure trasuda in ogni muro. Ne derivano delle testimonianze visive, delle prove schiaccianti. Un diario di viaggio della disperazione ricoperto di fiori dipinti e di decenni di stratificazioni
orario: lun-ven ore 9-19
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 23 gennaio 2016. ore 18
autori: Jeanne Fredac
genere: fotografia, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
La mostra ci conduce in un viaggio in una Germania poco nota, lontana dall'immagine di paese a tripla A. Ci porta in una realtà scomparsa, quella della Germania dell’Est. Attraverso una sessantina di immagini argentee, Jeanne Fredac ci svela la bellezza di queste rovine, di questi spazi e di queste stanze in fuga, che non hanno più parole per parlarci della storia che pure trasuda in ogni muro. Ne derivano delle testimonianze visive, delle prove schiaccianti. Un diario di viaggio della disperazione ricoperto di fiori dipinti e di decenni di stratificazioni.

Questi veri e propri quadri mettono in scena dentro di noi la vita stessa, il passare del tempo e la loro interazione. Metafora dolce e tragica al tempo stesso del cataclisma che l’oblio rappresenta per le cose che ci circondano, ma anche per ognuno di noi.

Il trattamento dei colori contribuisce alla sensazione di irrealtà. Non siamo lontani da ciò che di più brillante il fumetto ha da offrire: si pensi a Enki Bilal i cui personaggi potrebbero certamente abitare questi luoghi. L’arroganza derisoria di questi spazi, allo stesso tempo svuotati e ricolmi, ha per fine un estetismo che, invece, non è per nulla vuoto.

Jeanne Fredac è una fotografa francese. Vive e lavora a Berlino. Le sue opere sono state esposte in Francia, Germania, Italia, Danimarca e negli Stati Uniti.

In collaborazione con Institut français Palermo

Si ringrazia Tenuta Rapitalà.

Programma Culturale / Kulturprogramm
Goethe-Institut Palermo
Cantieri Culturali alla Zisa
Via Paolo Gili 4
90138 Palermo
Tel. +39 091 6528680
Fax +39 091 6528676
roman.maruhn@palermo.goethe.org
www.goethe.de/palermo
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram