Federico Bilò / Lucio Rosato - Notizie dall'interno 3072 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/06/2019
L'Adidas ha annunciato una capsule collection omaggio a Keith Haring
21/06/2019
La scuola di Twin Peaks verrà demolita a luglio
21/06/2019
Valentino Catricalà è il direttore della sezione arte di Maker Faire Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva USOMAGAZZINO PER ALTRE ARCHITETTURE ​ Via Silvio Spaventa 10/4 Pescara 65126

Pescara - dal 27 gennaio al 6 febbraio 2016

Federico Bilò / Lucio Rosato - Notizie dall'interno

Federico Bilò / Lucio Rosato - Notizie dall'interno
un disegno dai taccuini di Federico Bilò
 [Vedi la foto originale]
USOMAGAZZINO PER ALTRE ARCHITETTURE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Silvio Spaventa 10/4 (65126)
+39 3398145400
info@usomagazzino.it
www.usomagazzino.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

alle corrispondenze tra Federico Bilò e Lúcio Rosato è dedicato questo nuovo appuntamento di usomagazzino per altre architetture
orario: da martedì a sabato ore 18.00-20.00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 27 gennaio 2016. h 19.00
autori: Federico Bilo, Lucio Rosato
genere: architettura, doppia personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
alle corrispondenze tra Federico Bilò e Lúcio Rosato è dedicato questo nuovo appuntamento di usomagazzino per altre architetture: notizie dall’interno; un dialogo tra due architetti che aprono i loro taccuini di appunti mettendo a nudo il pensiero più intimo sulle cose dell’architettura e della vita

“l’architetto è nudo se apre i suoi quaderni .ancoraggi e sassi per fermare un’idea o dissiparla insieme a un desiderio infranto” è scritto nel frontespizio che introduce all'esposizione e che prova ad offrire una chiave di lettura al senso di questa azione: da dentro a fuori, un percorso di esternazione che si fa condivisione tra il rinunciare ai sogni e il renderli propositivi attraverso il racconto pubblico

convivono nello spazio di usomagazzino due modalità espositive diverse pensate e progettate dagli stessi architetti. Federico Bilò delinea, attraverso accumul-azioni, una mappatura del suo pensiero intimo dal 1984 (il primo taccuino) al 2013 in progress, estrapolando dai suoi quaderni una selezione ragionata di disegni che, scansionati e stampati su carta A4 extra strong, appunta (con le classiche puntine da disegno) su 10 tavole di legno. Lucio Rosato invece, con sassi bianchi sui miei quaderni, apre letteralmente 48 dei suoi taccuini (dal 2001 al 2016) collocandoli provvisoriamente sui 12 tavoli bianchi di usomagazzino per poi poggiarvi sopra altrettanti sassi levigati dal fiume e dal tempo a fermare le pagine insieme ai pensieri ma anche a coprirle, come a voler mettere una pietra sopra a quei desideri, a quei progetti, rimasti troppo a lungo e ancora sulla carta: un omaggio a Enzo Mari e ai suoi “sessanta fermacarte”


Federico Bilò (1965) è architetto. Vive a Roma, lavora dove se ne presenta l'occasione e insegna progettazione presso il Dipartimento di Architettura di Pescara. Pensa, come tanti, che tra occhio, mente e mano vi sia una relazione cruciale, indispensabile per fare questo mestiere. E pensa, come non tanti, che fare architettura significhi dare organizzazione e forma agli spazi dove abitano gli uomini.

Lúcio Rosato (1960) architetto, viaggia sui territori al limite tra la concretezza del pensiero e l’astrazione della materia realizzando installazioni e architetture permanenti. insegna teorie di progettazione all’Università Europea del Design di Pescara. Vive e prende appunti a Pescara
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram