Lorenzo Kamerlengo - Parts 3048 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva ALVIANI ART SPACE ​ Via Francesco Ferdinando D'avalos Pescara 65126

Pescara - dal 6 febbraio al 19 marzo 2016

Lorenzo Kamerlengo - Parts

Lorenzo Kamerlengo - Parts

 [Vedi la foto originale]
ALVIANI ART SPACE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Francesco Ferdinando D'Avalos (65126)
+39 320 0231937 , +39 085 4549508
www.alviani-artspace.net
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Alviani ArtSpace, spazio di ricerca e di contaminazione tra linguaggi artistici e tecnologici, all’interno dell’Aurum di Pescara, diretto da Lucia Zappacosta, sabato 6 febbraio alle ore 18 presenta Parts la mostra personale di Lorenzo Kamerlengo, a cura di Alberta Romano.
orario: Su appuntamento
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 6 febbraio 2016. h 18.00
curatori: Alberta Alberta
autori: Lorenzo Kamerlengo
patrocini: Comune di Pescara - Assessorato alla Cultura
genere: arte contemporanea, performance - happening, serata - evento, giovane arte, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
L’idea nasce dallo spettacolo Le avventure di Pinocchio rappresentato dalla giovanissima compagnia Ar.Té con la regia di Tiziano Panici.
Da una visione complessiva dello spettacolo, l’artista, Lorenzo Kamerlengo, isola e porta in scena il suo Parts. Gli attori, coordinati dall’artista e abituati ad agire nella sicurezza del palcoscenico, vengono qui decontestualizzati e costretti a confrontarsi con problemi nuovi ed eterogenei.
Misurando le assenze con la loro sola presenza, i personaggi del Gatto e della Volpe, cercano di ricostruire la loro realtà scenica, per sua stessa natura fatta di vizi e dipendenze altrui.
“Noi lavoriamo unicamente per arricchire gli altri”. Un lavoro costante, difficile e ai limiti dell’assurdo. Nasce così un mondo parallelo che, attraverso la rievocazione dell’assenza, permette all’artista di studiare e sperimentare il vuoto, la frammentazione e l’autonomia dei singoli individui come delle singole parti che compongono un unicum più ampio. L’assenza si fa generatrice di senso nuovo e permette un’introspezione su più livelli per chi recita, per chi guarda e per chi dirige.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram