Gilad Efrat - No man’s land 3071 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva OREDARIA ARTI CONTEMPORANEE ​ Via Reggio Emilia 22-24 Roma 00198

Roma - dal 10 dicembre 2004 al 28 febbraio 2005

Gilad Efrat - No man’s land
[leggi la recensione]

Gilad Efrat - No man’s land
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
OREDARIA ARTI CONTEMPORANEE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Reggio Emilia 22-24 (00198)
+39 0697601689 , +39 0697601689 (fax)
info@oredaria.it
www.oredaria.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra si snoda lungo un percorso che, partendo dall’autoritratto dell’artista, e quindi da una riflessione intimistica, passa attraverso lavori che rivolgono lo sguardo all’esterno
orario: mart-sab 10-13 /16-19.30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 10 dicembre 2004. ore 18.30
editore: SKIRA
autori: Gilad Efrat
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Si inaugura venerdì 10 dicembre, alle 18.30, presso la Galleria OREDARIA di Roma la mostra personale dell’artista israeliano GILAD EFRAT.
L’artista, nato nel 1969 a Beer-Sheva, si presenta a Roma con un ciclo di lavori recenti raccolti in un itinerario dal titolo ‘No Man’s Land’.
La mostra si snoda lungo un percorso che, partendo dall’autoritratto dell’artista, e quindi da una riflessione intimistica, passa attraverso lavori che rivolgono lo sguardo all’esterno, alle rovine del mondo, fino a giungere alla ‘Prigione di Ansaar’.
Le tre tele di questo ultimo spazio, cariche di valenza politica e sociale, sono testimonianza sì di uno spazio realmente esistente, ma alludono, al tempo stesso, alla nostra “prigione mentale”.

……Gilad Efrat, è un’artista che utilizza lo strumento “tradizionale” della pittura rinnovandone non solo il linguaggio specifico ma anche la sua “necessità” nei nostri giorni.
Attraverso un uso dei mezzi e dei metodi di questa tradizione egli è capace, come pochissimi, di ridare voce e possibilità nuove ad un linguaggio che la nostra epoca ha dichiarato morto.
Non è un caso, che il suo lavoro chiami in causa, da molto tempo, i “luoghi della scomparsa”. Alcuni anni fa questi soggetti erano siti archeologici affondati nel deserto, luoghi originari, biblici, sulla memoria dei quali è stato creato Israele e che oggi sono alla base di studi storico-archeologici (e di interessi strategici) finalizzati alla ricerca dell’identità specifica di un popolo e di una nazione, ma soprattutto degli individui che la abitano.
Oggi, le stesse rovine, hanno preso il volto delle città Europee distrutte dalla guerra, le immagini viste dall’alto di pezzi di Berlino, o d’altre città rase al suolo da bombardamenti ricordano drammaticamente quelle dei ritrovamenti archeologici di Jerico o di Betlemme divorate dal deserto e fatte riaffiorare da mani pietose.
Le opere recenti richiamano alla mente la desertificazione operata dalla guerra, quello stato “piatto” da cui l’Occidente è dovuto ripartire e che tuttora fa da sfondo alla nostra civiltà. Una sorte comune collega quel deserto al nostro, e Gilad Efrat, come un archeologo pietoso si esercita a “togliere” strati di pittura da cui affiorano immagini che sembravano ormai dimenticate…...

……I paesaggi dipinti sono fatti perlopiù di pietra o, comunque, ad essa la sua pittura ci riporta. Ha poca importanza che la pietra sia di forma naturale o artificiale, trovata o creata, in ogni caso è lì a dirci quanto sia “duro” il mondo. Duro a morire, quando sono le rovine (cittadine e non) ad essere dipinte, duro a nascere quando le pietre prendono la forma di mura, recinti, prigioni……

(tratto da un testo di Alfredo Pirri scritto in occasione della mostra di Gilad Efrat e disponibile in galleria)


Gilad Efrat è nato nel 1969 a Beer-Sheva, Israel.

Studi: 1995 B.F.A, 1998 Post graduate program conseguito presso la Bezalel Academy of Art and Design, Jerusalem Israel. 2003 M.F.A presso la Hebrew University e Bezalel Academy of Art and Design, Jerusalem Israel , 2004 partecipa al Core Artist-in-Residence, Museum of Fine Arts, The Glassell School of Art, Houston , Texas, U.S.A
Efrat ha esposto in un gran numero di personali ed ha partecipato a mostre collettive in Israele, Europa e U.S.A: Israel Museum, Jerusalem, Israel. Noga Gallery of Contemporary Art, Tel-Aviv, Israel. Bochum Museum, Germany. Art In General, New York, U.S.A.. Herzliya Museum of Art, Herzliya, Israel. North Gallery, Copenhagen, Denmark. Fruitmarket The Gallery, Edinburgh, Scotland. Erfurt, Germany, International Biennal of Contemporary Art, Jerusalem, Israel.
Biennale for European and Mediterranean Artists’, Torino, Italy
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram