Arte. Antichità. Argenti Le collezioni di Giovanni Züst nei musei di Rancate, Basilea e Sa... 3121 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
25/06/2019
Quattro residenze per il nuovo bando di CURA 2020
25/06/2019
Bill Murray riceverà da Wes Anderson il Premio alla carriera alla Festa del Cinema di Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PINACOTECA CANTONALE GIOVANNI ZUST ​ Via Pinacoteca Züst Rancate 6862

Rancate () - dal 20 marzo al 28 agosto 2016

Arte. Antichità. Argenti Le collezioni di Giovanni Züst nei musei di Rancate, Basilea e San Gallo

Arte. Antichità. Argenti Le collezioni di Giovanni Züst nei musei di Rancate, Basilea e San Gallo

 [Vedi la foto originale]
PINACOTECA CANTONALE GIOVANNI ZUST
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Pinacoteca Züst (6862)
+41 0916464565 , +41 0916464565 (fax)
www.ti.ch/zuest
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra riunisce per la prima volta le collezioni d'arte che Giovanni Züst (Basilea, 1887 - Rancate, 1976), figura complessa di imprenditore filantropo, donò a enti pubblici svizzeri: il Cantone Ticino (1966), che avrebbe quindi aperto la Pinacoteca cantonale Giovanni Züst di Rancate, il Cantone di Basilea-Città (1959), che ricevette così l'impulso per la creazione dell'Antikenmuseum di Basilea, la città di San Gallo (1967).
Il percorso espositivo si snoda tra rare e preziose antichità etrusche, greche e romane, strepitosi argenti dei
secoli XVI-XVIII e dipinti di Serodine, Petrini e dei protagonisti dell'Ottocento ticinese (Rinaldi, Luigi Rossi, Ernesto Fontana, Galbusera), accompagnando il visitatore alla scoperta del gusto vario e raffinato di Giovanni Züst
orario: Da marzo a giugno: 9-12 / 14-17
Luglio e agosto: 14-18
Chiuso: il lunedì. Festivi aperto
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: intero: CHF/€ 10.-
ridotto (pensionati, studenti, gruppi): CHF/€ 8.
vernissage: 20 marzo 2016. su invito
catalogo: in galleria.
ufficio stampa: STUDIO ESSECI
curatori: Mariangela Agliati Ruggia
note: conferenza stampa mercoledì 16 marzo, alle ore 14.30
genere: arte antica, arte moderna

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Progetto realizzato dal Dipartimento dell'educazione della cultura e dello sport grazie all'Aiuto federale per la
salvaguardia e promozione della lingua e cultura italiana
Coordinamento generale del progetto: Paola Piffaretti, Divisione della cultura e degli studi universitari



La mostra riunisce per la prima volta le collezioni d'arte che Giovanni Züst (Basilea, 1887 - Rancate, 1976), figura complessa di imprenditore filantropo, donò a enti pubblici svizzeri: il Cantone Ticino (1966), che avrebbe quindi aperto la Pinacoteca cantonale Giovanni Züst di Rancate, il Cantone di Basilea-Città (1959), che ricevette così l'impulso per la creazione dell'Antikenmuseum di Basilea, la città di San Gallo (1967).
Il percorso espositivo si snoda tra rare e preziose antichità etrusche, greche e romane, strepitosi argenti dei
secoli XVI-XVIII e dipinti di Serodine, Petrini e dei protagonisti dell'Ottocento ticinese (Rinaldi, Luigi Rossi, Ernesto Fontana, Galbusera), accompagnando il visitatore alla scoperta del gusto vario e raffinato di Giovanni Züst.
La rassegna vuole quindi fare il punto sulla sua figura, presentando le numerose e interessanti novità
emerse dalle ricerche svolte in questa occasione e facendo per la prima volta dopo la sua morte dialogare i prestigiosi oggetti d'arte che egli raccoglieva nella bella villa di Rancate, sua residenza per oltre quarant'anni. L'intento ultimo ma non meno importante è quello di rendere omaggio a questo vero e proprio filantropo che con i suoi gesti generosi ha contribuito a modificare, arricchendolo, il panorama artistico e culturale svizzero.
Il percorso espositivo è corredato da numerosi filmati e fotografie d'epoca recentemente riscoperti. In
mostra anche due poesie di Alberto Nessi dedicate alla Pinacoteca Züst e ai dipinti che conserva.

"La figura di Giovanni Züst è più di un paradigma per la realtà ticinese. Cittadino confederato doc (madre bernese, padre appenzellese, ma di fatto lui basilese) si stabilì nel Ticino iniziando a lavorare in una casa di spedizioni. La classica attività legata al nostro essere terra di frontiera. E sulle linee di frontiera - geografiche, culturali e cognitive - Züst costruì il proprio profilo: di amante dell'arte e di raffinato collezionista.
Oggi, insieme ai quarant'anni dalla morte di Giovanni Züst, celebriamo i cinquant'anni della donazione al
Cantone Ticino di una parte importante della sua collezione: quella di quadri ticinesi e lombardi dipinti tra il Seicento e l'Ottocento. Con altri due atti simili Züst donò negli anni sessanta alla città di Basilea centinaia di oggetti d'arte etrusca e greca e a San Gallo una collezione di argenti. Tutte e tre le sedi museali beneficiarie dei suoi lasciti sono state coinvolte in un importante progetto triennale di ricerca sulla sua figura, finanziato dall'Aiuto federale per la salvaguardia e promozione della lingua e cultura italiana, su iniziativa e con il
coordinamento del Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport."

(Dalla presentazione di Manuele Bertoli, Consigliere di Stato Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport)

Arte. Antichità. Argenti
Le collezioni di Giovanni Züst nei musei di Rancate, Basilea e San Gallo
Sede: Pinacoteca cantonale Giovanni Züst, Rancate (Mendrisio), Canton Ticino, Svizzera
Date: 20 marzo - 28 agosto 2016
Mostra a cura di: Mariangela Agliati Ruggia
Coordinamento scientifico e organizzativo: Alessandra Brambilla, Esaù Dozio
Allestimento
Progettazione: Arch. Rolando Zuccolo, Besazio, con l'assistenza di Julian Panfili
Realizzazione: Sezione della logistica e Piercarlo Bortolotti
Decorazioni murali: Luca Bianchi, Lina Echeverry, Chiara Ottavi

In questa occasione è stato realizzato un volume celebrativo in due lingue (italiano e tedesco)

Informazioni:
Pinacoteca cantonale Giovanni Züst
CH-6862 Rancate (Mendrisio), Canton Ticino, Svizzera
Tel. +41 (0)91 816 47 91; decs-pinacoteca.zuest@ti.ch; www.ti.ch/zuest

Orari, prezzi e servizi:
20 marzo - 28 agosto 2016
Da marzo a giugno: 9-12 / 14-17
Luglio e agosto: 14-18
Chiuso: il lunedì. Festivi aperto.

intero: CHF/€ 10.-
ridotto (pensionati, studenti, gruppi): CHF/€ 8.-

Visite guidate su prenotazione anche fuori orario; bookshop; audioguide; parcheggi nelle vicinanze. Si accettano Euro; non si accettano carte di credito.

Ufficio stampa per la Svizzera:
Pinacoteca Züst - Rancate (Mendrisio), Canton Ticino, Svizzera
Tel. +41 (0)91 816.47.91; decs-pinacoteca.zuest@ti.ch; www.ti.ch/zuest
per l'Italia:
Studio ESSECI - Sergio Campagnolo - Padova, Italia
Tel. +39 049.663.499; info@studioesseci.net; www.studioesseci.net

COME RAGGIUNGERE LA PINACOTECA ZÜST
Rancate si trova a pochi chilometri dai valichi di Chiasso, Bizzarone (Como) e del Gaggiolo (Varese), presso Mendrisio, facilmente raggiungibile con l'ausilio della segnaletica. Per chi proviene dall'autostrada Milano-Lugano l'uscita è Mendrisio: alla prima rotonda si gira a destra e mantenendo sempre la destra si giunge dopo poco più di un chilometro nel centro di Rancate. La Pinacoteca è all'inizio della piazza della chiesa parrocchiale, sulla sinistra della strada. Rancate è raggiungibile anche in treno, linea Milano-Como-Lugano, stazione di Mendrisio, e poi a piedi, in 10 minuti, o con l'autobus (linea 524, Mendrisio-Serpiano).
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram