Lucio Rosato - Territori limitrofi 3092 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/06/2019
È morto Philippe Zdar dei Cassius
19/06/2019
Tracce di assenza. All'Hotel Hilton Molino Stucky di Venezia le opere di Mimmo Catania
19/06/2019
Ad Alberto Angela la laurea honoris causa dell’Università Suor Orsola di Napoli
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva USOMAGAZZINO PER ALTRE ARCHITETTURE ​ Via Silvio Spaventa 10/4 Pescara 65126

Pescara - dal 20 maggio al 4 giugno 2016

Lucio Rosato - Territori limitrofi

Lucio Rosato - Territori limitrofi
Lucio Rosato - dai territori limitrofi 2000 - particolare
 [Vedi la foto originale]
USOMAGAZZINO PER ALTRE ARCHITETTURE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Silvio Spaventa 10/4 (65126)
+39 3398145400
info@usomagazzino.it
www.usomagazzino.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

"residui di un tempo vissuto, raccontano fisionomie che lentamente modificano: lasciano affiorare ogni traccia se più percepibile il nero". Sono riproposti, a distanza di 15 anni, alcuni vecchi lavori elaborati da Rosato tra il 1999 e il 2001
orario: da martedì a sabato ore 18.00-20.00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 20 maggio 2016. h 19.00
autori: Lucio Rosato
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
venerdì 20 maggio usomagazzino per la serie giacenze, presenta territori limitrofi, acrilici neri su cartoni residui di Lúcio Rosato

residui di un tempo vissuto, raccontano fisionomie che lentamente modificano: lasciano affiorare ogni traccia se più percepibile il nero

sono riproposti, a distanza di 15 anni, alcuni vecchi lavori elaborati da Rosato tra il 1999 e il 2001 e presentati al pubblico in occasione della sua prima personale tenutasi nel 2001 presso lo spazio espositivo Artmedia Project gestito da Alessandro Iasci a Frisa e, nello stesso anno, esposti nella sede della facoltà di architettura di Pescara in occasione di una sua seconda personale curata da Brigida di Leo

i 6 grandi cartoni del 2001 (cm 204x88), che danno il titolo all'esposizione, sono disposti in sequenza ritmica a invadere di nero lo spazio bianco di usomagazzino insieme ad altri lavori, sempre rigorosamente neri, estrapolati da “la stanza dei minotauri” allestita da Lúcio Rosato nell'ex mattatoio di Apricena in occasione della prima edizione di Scarti (settembre 2001)

sempre più interessato alle dismissioni e alla progettazione del vuoto, Rosato recupera dalla sua memoria fattiva questo tentativo estremo di protezione di un mondo adiacente, forse non ancora del tutto compromesso, da preservare attraverso il colore nero se così a quel tempo scriveva: “sono sui territori al limite dove intuisco una condizione immaginata e temuta: desiderata e voluta colata lavica a ricoprire ... dove affiora ogni traccia, inevitabile, del più leggero passaggio”

per Rosato il nero era il colore del sud, il nero di quei tessuti di lana con i quali le donne e gli uomini del sud si proteggevano dal sole anche in estate, quel nero che avrebbe potuto preservare l'anima autentica di quel sud a lui tanto caro e che ancora continua a indicare come direzione dello sguardo volgendo a sud le mappe delle sue architetture

di Lúcio Rosato è possibile visionare, fino a domenica 22 maggio (dalle 17.00 alle 20.00) in occasione dell'esposizione Abruzzo Contemporaneo curata da Barbara Birindelli e Leo Di Rocco nei locali dell'ex manifattura tabacchi di Città sant'Angelo, alcuni suoi recenti lavori che al contrario privilegiano il bianco e raccontano di orizzonti poggiati e di qualcosa che sto perdendo (opere dal 2010 al 2016)

Lúcio Rosato
(Lanciano 1960) architetto, viaggia sui territori al limite tra la concretezza del pensiero e l’astrazione della materia realizzando installazioni e architetture permanenti. Vive e prende appunti a Pescara
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram