AiR (Arte in Riserva) ed. 2016 3080 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
14/12/2018
L’universo in bottiglia. Ilaria Vinci vince l’ottava edizione del Menabrea Art Prize
14/12/2018
La casa sull'albero progettata dall'architetto Will Beilharz
13/12/2018
Milano da bere? No, “Milano da Vinci”. Apre il concorso dedicato alla città di Leonardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PARCO D'ARTE CONTEMPORANEA ​ Raiano 67027

Raiano (AQ) - gio 11 agosto 2016

AiR (Arte in Riserva) ed. 2016

AiR (Arte in Riserva) ed. 2016
PARCO D'ARTE CONTEMPORANEA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
(67027)
Riserva Regionale Gole Di San Venanzio
+39 , +39 (fax), +39
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Rito, storia e preghiera è il concept della seconda edizione di AiR (Arte in Riserva), iniziativa culturale che ha l’obiettivo di realizzare un Parco d’Arte Contemporanea all'interno della Riserva Regionale delle Gole di San Venanzio a Raiano, in provincia dell’Aquila. Il progetto è promosso dall'Associazione “Terre Colte”, in collaborazione con il Comune di Raiano e l’Ente gestore della Riserva.
vernissage: 11 agosto 2016. ore 17.30
curatori: Ivan d'Alberto
autori: Emanuela Ascari, Daniela Di Maro, Licia Galizia, Gino Sabatini Odoardi, Giacomo Zaganelli
genere: arte contemporanea, collettiva
web: www.arteinriserva.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Rito, storia e preghiera è il concept della seconda edizione di AiR (Arte in Riserva), iniziativa culturale che ha l’obiettivo di realizzare un Parco d’Arte Contemporanea all'interno della Riserva Regionale delle Gole di San Venanzio a Raiano, in provincia dell’Aquila. Il progetto è promosso dall'Associazione “Terre Colte”, in collaborazione con il Comune di Raiano e l’Ente gestore della Riserva.

Quest’anno AiR, curato da Ivan D'Alberto, critico e storico dell'arte contemporanea, vedrà il coinvolgimento di cinque artisti provenienti da diverse regioni italiane. Sono Emanuela Ascari, Daniela Di Maro, Licia Galizia, Gino Sabatini Odoardi e Giacomo Zaganelli, i quali trascorreranno a Raiano, dal 4 all’11 agosto, un periodo di residenza per conoscere l’ambiente naturale e le emergenze storico-artistiche che insistono su questo territorio.

Gli artisti avranno anche modo di interagire con gli abitanti del posto e questo sarà per loro un’ulteriore occasione per immergersi nella dimensione socio-culturale che caratterizza la vita della comunità locale.

A tal proposito domenica 7 agosto, alle ore 18.30, nel centro storico di Raiano, ci sarà un simposio dove gli artisti e il curatore avranno modo di interagire con il pubblico partecipante, che scoprirà in anteprima le cinque proposte progettuali.

Le tematiche del concept di AiR 2016 sono molto vicine al contesto ambientale e culturale della Riserva dove la storia fa da collante tra la cultura pagana e quella cristiana. Il rito e la preghiera sono infatti le facce di una stessa medaglia, quella che contraddistingue il rapporto tra uomo e fede. L’azione rituale ha sempre fatto parte del territorio regionale abruzzese; considerata estrinsecazione di quella superstizione di cui sono protagonisti gli uomini e le donne delle comunità locali è diventata, in epoche successive, una pratica religiosa mostrata attraverso la preghiera. La ripetitività delle azioni, la lentezza dei gesti e l’estraniamento di coloro che vivono questi momenti sono sempre stati messi in relazione ad alcuni fenomeni naturali e ai luoghi in cui si compiono.

Il patrimonio diventa in AiR l'occasione per una riflessione artistica contemporanea atta a suscitare nuovi modelli di lettura interpretativi del contesto storico – ritualistico in cui il progetto si realizza e le Gole di San Venanzio presentano le caratteristiche giuste per far si che tale riflessione avvenga: la stratificazione geologica che compone tutta la morfologia della Riserva naturale, la presenza antropica millenaria che ha segnato il territorio e le leggende che rendono magico e suggestivo questo luogo.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram