Wilhelm Mundt - 659 3039 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/06/2019
Tracce di assenza. All'Hotel Hilton Molino Stucky di Venezia le opere di Mimmo Catania
19/06/2019
Ad Alberto Angela la laurea honoris causa dell’Università Suor Orsola di Napoli
19/06/2019
Flaminia Bonciani e i colori degli anni ’80, al RUFA Space
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA BUCHMANN LUGANO ​ Via Della Posta 2 Lugano 6900

Lugano - dal 27 agosto al 12 novembre 2016

Wilhelm Mundt - 659

Wilhelm Mundt - 659
Wilhelm Mundt
Trashstone 659, 2016
Produktionsrückstände in GfK
83h x 87 x 159 cm
Courtesy Buchmann Galerie Agra/Lugano and the Artist; Photo: Rémy Steinegger
 [Vedi la foto originale]
GALLERIA BUCHMANN LUGANO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Della Posta 2 (6900)
+41 (0) 91 980 08 30
buchmann.lugano@bluewin.ch
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Lo spazio cittadino Buchmann Lugano presenta la nuova opera, mai esposta in precedenza, Trashstone 659 dell’artista tedesco Wilhelm Mundt (*1959, Grevenbroich).
orario: da martedì a venerdì dalle ore 13-18; sabato dalle 13 alle 17
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 27 agosto 2016. Dalle ore 17
autori: Wilhelm Mundt
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Wilhelm Mundt si è formato presso la Kunstakademie di Düsseldorf, dove poi, dal 1989 al 1991, ha insegnato su incarico; dal 2009 detiene una cattedra presso la Hochschule für Bildende Künste Dresden. Oggi vive e lavora a Rommerskirchen, cittadina situata nella Renania Settentrionale-Vestfalia, nei pressi di Colonia.

Le Trashstone costituiscono il gruppo di opere più rappresentativo e conosciuto di Wilhelm Mundt. Nel 1989 l’artista ha iniziato a creare queste sculture, che consistono essenzialmente in scarti di produzione inorganici ricavati dal suo studio, rivestiti da una resina colorata in poliuretano. È dunque il contenuto ad assumere grande importanza, siccome ha il compito di dare forma alla scultura; forma che però non è riconoscibile o identificabile, ma che può essere definita una ‘amorfa’. Oltre a ciò, i vari strati di colore, applicati uno dopo l’altro fino ad avvolgere completamente gli scarti di produzione, contribuiscono a creare l’opera e completare il processo scultoreo. Sin dal principio, Mundt ha meticolosamente numerato in ordine progressivo ogni opera con un numero a tre cifre che compare sulla superficie esterna di ogni esemplare. Ogni Trashstone è un pezzo unico, e si differenzia per la forma o per il colore da ogni altra. Ad oggi si contano più di 600 singole opere.

Lo spazio di Lugano ha la fortuna di ospitare un nuovo tipo di Trashstone, finora mai presentata al pubblico. Infatti, Trashstone 659 è il particolare risultato di una sperimentazione sul colore, portata avanti in segreto dall’artista durante questi ultimi anni. La volontà di presentare proprio quest’opera a Lugano, pare essere nata a seguito di una visita dell’artista nella città sulle rive del Ceresio. In effetti, a suo dire, il colore della Trashstone 659 richiama non solo le verdi lastre di marmo che ricoprono l’edificio del LAC, ma anche il verde del prato, dell’ulivo e dei cipressi nell’adiacente corte.

Le opere di Wilhelm Mundt sono state esposte di recente presso il Lehmbruck Museum Duisburg (2010), Arp Museum Bahnhof Rolandseck, Remagen (2011), National Center For Contemporary Art (NCCA), Mosca (2012), K20 Grabbeplatz (2013) e Museum Kunstpalast (2014) Düsseldorf, Musées royaux des Beaux-Arts de Belgique, Bruxelles (2015), Palazzo Reale, Milano (2016). I suoi lavori fanno parte di collezioni quali Kunstmuseum St. Gallen, Margulies Collection Miami, Lehmbruck Museum Duisburg, Universität Bayreuth, MunichRE, BNP Parisbas, e Vestas Aarhus.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram