Giovanni Frangi - Settembre 3095 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/06/2019
Tracce di assenza. All'Hotel Hilton Molino Stucky di Venezia le opere di Mimmo Catania
19/06/2019
Ad Alberto Angela la laurea honoris causa dell’Università Suor Orsola di Napoli
19/06/2019
Flaminia Bonciani e i colori degli anni ’80, al RUFA Space
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva ISTITUTO CENTRALE PER LA GRAFICA - PALAZZO POLI ​ Via Poli 54 Roma 00187

Roma - dal 24 settembre al primo novembre 2016

Giovanni Frangi - Settembre

Giovanni Frangi - Settembre
Giovanni Frangi: Fontanamare,2016, 200 x 280 cm, matita, pastello grasso e pigmenti su carta
 [Vedi la foto originale]
ISTITUTO CENTRALE PER LA GRAFICA - PALAZZO POLI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Poli 54 (00187)
+39 0669980242
www.grafica.arti.beniculturali.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Un progetto che ha tutto il sapore di una sfida: lavorare sul supporto che in questo luogo ha uno dei suoi "templi", la carta. Frangi infatti ha cercato di saggiarne in modo imprevedibile ed estremo tutte le potenzialità. Per realizzare questo progetto ha puntato su due carte dalle grandi qualità come la Hahnemuhle bianca e la Fabriano nera, alle quali ha aggiunto un “outsider”: un cartone di grandi dimensioni prodotto da Cartiere dell'Adda. Ciascun tipo di carta poi comporta anche un rapporto con grane profondamente differenti, che diventano fattore attivo nel lavoro di Frangi
orario: dal martedì alla domenica dalle 14 alle 19. In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio la mostra resterà aperta sabato 24 fino alle 22 (ultimo ingresso 21.30) e domenica 25 dalle 11 alle 19 (ultimo ingresso ore 18.30)
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 24 settembre 2016. ore 11.30 Aurelio Picca leggerà il Poema Ninja
catalogo: in galleria. testi di Maria Antonella Fusco, Fabio Fiorani e Giorgio Verzotti
editore: SILVANA EDITORIALE
ufficio stampa: STUDIO ESSECI
curatori: Giorgio Verzotti
autori: Giovanni Frangi
note: Nello storico laboratorio della Stamperia che sabato 24 settembre, alle ore 19, in collaborazione con Corrado Albicocco, Frangi realizzerà due incisioni con la tecnica del carborundum; due immagini di foreste nordiche in bianco e nero che, grazie a questa tecnica sperimentata già nel ciclo “Pasadena”, acquisteranno una straordinaria materia vellutata. Al termine del workshop sarà possibile visitare la mostra in compagnia dell'artista
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
L'Istituto centrale per la grafica presenta, nella sede di Palazzo Poli, l'opera in carta di Giovanni Frangi, progettata per la sede, con la curatela di Giorgio Verzotti. Lo fa con un progetto che ha tutto il sapore di una sfida: lavorare sul supporto che in questo luogo ha uno dei suoi "templi", la carta. Frangi infatti ha cercato di saggiarne in modo imprevedibile ed estremo tutte le potenzialità. Per realizzare questo progetto ha puntato su due carte dalle grandi qualità come la Hahnemuhle bianca e la Fabriano nera, alle quali ha aggiunto un “outsider”: un cartone di grandi dimensioni prodotto da Cartiere dell'Adda. Ciascun tipo di carta poi comporta anche un rapporto con grane profondamente differenti, che diventano fattore attivo nel lavoro di Frangi.
Non è la prima volta che Frangi si misura con le carte, basta ricordare il ciclo “Pasadena” del 2013 dedicato ai Huntington Botanical Gardens della città californiana.
Anche gli artisti che dalla seconda metà del Settecento arrivano da tutt'Europa stregati dal paesaggio di Roma avevano eletto la carta a loro supporto preferito perché permetteva di lavorare con rapidità e di "rapire" le visioni che si trovavano davanti. Ma le loro carte per ragioni non solo pratiche tendevano ad essere sempre piccole (sono stati affettuosamente ribattezzati "tableautins"), quasi che il loro lavoro fosse qualcosa di furtivo, di molto privato.
Giovanni Frangi al contrario usa la carta facendone esplodere le dimensioni, che in molti casi arrivano a coprire quasi tutta l'estensione delle grandi pareti mentre è nello storico laboratorio della Stamperia che sabato 24 settembre, alle ore 19, in collaborazione con Corrado Albicocco, Frangi realizzerà due incisioni con la tecnica del carborundum; due immagini di foreste nordiche in bianco e nero che, grazie a questa tecnica sperimentata già nel ciclo “Pasadena”, acquisteranno una straordinaria materia vellutata. Al termine del workshop sarà possibile visitare la mostra in compagnia dell'artista.
Come ha scritto Giorgio Verzotti nel volume Giovanni Frangi. Pasadena; “la natura da oggetto di attrazione diventa oggetto di indagine, e per meglio dire, schermo su cui proiettare istanze psicologiche, gli affetti di uno spirito quasi visionario. Cieli e fiumi e montagne e pietre che non hanno quasi mai il colore appropriato, come in un paesaggio all'acido lisergico dipinto da una mente sovraeccitata. Da qui la forza insieme toccante e artificiosa del suo lavoro”.
Nella serie San Pietro, grandi foreste su cartone, o nella serie Fontannamare i tronchi si impongono nello spazio con l'evidenza formale di un fusto di colonna che si alza sopra le rovine. L'acqua della serie Trevi si colora invece di un rosa sfrontatamente cinematografico. La contaminazione di Frangi con Roma non poteva prescindere dal suo amore per Mario Schifano, che ritroviamo ad esempio nella libertà di tessitura della serie Antigua, grandi palme realizzate su cartone. Un video documenta il lavoro dell'artista in occasione della realizzazione della mostra.

Per l'occasione verrà pubblicato un volume (Silvana editoriale) con testi di Maria Antonella Fusco, Fabio Fiorani e Giorgio Verzotti.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram