Curtis Anderson - Zweisamkeit 3106 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva AGUA8 ART ROOMS ​ Via Pasquale Lucchini 8 Lugano 6900

Lugano - dal 5 ottobre 2016 al 18 gennaio 2017

Curtis Anderson - Zweisamkeit

Curtis Anderson - Zweisamkeit
print from video work "Orbit", 1992/2016, 80x120 cm
 [Vedi la foto originale]
AGUA8 ART ROOMS
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Pasquale Lucchini 8 (6900)
+41 919404848
info@agua8.com
www.agua8.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

„Zweisamkeit“, che in italiano significa „Insieme“, comprenderà alcune opere ispirate al lavoro passato dell'artista, insieme a fotografie recenti che documentano la “poetica della distruzione”
orario: martedì e giovedì dalle 11 alle 17 e su appuntamento
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 5 ottobre 2016. dalle 17 alle 21
autori: Curtis Anderson
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
„Zweisamkeit“, che in italiano significa „Insieme“, comprenderà alcune opere ispirate al lavoro passato dell'artista, una delle quali basata su un video del 1977, realizzato quando l’artista studiava filmmaking con Robert Breer alla Cooper Union for the Advancement of Science and Art di New York.

Una serie di fotografie che documentano la “poetica della distruzione” completeranno la mostra. Queste sono state scattate presso la casa di Berlino in cui abitava con la sua compagna, l’artista tedesca Rosemarie Trockel. L’incendio che l’ha colpita recentemente ha distrutto gran parte dei loro oggetti: collezioni d’arte, di libri e di affetti. Le immagini rappresentano cose della loro vita che non ci sono più, fantasmi di oggetti che non avranno più uno spazio nel loro vivere.


Curtis Anderson è nato nel 1956 negli Stati Uniti. Vive e lavora a Colonia. Ha studiato Fine Arts alla Cooper Union for the Advancement of Science and Art di New York.
Durante la sua carriera ha esposto in musei e gallerie in tutto il mondo. Tra gli altri il Soho Guggenheim di New York, il Drawing Center di New York, la Collezione Peggy Guggenehim di Venezia, l’ICA di Boston e il Ludwig Museum di Colonia.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram