Massimo Barlettani / Eva Munarin - Fiorescenza. Forme ed equilibri della natura 3112 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
09/12/2018
La storia della grafica dal XIX secolo ai giorni nostri, nei due nuovi volumi editi da Taschen
08/12/2018
Al Castello di Rivoli, Milovan Farronato e Carolyn Christov-Bakargiev ricordano Chiara Fumai
08/12/2018
Milano e Atene al primo posto nella classifica Airbnb delle città più creative
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva FRAMMENTI D'ARTE ​ Via Paola 23 Roma 00186

Roma - dal 7 al 30 dicembre 2016

Massimo Barlettani / Eva Munarin - Fiorescenza. Forme ed equilibri della natura

Massimo Barlettani / Eva Munarin - Fiorescenza. Forme ed equilibri della natura
"Setosa" opera di Massimo Barlettani
 [Vedi la foto originale]
FRAMMENTI D'ARTE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Paola 23 (00186)
www.galleriaframmentidarte.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

doppia personale dei sue artisti
orario: lun. ven. 10.30/13.00 16.30/19.30
sabato 16.00/19.00 domenica su richiesta

(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 7 dicembre 2016. 18.30 -21.00
catalogo: in galleria.
curatori: Susanna Gargiulo Stierli
autori: Massimo Barlettani, Eva Munarin
genere: arte contemporanea, doppia personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Fiorescenza è una parola che non esiste, evoca visioni suggestive, ci parla di un potere biologico straordinario.
I fiori sono la forma di attrazione più vitale che esista, un vero e proprio spot pubblicitario della natura.
La sensualità delle forme, l’intensità e la delicatezza dei colori, la fragranza dei profumi hanno una funzione precisa: perpetuare la vita.
Il nostro sguardo è pigro, vediamo le cose in modo superficiale e spesso ci sfugge il mistero e la complessità di ciò che ci circonda.
La struttura di un fiore o di una foglia è un’architettura straordinaria che merita di essere vista con altri occhi.
Massimo Barlettani ed Eva Munarin, entrambi traggono ispirazione dai colori e dagli splendidi scenari della campagna Toscana ,e si ispirano alle straordinarie e
bizzarre forme dei fiori e delle foglie, entità indefinite e sempre sorprendenti per chi le sappia osservare.

Questa mostra vuole essere un invito a guardare la bellezza della natura con più profondità e più intensità.
(Susanna Gargiulo Stierli)

.....e nel pensare che, mentre il nostro pianeta si aggirò nella sua orbita, obbedendo alla legge immutabile della gravità, si svilupparono da un principio tanto semplice, e si sviluppano ancora, infinite forme, vieppiù belle e meravigliose.
(C. Darwin 1859)

MASSIMO BARLETTANI
La ricerca artistica di Massimo Barlettani si è concentrata negli ultimi anni sull’esplosiva bellezza dei fiori con l’obiettivo di coglierne la spettacolarità che spesso ci sfugge.
I suoi lavori si basano sulla luce e sulla composizione per creare un effetto di “spazialità sospesa” i tagli fotografici e la particolare tecnica pittorica danno al suo lavoro un sapore contemporaneo, lontano dagli stereotipi decorativi.
“Massimo ha sviluppato una via espressiva nuova in un panorama artistico contemporaneo ricco e diversificato, la sua cifra stilistica risulta autonoma e, nonostante la ricca tradizione di pittura floreale, è riuscito a distinguersi.
Merito quindi alla capacità di ascolto di se stesso e alla sua produzione che sta diventando sempre più matura.”

EVA MUNARIN
Le opere di Eva Munarin sono pezzi unici e raffinati che uniscono la sapienza dell’artigiano, la creatività dell’artista e la pragmaticità del designer.
Vasi e ciotole realizzati a mano con l’antica tecnica della Maiolica, portano in loro il sapore senza tempo della tradizione ceramica toscana insieme a influenze più moderne e contemporanee, passando da Lucio Fontana, ricordando il dripping di Jackson Pollock e il
blu di Klein.
L'artista si muove al confine tra design e arte, sono sue infatti anche una serie di sculture dove sviluppa il concetto di leggerezza della materia abbinato a forme femminili evanescenti che dialogano direttamente con la nostra anima. Nelle sue opere mostra il fascino del fatto a mano, del pezzo unico e irripetibile che prende vita dalle mani sapienti dell’artigiano, si trasforma in oggetto d'arte e ci accompagna poi nella nostra vita quotidiana.

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram