Tracce di risonanza. Conferenza 3063 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/07/2019
A settembre, a Roma apriranno le porte di una nuova Fondazione
19/07/2019
Addio a Mattia Torre, raffinato autore di teatro e tv, padre della serie Boris
19/07/2019
Il segreto di Stonehenge? Secondo un recente studio, era il lardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA MARIO IANNELLI ​ Via Flaminia 380 Roma 00191

Roma - ven 9 dicembre 2016

Tracce di risonanza. Conferenza

Tracce di risonanza. Conferenza

 [Vedi la foto originale]
GALLERIA MARIO IANNELLI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Flaminia 380 (00191)
+39 0689026885
info@marioiannelli.it
www.marioiannelli.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Galleria Mario Iannelli presenta Tracce di risonanza talk all'interno della mostra für immer (per sempre),.
L'artista Philip Topolovac sarà conversazione con Giuliana Altea e Mark Gisbourne sui temi della mostra, che chiuderà il 13 dicembre.
biglietti: free admittance
vernissage: 9 dicembre 2016. h 18.30
autori: Philip Topolovac
genere: incontro - conferenza, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
9 Dicembre / ore 18.30
Finissage & Talk /Tracce di risonanza
Philip Topolovac in conversazione con Giuliana Altea e Mark Gisbourne sui temi della mostra.

Galleria Mario Iannelli è lieta di presentare Tracce di risonanza talk nell'ambito della mostra für immer (per sempre), Venerdì 9 dicembre alle ore 18:30 .
L'artista Philip Topolovac sarà conversazione con Giuliana Altea e Mark Gisbourne sui temi della mostra.

für immer (per sempre), allestita fino al 13 dicembre, è un loop incessante fra senso di perdita e recupero, fra disastro e ricostruzione. Nella mostra stratificazioni storiche si incrociano ed originano un cortocircuito temporale instabile.
Topolovac prospetta la possibilità del pathos e della nostalgia, così frequentemente associati nell’arte contemporanea ai temi da lui trattati (il calco, la rovina, la reliquia, la catastrofe), per ritirarla subito dopo con l’ombra di un sorriso.

La mostra si apre con un edificio in fiamme, Braciere, un piccolo modello del Palazzo della Civiltà Italiana di Guerrini, Lapadula e Romano (1936-1943). Il monumento simbolo del quartiere mussoliniano dell’EUR brucia, richiamando ai nostri occhi non solo il crollo della dittatura ma anche la crisi delle certezze ideologiche del modernismo.

Gli oggetti-testimoni di una perdita sono per eccellenza le rovine. Documenti del naufragio del passato ma anche presagio di catastrofi future, complice il senso di tragedia creato oggi da tracollo ambientale, guerra in atto o incombente e crisi economica.
Le rovine sono punti in cui si attua il corto circuito tra passato e presente che, Benjamin e Agamben insegnano, è proprio della contemporaneità.

Un cumulo di macerie, Celestial debris, accoglie il visitatore nella prima stanza della galleria: sono frammenti di due calchi in gesso, il primo tratto da un’anonima statua barocca di un santo o angelo, il secondo dalla replica di un satellite obsoleto.

Topolovac utilizza la tecnica del calco in una serie di rilievi in resina, Mapping, che riproducono la conformazione di pezzi di terreno, presentati come elementi modulari collocati entro una griglia metallica. La scultura, il cui modulo è dato dalla misura del piede romano (29,63 cm), suggerisce ancora una volta l’identificazione di diversi livelli temporali; lo schema modernista della griglia viene a coincidere con l’impianto a scacchiera trasmesso dalla polis greca al castrum romano.

L'artista fa affiorare le sue sculture da crepe e fori come accade per Hole, esse sembrano alludere a una dimensione nascosta e inconoscibile dell’architettura.

Il video Für immer che chiude la mostra così com’era cominciata, con l’immagine di un disastro che non è veramente tale: un modellino del Titanic posato su trespoli appare per pochi secondi, esplode davanti ai nostri occhi e riappare in loop. Un ciclo continuo di distruzione e ricostruzione che non sappiamo se confermi o smentisca l’assicurazione di stabilità e durata consegnataci dal titolo del progetto. Per sempre?


Ufficio stampa Elena Bari | NewRelease press@newrelease.news / / Galleria Mario Iannelli - Via Flaminia 380 - Roma // www.marioiannelli.it


 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram