Diario minimo 3073 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
24/07/2019
Una gara da 2 milioni di euro per il risanamento del Museo Archeologico di Aquileia
23/07/2019
Il viaggio dentro e fuori di te, per il prossimo manifesto di Flashback Opera Viva a Torino
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva FANTOMARS ARTE ACCESSIBILE ​ Via Frassinago 3d Bologna 40123

Bologna - dal 10 dicembre 2016 al 13 gennaio 2017

Diario minimo

Diario minimo
Adua Castellucci - il Mondo
 [Vedi la foto originale]
FANTOMARS ARTE ACCESSIBILE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Frassinago 3d (40123)
+39 3356910063
fantomars@live.it
www.fantomars.jimdo.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

due artisti che dialogano tra loro declinando un linguaggio comune in differenti forme da dare alla magia
orario: dalle 16 alle 19,30 dal lunedi al sabato
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 10 dicembre 2016. ore 18
curatori: Giovanni Monti
autori: Davide Babbi, Adua Castellucci
genere: arte contemporanea, doppia personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
DIARIO MINIMO
Sabato 10 dicembre l'atelier Carmen Avilia - Fantomars proporrà la doppia personale di Adua Castellucci e Davide Babbi, dal titolo "Diario Minimo", in via Fondazza 17b, a Bologna, dalle 18 in poi.
I due artisti romagnoli sono legati da un comune sentire che fa di loro spiriti molto liberi e molto affini, e il linguaggio che li accomuna è sospeso tra una disincantata ma per nulla cinica ironia ed una visionarietà che trascende la banale superficialità delle cose apparenti.
Quindi la ricerca del meraviglioso, pur declinata in differenti sfumature, ed anche attraverso tecniche molto personali, si fonde nel risultato di creare interi mondi da esplorare all'interno di una singola opera, e dunque intere galassie quando le opere si moltiplicano ed entrano in reciproca risonanza.
L'uso di materiali spesso nati per altre destinazioni che non per la costruzione di stupore, arricchisce l'efficacia dei misteriosi enigmi che ogni lavoro propone, sempre sul filo della magia e dello sberleffo.
Inoltre nelle due sale dell'atelier saranno esposte in visione anche le raffinate creazioni orafe di Franca Bonazza, "Metallina", che si armonizzeranno coi mosaici, i quadri e le installazioni di Adua e Davide.
Vi aspettiamo quindi numerosi e predisposti alla bellezza. Ciao.


 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram