Sequela 3074 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/06/2019
Tracce di assenza. All'Hotel Hilton Molino Stucky di Venezia le opere di Mimmo Catania
19/06/2019
Ad Alberto Angela la laurea honoris causa dell’Università Suor Orsola di Napoli
19/06/2019
Flaminia Bonciani e i colori degli anni ’80, al RUFA Space
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva EX CHIESA DI SAN MATTIA ​ Via Sant'isaia 14A Bologna 40123

Bologna - dal 27 gennaio al 19 febbraio 2017

Sequela

Sequela
Maria Cristina Carlini, Khmer, 2016
grès, h cm 200, cm 172, cm 150, ø cm 18 cad
 [Vedi la foto originale]
EX CHIESA DI SAN MATTIA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Sant'Isaia 14a (40123)
+39 051203040
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

L’esposizione nasce da una riflessione laica sul senso del sacro nella vita contemporanea e su come il rapporto con la spiritualità venga oggi vissuto e raccontato dalle arti visive
orario: sabato 28 gennaio, ore 10-24; domenica 29 gennaio, ore 10-20; da giovedì a domenica, ore 16-20, gli altri giorni su appuntamento
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 27 gennaio 2017. ore 19
ufficio stampa: IRMA BIANCHI
curatori: Leonardo Regano
autori: Elizabeth Aro, Davide Benati, Mariella Bettineschi, Letizia Cariello, Maria Cristina Carlini, Daniela Comani, Giulia Dall’Olio, Francesco Diluca, Domenico Grenci, Julia Krahn, Maurizio Osti, Elisabeth Scherffig, Fausta Squatriti, Nanda Vigo, Bill Viola
note: Sabato 28 gennaio si terrà inoltre la performance di Julia Krahn alle ore 22.30
genere: arte contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Nella suggestiva ex chiesa di San Mattia a Bologna, Maria Cristina Carlini partecipa alla mostra collettiva "Sequela", a cura di Leonardo Regano, promossa dal Polo Museale dell'Emilia Romagna e dalla Nuova Galleria Morone di Milano, dal 28 gennaio al 12 febbraio.

Sono coinvolti gli artisti: Bill Viola, Nanda Vigo, Maria Cristina Carlini, Daniela Comani, Davide Benati, Fausta Squatriti, Letizia Cariello, Elisabeth Scherffig, Julia Krahn, Domenico Grenci, Francesco Diluca, Giulia Dall’Olio, Elizabeth Aro, Maurizio Osti, Mariella Bettineschi.

L'esposizione nasce da una riflessione laica sul senso del sacro nella vita contemporanea e su come il rapporto con la spiritualità venga oggi vissuto e raccontato dalle arti visive. Il titolo scelto, di derivazione evangelica, è qui proposto in riferimento al testo di Bonhöffer (1937) riprendendo dal pensiero del teologo tedesco la necessità di un approccio alla religione meno dogmatico e più aderente alla rivelazione biblica. Una necessità di un contatto con la religiosità che si riveli non mediato ma intimo, capace di superare la crisi di valori che pervade la cultura occidentale contemporanea.
Le arti visive, cartine tornasole di una società in perenne cambiamento, hanno registrato fin da subito questo nuovo bisogno di spiritualità. Quello che si vuole proporre con "Sequela" è un confronto tra tre generazioni d'artisti per raccontare come negli ultimi quarant'anni sia stato vissuto e sia cambiato questo approccio al sacro e alla spiritualità.
In questo confronto, l'ex Chiesa di San Mattia offre importanti spunti di riflessione agli artisti coinvolti, alcuni dei quali moduleranno il loro lavoro in funzione del luogo ospitante.

Gli artisti sono stati selezionati tra giovani proposte e operatori già affermati, in modo da rappresentare un momento di confronto fra la scena artistica regionale, bolognese in particolare, e quella nazionale ed internazionale; un confronto che assume una rilevanza ancora maggiore per il periodo espositivo scelto, in concomitanza di ArteFiera 2017.

La scultrice Maria Cristina Carlini è presente con Khmer, un'opera che, con cerchi in grès sovrapposti, richiama per forma e colore le colonne del tempio cambogiano Khmer di "Banteay Srei" del X secolo d.C., un luogo spirituale il cui nome significa "Cittadella delle donne" e un'antica leggenda attribuisce proprio ad una donna la realizzazione delle sculture di divinità addossate alle pareti.

Sabato 28 gennaio si terrà inoltre la performance di Julia Krahn alle ore 22.30

Coordinate mostra
Titolo SEQUELA
A cura di Leonardo Regano
Sede Ex Chiesa di San Mattia, via Sant'Isaia 14 - Bologna
Date 28 gennaio - 12 febbraio 2017
Orari sabato 28 gennaio, ore 10-24; domenica 29 gennaio, ore 10-20;
da giovedì a domenica, ore 16-20, gli altri giorni su appuntamento
Ingresso libero

Ufficio Stampa per Maria Cristina Carlini
IBC Irma Bianchi Communication
Tel. +39 02 8940 4694 - mob. + 39 328 5910857 - info@irmabianchi.it
testi e immagini scaricabili da
http://www.irmabianchi.it/mostra/maria-cristina-carlini-partecipa-sequela
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram