Lorenzo Penco - Diario feriale 3087 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
BLOG
LA LAVAGNA
A TEATRO
ALLONS ENFANT/24
SOCIAL ART
CURATORIAL PRACTICES
AL CINEMA!
Exibart.segnala
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva ENTR'ACTE ​ Via Di Sant'agnese 19r Genova 16124

Genova - dall'undici al 27 gennaio 2017

Lorenzo Penco - Diario feriale

Lorenzo Penco - Diario feriale
invito mostra
 [Vedi la foto originale]
ENTR'ACTE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Di Sant'Agnese 19r (16124)
spazioentracte@gmail.com
entracte.altervista.org
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

In mostra il "diario feriale" di Lorenzo Penco, un grande foglio su cui l'autore, nel corso di un anno, ha incollato prove e scarti della sua produzione, ricavandone un collage di grande impatto visivo.
orario: da mercoledì a venerdì ore 16 -19
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 11 gennaio 2017. ore 18,00
autori: Lorenzo Penco
genere: arte moderna e contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Il 2017 di Entr’acte si apre l’11 gennaio con la personale di Lorenzo Penco, “Diario feriale”.
Il titolo fa riferimento all’opera su cui la mostra s’incentra: un grande foglio sul quale, nel corso di un anno, l’autore ha incollato prove e scarti della sua produzione, ricavandone una sorta di diario – ad un tempo casuale e meditato, terminato ma non concluso – del suo lavoro.
Scrive Sandro Ricaldone: “Dall’insieme di brani figurativi e di tracce scrittorie che scandiscono la quotidianità del suo processo creativo, Lorenzo Penco preleva e accosta, frammento per frammento, materiali che, nel progressivo accumularsi, vengono a sostituire l’opera compiuta, abbozzando quella sorta di “catalogo di cose perdute” in cui – come scrive Gastone Novelli – prende forma “un mondo che forse è possibile”.
 
trovamostre