Lawrence Carroll - I want to go home 3086 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/06/2019
L'Adidas ha annunciato una capsule collection omaggio a Keith Haring
21/06/2019
La scuola di Twin Peaks verrà demolita a luglio
21/06/2019
Valentino Catricalà è il direttore della sezione arte di Maker Faire Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA BUCHMANN LUGANO ​ Via Della Posta 2 Lugano 6900

Lugano - dal 18 febbraio al 18 marzo 2017

Lawrence Carroll - I want to go home

Lawrence Carroll - I want to go home
GALLERIA BUCHMANN LUGANO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Della Posta 2 (6900)
+41 (0) 91 980 08 30
buchmann.lugano@bluewin.ch
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Il lavoro di Carroll, spesso al limite tra pittura e scultura, è pervaso da un sentimento altamente poetico e un’impronta autobiografica più o meno esplicita
orario: Da martedì a venerdì 13.00 – 18.00
Sabato 13.00 – 17.00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 18 febbraio 2017. ore 17
autori: Lawrence Carroll
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Lo spazio cittadino Buchmann Lugano presenta a partire da sabato 18 febbraio alle ore 17.00 un’opera

di grandi dimensioni dell’artista di origini australiane Lawrence Carroll (*1954, Melbourne).

Il lavoro di Carroll, spesso al limite tra pittura e scultura, è pervaso da un sentimento altamente poetico e un’impronta autobiografica più o meno esplicita. I dipinti sono carichi di intensità, espressa in prevalenza dalle tonalità di colore che ricordano le delicate gradazioni di Morandi e altri artisti. Una pittura che trascende l’ordinario e lo trasforma in un’esperienza emotiva quasi meditativa. La sua arte, come scrive Gianfranco Maraniello “rinvia sempre ad altro, se non a tutto “il resto”, evoca il trascorso e annuncia l’impensato.”1
Carroll nei suoi dipinti indaga la natura stessa della pittura, l’artista stesso scrive:
La pittura è per ognuno qualcosa di diverso.
Sia che tu la guardi, o che tu la faccia: non c’è solo un modo per capire un dipinto, come non c’è solo un modo per farlo. E sarà così per sempre.
La mia pittura non muove da questioni sociali o dalle turbolenze del mondo. La mia pittura nasce da momenti più o meno persi nel giorno che se ne va.
Quei momenti li porto con me, conservati, sepolti nella vita che passa, nella speranza di metterli in salvo e dar loro la dignità che meritano.

Lawrence Carroll
Bolsena, Italia
6 dicembre 2016

A partire da maggio 2017 Lawrence Carroll presenterà in occasione della sua mostra personale presso il Museo Vincenzo Vela di Ligornetto anche lavori realizzati appositamente per l’esposizione in Ticino.
Alla 55. Biennale d’Arte di Venezia Carroll ha rappresentato il nascente padiglione della Santa Sede.
Sue opere fanno parte di importanti collezioni pubbliche quali il Guggenheim Museum New York, MOCA Los Angeles, Museo de Bellas Artes Caracas, National Museum of Modern Art Tokyo, Städtische Kunsthalle Mannheim, Kunstmuseum Stuttgart, MASI Lugano, MART Rovereto, Villa Panza Varese, EMMA Museum Espoo.

1 G. Maraniello (a cura di), Lawrence Carroll. Ghosthouse, MAMbo, 2015, p. 20

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram