Il Rosso e il Nero 3029 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA TEGA ​ Via Senato 20 Milano 20121

Milano - dal 21 marzo al 5 maggio 2017

Il Rosso e il Nero

Il Rosso e il Nero
Piotr Uklanski "Untitled (My Bloody Valentine)" 2012, inchiostro su tela - 148x201x 6 cm
 [Vedi la foto originale]
GALLERIA TEGA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Senato 20 (20121)
+39 0276006473 , +39 02799707 (fax)
info@galleriatega.it
www.galleriatega.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

una selezione di opere di Alberto Burri, Enrico Castellani, Lucio Fontana e Piotr Uklanski.
orario: da lunedì a sabato ore 10-13 e 15-19
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 21 marzo 2017. ore 18:00
autori: Alberto Burri, Enrico Castellani, Lucio Fontana, Piotr Uklanski
genere: arte moderna e contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Sotto il celebre binomio di stendhaliana risonanza, ma rigorosamente attinente la pittura di quattro tra i protagonisti della storia artistica del XX e XXI secolo di significativa incisività, la mostra offre l'opportunità di un'osservazione misurata e contigua di importanti esiti di questi maestri che – come pochi – hanno esercitato la loro lezione sulle variazioni dei due colori rosso e nero.
Dal confronto tra le loro opere nasce una stimolante riflessione che – pur stabilendo occasione di osservazioni e considerazioni intrecciate – ne lascia sostanzialmente distinte le qualità, i moventi, i risultati pittorici, in una parola le modalità linguistiche.
Infatti, se per Burri il nero segna l'inizio e la fine del suo percorso materico-astratto senza mai perdere di vista il rosso, per Castellani, che col rosso ha campito molte sue superfici, l'inizio delle loro sensibilizzazioni quotate avviene sotto la monocromia nera; non diversamente Fontana, il più anziano tra di loro, allorché nel 1947 modella la sua “scultura spaziale” di gesso, la realizza in nero, dedicando tuttavia nel resto della sua produzione 'spazialista' numerosi “concetti spaziali”, sia a base di 'buchi' che di 'tagli', al colore rosso. Uklanski, poi, il più giovane tra i quattro, audacemente propenso a sperimentare nuovi sentieri dell'elaborazione cromatica, avendo in mente il sangue nell'erogazione del rosso o del nero sulle tele, conduce l'osservatore davanti al suggestivo quesito relativo all'autenticità e alla finzione, alla virtualità e alla realtà.

Sulle numerose opere in mostra si intrattiene il saggio critico di Bruno Corà che, nel catalogo prodotto per l'occasione, traccia anche una rapida sintesi della storica tecnica, simbolica e mitica dei due colori attraverso civiltà, culture e tempi diversi.
 
trovamostre
@exibart on instagram