Regina José Galindo / Piero Gilardi - Il Teatro Subalterno 3154 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.loves - Centrale Fies
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PROMETEOGALLERY ​ Via Giovanni Ventura 6 Milano 20134

Milano - dal 29 marzo al 19 maggio 2017

Regina José Galindo / Piero Gilardi - Il Teatro Subalterno

Regina José Galindo / Piero Gilardi - Il Teatro Subalterno

 [Vedi la foto originale]
PROMETEOGALLERY
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Giovanni Ventura 6 (20134)
+39 0226924450 , +39 0226924450 (fax)
info@prometeogallery.com
www.prometeogallery.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Prometeogallery è lieta di annunciare l’apertura della sua nuova sede con la mostra Il Teatro Subalterno, che vede due eminenti artisti di differente generazione, come Regina José Galindo e Piero Gilardi, condividere per la prima volta lo stesso spazio. Non si tratta di una doppia personale ma di una mostra fatta di accostamenti, parallelismi, contaminazioni, dove due figure chiave del rapporto arte-politica si incontrano in uno spazio fisico e metaforico, allo stesso tempo
biglietti: free admittance
vernissage: 29 marzo 2017. ore 19
curatori: Marco Scotini
autori: Regina José Galindo, Piero Gilardi
genere: arte contemporanea, doppia personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Il Teatro Subalterno
Regina José Galindo, Piero Gilardi
a cura di Marco Scotini Inaugurazione: 29 Marzo 2017 ore 19.00 30 Marzo - 19 Maggio, 2017 Prometeogallery di Ida Pisani Via G. Ventura, 6 – Milan
Prometeogallery è lieta di annunciare l’apertura della sua nuova sede con la mostra Il Teatro Subalterno, che vede due eminenti artisti di differente generazione, come Regina José Galindo e Piero Gilardi, condividere per la prima volta lo stesso spazio. Non si tratta di una doppia personale ma di una mostra fatta di accostamenti, parallelismi, contaminazioni, dove due figure chiave del rapporto arte-politica si incontrano in uno spazio fisico e metaforico, allo stesso tempo.

Questo luogo metaforico è la geografia sociale dell’America Latina, da sempre lo sfondo privilegiato delle performance di Regina José Galindo e, nel 1982, il campo temporaneo di un’animazione teatrale di Piero Gilardi nel contesto compromesso del barrio San Judas di Managua, al tempo della vittoria sandinista. La forma d’intervento estetico che caratterizza i due artisti è, di fatto, la performatività e il teatro urbano come strategia di rivendicazione sociale, pur nelle differenti modalità di ciascuno. Da qui deriva il titolo della mostra, Il Teatro Subalterno, a cura di Marco Scotini, che intende ricollocare queste esperienze nel rapporto tra dominio e sfruttamento.

Della lunga e complessa attività di Piero Gilardi si presentano le esperienze a sfondo antropologico che l’artista tiene all’inizio degli anni ’80 in una geografia periferica e decentrata del mondo che va dalle popolazioni San Judas di Managua, alla riserva indiana di Akwesasne in Nord America, alla tribù Barsaloi Samburu in Kenya. Per l’artista italiano si tratta allora di verificare, nel contesto di culture “altre”, le esigenze di creatività collettiva maturate all’interno della controcultura degli anni ’70. I suoi costumi di carattere politico in poliuretano espanso, assieme ai suoi celeberrimi Tappeti- Natura (presenti anche in mostra), sono l’espressione non solo di un’arte corale e fruibile ma anche della volontà di dar voce a ciò che tanto nella natura e nella società è espropriato e sottomesso.

Il teatro solitario di Regina José Galindo preferisce, invece, mettere in scena una denuncia individuale e una stoica resistenza alle forme di violenza e sopruso che caratterizzano la realtà contemporanea in America Latina. Ma lo fa sempre, però, in contesti pubblici o in spazi agricoli e naturali dove più evidente risulta il vincolo che lega gli effetti di potere sul corpo alle strategie di subordinazione dello spazio. Incancellabili le strategie militari di terra bruciata compiute dall’esercito di Efraín Ríos Montt sui corpi delle donne, sulle comunità indigene, sulle varietà vegetali, sulle forme di produzione così come le espropriazioni attuali perpetrate dal carattere estrattivo del neolocolonialismo multinazionale. Dal progetto El dolor en un pañuelo (1999) a La Verdad (2013), da Paisaje (2012) a Tierra (2013) la mostra cercherà di presentare il percorso storico dell’artista guatemalteca, attraverso alcuni episodi fondamentali dove la richiesta di giustizia non smette di urlare.
 
trovamostre
@exibart on instagram