Chronos. L’arte contemporanea e il suo tempo 3053 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/07/2019
Una cooperazione Carabinieri-FBI riporta in Italia due preziosi reperti dagli USA
15/07/2019
Un nuovo libro ci fa entrare nella mente di Jean-Michel Basquiat
13/07/2019
Anche Lucio Battisti arriva su Spotify ma non tutti sono contenti
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva SEDI VARIE - PROVINCIA DI BERGAMO ​ - Provincia Di Bergamo

Provincia Di Bergamo () - dal 22 aprile al 21 maggio 2017

Chronos. L’arte contemporanea e il suo tempo

Chronos. L’arte contemporanea e il suo tempo
Fabio Viale - Stele
 [Vedi la foto originale]
SEDI VARIE - PROVINCIA DI BERGAMO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
-
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Rassegna promossa da sei comuni della Bassa bergamasca orientale con l’intento di valorizzare i propri siti storici che si situano cronologicamente tra il XVI e il XX secolo. Edifici di grande rilievo, carichi di storia e memoria dove la curatrice porta le opere di 46 artisti contemporanei, la cui riflessione è incentrata sul tema del “tempo”: in senso storico, esistenziale, storico-artistico, filosofico
orario: sabato 16-19; domenica 15-19. Gli altri giorni su appuntamento, contattando le rispettive sedi
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 22 aprile 2017.
catalogo: in galleria. Scalpendi
ufficio stampa: press@alessandrapozzi.com
curatori: Angela Madesani
autori: J & Peg, Filippo Armellin, Elizabeth Aro, Sergia Avveduti, Alessandra Baldoni, Mariella Bettineschi, Giovanna Bolognini, Tullio Brunone, Paolo Cavinato, Silvia Celeste Calcagno, Daniela Comani, Ivan De Menis, Maurizio Donzelli, Daniele D’Acquisto, Piero Fogliati, Inés Fontenla, Nicoletta Frigerio, Silvia Gazzola, Mauro Ghiglione, Aldo Grazzi, Marco Grimaldi, Sheila Hicks, Paolo Icaro, Maria Lai, Luigi Manciocco, Antonio Marchetti Lamera, Hiroyuki Masuyama, Alberto Messina, Vittorio Messina, Daniele Nitti Sotres, Maria Elisabetta Novello, Giacinto Occhionero, Roman Opalka, Paolo Parma, Mara Pepe, Gianni Pettena, Fabrizio Prevedello, Roberto Rizzo, Fiorenzo Rosso, Elisabeth Scherffig, Ariel Schlesinger, Paul Thorel, Nanni Valentini, Andrea Valsecchi, Fabio Viale, Peter Welz
note: SEDI:
Torre Pallavicina | Palazzo Barbò | Torre di Palazzo Barbò| Palazzo Botti
Cortenuova | Palazzo Colleoni
Calcio | Palazzo Vezzoli
Morengo | Palazzo Giovanelli
Romano di Lombardia | Palazzo della Ragione
Cologno al Serio | La Rocca - Sala del Cavallo
genere: fotografia, arte contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Mostra a cura di Angela Madesani

Provincia di Bergamo – Sedi varie

22/23 Aprile (Inaugurazioni) – 21 Maggio 2017

Catalogo Scalpendi

TORRE PALLAVICINA | Palazzo Barbò | Torre di Palazzo Barbò| Palazzo Botti

CORTENUOVA | Palazzo Colleoni

CALCIO | Palazzo Vezzoli

MORENGO | Palazzo Giovanelli

ROMANO DI LOMBARDIA | Palazzo della Ragione

COLOGNO AL SERIO | La Rocca - Sala del Cavallo

COMUNICATO STAMPA n. 2 – 30 marzo 2017

CHRONOS. L’arte contemporanea e il suo tempo, curata da Angela Madesani, è la prima di un ciclo di mostre a cadenza

annuale dal titolo LE STANZE DEL CONTEMPORANEO, che vedrà coinvolti diversi comuni della Provincia di Bergamo distanti

pochi chilometri l’uno dall’altro, su alcuni temi portanti della storia dell’arte che pongono in dialogo l’antico e la tradizione

con il contemporaneo.

Questa prima rassegna è promossa da sei Comuni della bassa bergamasca orientale - TORRE PALLAVICINA CORTENUOVA, CALCIO,

MORENGO, ROMANO DI LOMBARDIA, COLOGNO AL SERIO - con l’intento di valorizzare i propri siti storici che si situano

cronologicamente tra il XVI e il XX secolo. Edifici di grande rilievo, carichi di storia e memoria dove la curatrice porta le opere

di 46 artisti contemporanei, la cui riflessione è incentrata sul tema del “tempo”: in senso storico, esistenziale, storico-

artistico, filosofico. In mostra vi saranno opere pittoriche figurative e non, fotografie, video, sculture e installazioni che

entreranno in stretto rapporto con gli spazi interni ed esterni e in fitto dialogo fra loro. Saranno esposte opere storiche,

partendo dagli anni Sessanta e Settanta, come quelle di Opalka o Gianni Pettena, passando attraverso l’ultimo decennio ‘900

- con lavori di Tullio Brunone, Daniela Comani o Luigi Mangiocco - e il primo decennio del nuovo secolo, fino al 2016.

LA MOSTRA

“Gli spazi – sottolinea la curatrice - sono fortemente connotati e non si poteva pensare di esporvi opere che non fossero in

sintonia con essi. Non ho però invitato gli artisti a presentare un lavoro site-specific. Li ho chiamati perché ho scelto insieme a

loro dei lavori sul tema del “tempo/chronos”. Ognuno utilizza mezzi diversi, dalla fotografia al video, all’installazione, al

disegno, alla pittura, alla scultura in marmo, ceramica, gesso, piombo o lana e anche la scrittura. La divisione e la collocazione

nelle varie sedi delle loro opere segue un gusto curatoriale.”

TORRE PALLAVICINA | Palazzo Barbò

A Torre Pallavicina tre sedi, molto vicine tra loro, ospitano le opere scelte dalla curatrice: Palazzo Barbò (dove Ermanno Olmi

girò “Il mestiere delle armi”), la Torre (detta di Tristano) situata nel giardino di Palazzo Barbò e Palazzo Botti.

Nell’androne d’ingresso del primo piano di Palazzo Barbò, Paolo Cavinato, presenta Reflections, un’installazione che

rappresenta l’azione del tempo e il suo scorrere, in relazione allo spazio.

Nella prima stanza sono collocate un’installazione con delle piccole sculture di Sergia Avveduti e due preziose sculture di

ceramica di Nanni Valentini; di seguito, nella cosiddetta sala verde, Fabrizio Prevedello presenta alcune sculture installative

in gesso - dove gioca con la forma del cerchio - che si pongono in dialogo con un fregio di bronzo dipinto di Paolo Icaro. Nella

sala di fianco, affrescata con grottesche nel ‘500, dai cremonesi fratelli Campi, troviamo una mappa di cenere di Maria

Elisabetta Novello, che ricostruisce una pianta di Atlantide, affrontando il tema dell’utopia. Segue la sala di Tullio Brunone

(IV sala) con un’installazione sonora costituita da un pendolo. Nell’ultima sala, azzurra, Elisabeth Scherffig presenta dei

disegni sulle cave, dal titolo Monumenti. Sono “testimonianze del tempo”. Nella stessa sala vi sono anche due opere

ricamate di Maria Lai, scomparsa recentemente, che come Sheila Hicks sarà presente alla prossima Biennale di Venezia.

TORRE PALLAVICINA | Torre (detta di Tristano) di Palazzo Barbò

I due piani della Torre, che dà il nome al paese, sono occupati da due grandi lavori installativi, uno di matrice sociale e

antropologica del genovese Mauro Ghiglione e uno di Piero Fogliati (la suggestiva Macchina per produrre fantasmi), artista



che ha indagato per oltre cinquant’anni il complesso tema della luce.



TORRE PALLAVICINA | Palazzo Botti

A Palazzo Botti, sempre a Torre Pallavicina troviamo: la grande foto, L'Origine dell'Anima, di Filippo Armellin, presentata

recentemente al Premio Cairo; di Daniele D’Acquisto alcuni acrilici su strati di plexiglass della serie Desert e un’installazione;

tre lavori dal titolo Mirror di Maurizio Donzelli, in cui vengono utilizzate delle lenti prismatiche, atte a modificare la

percezione del disegno che costituisce l’opera.

Dell’israeliano Ariel Schlesinger vi è l’opera Untitled (Screw/Unscrew) del 2015, dove vediamo una coppia di viti in bronzo

incorniciate, a cui è stata modificata, impercettibilmente, la filettatura; Sheila Hicks è presente con delle sculture di lana di

recenete realizzazione; Vittorio Messina, con alcuni lavori di piombo, molto affascinanti, con delle lettere impresse; del

tedesco Peter Welz, sono in mostra 5 fotografie elaborate della serie realizzata nel 2014 su Casa Malaparte di Capri,

importante opera architettonica di Adalberto Libera; infine un lavoro di Silvia Celeste Calcagno, realizzato con una

particolare tecnica di fotoceramica, sull’ossessione e la ripetizione.

CORTENUOVA | Palazzo Colleoni

Palazzo Colleoni a Cortenuova è una sede particolarmente bella, con un parco molto grande e suggestivo. All’esterno

troviamo due sculture: Stele in marmo nero, del 2005, di Fabio Viale e Necessità Ascensionale Marmo di Carrara e acciaio

patinato, del 2011-2013, di Daniele Nitti Sotres.

All’interno del palazzo il tema della mostra viene affrontato attraverso originali opere di fotografia e pittura assai diverse tra

loro. Daniela Comani presenta Sono stata io. Diario 1900-1999 (2002/2006), un’opera sul tempo della storia. Di Roman

Opalka, uno dei più importanti artisti del XX secolo, vi sono quattro importanti foto dal ciclo Opalka 1965 / 1 - ∞. Del duo

J&Peg sono in mostra dei lavori (fotografie su plexiglass and legno) sul tema della memoria; del pioniere dell’arte digitale,

Paul Thorel, immagini fotografiche, dal titolo Meditazioni (2010), che si richiamano ad algoritmi. Gianni Pettena,

appartenente al nucleo originario dell’Architettura radicale, vicino al mondo della Land Art, porta alcune foto di About non conscious

architecture del 1972. Mariella Bettineschi presenta un lavoro fotografico su alcuni dipinti antichi, dove crea un gioco di

occhi in movimento.

Mentre Antonio Marchetti Lamera, Ivan De Menis, Roberto Rizzo e Giacinto Occhionero presentano lavori pittorici sul gesto

e le ombre. Si tratta di riflessioni di matrice linguistica, sul senso della pittura nella contemporaneità artistica.

CALCIO | Palazzo Vezzoli

A Palazzo Vezzoli le opere sono collocate all’ingresso e sullo scalone d’onore del palazzo. Di Alessandra Baldoni ci sono tre

serie di lavori, ispirati ai racconti Il messaggio dell'imperatore, La metamorfosi e Davanti alla legge, dello scrittore Franz

Kafka. Una grande scultura di velluto, Red Net, dell’argentina Elizabeth Aro scende dal soffitto e avvolge lo spazio circostante

come una grande piovra. Infine troviamo un lavoro pittorico di matrice astratta di Marco Grimaldi intitolato HABITAT 2/18,

del 2012.

MORENGO | Palazzo Giovanelli

A Morengo nella Sala Cisl di Palazzo Giovanelli, vi sono le fotografie della serie Towers di Andrea Valsecchi, realizzata nel

2016, in cui reale e virtuale vengono posti in dialogo. Sempre all’interno troviamo i progetti per la scultura Scorpio fossili:

barriere in siccità arcaica,  del 2004-2015 di Nicoletta Frigerio e alcune formelle in ferro cotto di Giovanna Bolognini.

All’esterno oltre alla scultura appena citata della Frigerio, troviamo della Bolognini La ruota del Tempo del 2007.

ROMANO DI LOMBARDIA | Palazzo della Ragione

In questa antica sede troviamo un’opera di carattere spirituale di Luigi Manciocco, Animula, un lightbox del 1998, e

un’installazione dell’argentina Ines Fontenla (Il giardino dei tempi che si biforcano) che, attraverso dei pendoli, sabbia e

colore indaga sui temi del tempo, della scienza, dell’ecologia, in relazione all’uomo. Di Aldo Grazzi sono in mostra due

installazioni dal titolo Giardino d’inverno. Fiorenzo Rosso, presenta originali macchine per la visione, dove i soggetti sono set

ricostruiti liberamente, utilizzando vecchie foto e fotografati con stereo-camere vintage; mentre Mara Pepe presenta una

serie di lavori fotografici in cui indaga il tema dell’apparenza.

COLOGNO AL SERIO | La Rocca - Sala del Cavallo

Questa sede è dedicata principalmente alla fotografia. I giovanissimi Silvia Gazzola e Alberto Messina, presentano degli “still

life”, intesi come “memento/registrazione del tempo”; Paolo Parma, un lavoro dal titolo Le città invisibili (2016), in cui

evoca, attraverso le ombre, delle costruzioni architettoniche. Hiroyuki Masuyama, importante artista giapponese, che vive

in Germania, porta un video di 8 minuti (Way 01.01.2001-31.12.2001, del 2001) dove racconta lo scorrere, il passare,

l’avvicendarsi del tempo, attraverso immagini che fluiscono velocemente e mostrano il cambiamento del paesaggio durante

le stagioni dell’anno.

Il catalogo, edito da Scalpendi, conterrà il testo della curatrice Angela Madesani e le immagini a colori di tutte le opere che

verranno fotografate presso le rispettive sedi espositive. La mostra sarà quindi allestita all’inizio di aprile per permettere

all’editore di pubblicare il catalogo in tempo per l’inaugurazione.



SCHEDA TECNICA DELLA MOSTRA

CHRONOS. L’arte contemporanea e il suo tempo

A cura di Angela Madesani

Provincia di Bergamo – Sedi varie 22/23 aprile – 21 maggio 2017

Orario: sabato 16-19; domenica 15-19. Gli altri giorni su appuntamento, contattando le rispettive sedi.

Comunicazione |Alessandra Pozzi +39 3385965789, press@alessandrapozzi.com

www.facebook.com/ChronosStanzedelContemporaeo

@ ChronosStanzedelContemporaeo

#Chronos_StanzedelContemporaneo

TORRE PALLAVICINA

INAUGURAZIONE SABATO 22 APRILE ORE 11

Info: Tel. 3492626115, www.palazzobarbo.com.

Biglietto d’ingresso: 3,00 euro

TORRE PALLAVICINA | PALAZZO BARBÒ

Via Torre 19 CHIUSO SABATO 6 MAGGIO

· SERGIA AVVEDUTI, TULLIO BRUNONE, PAOLO CAVINATO, PAOLO ICARO, MARIA LAI, MARIA ELISABETTA NOVELLO, FABRIZIO PREVEDELLO, ELISABETH SCHERFFIG, NANNI VALENTINI (INTERNO)

TORRE PALLAVICINA | TORRE DI PALAZZO BARBÒ

Via Torre 19

· PIERO FOGLIATI, MAURO GHIGLIONE (INTERNO)

TORRE PALLAVICINA | PALAZZO BOTTI

Via San Rocco

· FILIPPO ARMELLIN, SILVIA CELESTE CALCAGNO, DANIELE D’ACQUISTO, MAURIZIO DONZELLI, SHEILA HICKS, VITTORIO MESSINA, ARIEL SCHLESINGER, PETER WELZ (INTERNO)

CORTENUOVA | PALAZZO COLLEONI

INAUGURAZIONE SABATO 22 APRILE ORE 16

Via Molino 2 Info: Tel. 3407845995, www.palazzocolleoni.it. Ingresso libero

· MARIELLA BETTINESCHI , DANIELA COMANI, J & PEG, IVAN DE MENIS, ANTONIO MARCHETTI LAMERA, GIACINTO OCCHIONERO, ROMAN OPALKA, GIANNI PETTENA, ROBERTO RIZZO, PAUL THOREL

(INTERNO)

· DANIELE NITTI SOTRES, FABIO VIALE (ESTERNO)

CALCIO | PALAZZO VEZZOLI

INAUGURAZIONE SABATO 22 APRILE ORE 18

Via Papa Giovanni XXIII Info: Tel. Tel. 3408420855. Ingresso libero

· ELIZABETH ARO, ALESSANDRA BALDONI, MARCO GRIMALDI (INTERNO)

MORENGO | PALAZZO GIOVANELLI

INAUGURAZIONE DOMENICA 23 APRILE ORE 10.30

Via Castello, 13 Info: Tel. 3384813854. Ingresso libero

· GIOVANNA BOLOGNINI, NICOLETTA FRIGERIO, ANDREA VALSECCHI (INTERNO)

· GIOVANNA BOLOGNINI, NICOLETTA FRIGERIO (ESTERNO)

ROMANO DI LOMBARDIA | PALAZZO DELLA RAGIONE

INAUGURAZIONE DOMENICA 23 APRILE ORE 11.30

Via Bartolomeo Colleoni 12 Info: Tel. 3396184200. Ingresso libero

· INES FONTENLA, ALDO GRAZZI, LUIGI MANCIOCCO, FIORENZO ROSSO, MARA PEPE (INTERNO)

COLOGNO AL SERIO | LA ROCCA (SEDE DEL MUNICIPIO), SALA DEL CAVALLO

INAUGURAZIONE DOMENICA 23 APRILE ORE 16

Via Rocca Info: Tel. 0354183501. Ingresso libero

· SILVIA GAZZOLA, HIROYUKI MASUYAMA, ALBERTO MESSINA, PAOLO PARMA (INTERNO)

Il territorio della Provincia di Bergamo è ricco di meravigliose testimonianze storico-artistiche (Castelli, Chiese, Conventi, Santuari ecc.). Negli ultimi anni le

iniziative a carattere culturale, naturalistico e gastronomico sono in continuo aumento. Un sito utile per avere informazioni, almeno per 4 dei 6 comuni

coinvolti (Torre Pallavicina, Calcio, Cortenuova e Romano di Lombardia) è www.bassabergamascaorientale.it.

Lungo il percorso della mostra si incontrano inoltre i parchi naturalistici dei fiumi Serio e Oglio.

Per informazioni: www.parcooglionord.it; www.parcodelserio.it
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram