Gastone Primon - Spiragli. Voci e Volti della Materia 3071 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PESCHERIA VECCHIA ​ Via Massimo D'azeglio 11 Este 35042

Este (PD) - dal 29 aprile al 18 maggio 2017

Gastone Primon - Spiragli. Voci e Volti della Materia

Gastone Primon - Spiragli. Voci e Volti della Materia

 [Vedi la foto originale]
PESCHERIA VECCHIA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Massimo D'Azeglio 11 (35042)
+39 042961757 , +39 042961757 (fax)
info@comune.este.pd.it­
www.comune.este.pd.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra propone un importante e significativo gruppo di opere che testimoniano il dialogo continuo e fecondo tra pittura e scultura, portato avanti nel tempo da Gastone Primon
vernissage: 29 aprile 2017. h 16 presso la Sala Consiliare del Comune di Este
ufficio stampa: STUDIO ESSECI
autori: Gastone Primon
note: La sezione "ceramica" in mostra presso Museo Nazionale Atestino: dal 29 Aprile al 21 Maggio 2017 a Este
genere: arte contemporanea, personale
email: gastone.primon@gmail.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
SPIRAGLI-Voci e Volti della Materia


Luogo e durata:
Ceramica - Museo Nazionale Atestino: dal 29 Aprile al 21 Maggio 2017 – Este (PD)
Pittura - Sala espositiva “Vecchia Pescheria” dal 29 Aprile al 18 Maggio 2017 – Este (PD)


La mostra propone un importante e significativo gruppo di opere che testimoniano il dialogo continuo e fecondo tra pittura e scultura, portato avanti nel tempo da Gastone Primon. Artista di statura internazionale, il Maestro trova nella didattica e nella incessante ricerca la via, come sottolinea il Critico Giorgio Segato, della sapienza manipolativa, la perfetta e sempre aggiornata conoscenza di modi e tempi di cotture, di ossidazioni, di impiego di smalti, per rimettere in atto processi di trasformazione fisica, materica, e dunque anche, e soprattutto, psicologica, dichiarando la propria insoddisfazione per lo stato delle cose, per la condizione esistenziale, per l’inutilità consolatoria delle belle forme, delle armonie astratte, che cioè non tengano conto dei reali problemi del mondo e dell’uomo. Le sue opere recuperano valenze primordiali, microcosmi ctoni di terra e materia emersa e dibattuta nel caos dove gli elementi terra, fuoco e acqua si amalgamano e dove l’uomo lascia le prime tracce. Ogni suo “lavoro” nasce da una urgenza indifferibile propria della storia dell’uomo, quella che leggiamo fra le forme ricche di squarci e quasi pulsanti sotto la spinta di una nascosta tensione. Le opere di Primon sono spesso enigmatiche ma soffermandosi dinanzi alle sue rappresentazioni, sembra di ascoltare e seguire il ritmo evolutivo delle cose, modificando non per distruggere un equilibrio, seppur momentaneo ed illusorio!!! Sapere come le opere vengano realizzate e come i materiali siano assemblati non aggiunge niente alla comprensione, perché chi vede non cerca di ricostruire il cammino dell’artista, ma vi riconosce il proprio, afferma Pierina Borin. Spiraglio, così come propone il titolo, è sì apertura dove “viaggia” una luce, dove lo sguardo va a posarsi, cercando il reale ma anche l’immaginario fatto di apparenza ma anche di dubbi infiniti e nella concreta ipotesi comunque di individuare una possibilità, un barlume, uno Spiraglio di Speranza per il domani. Suoi capolavori sono conservati presso Chiese, Musei, Enti e collezioni private. Ha affiancato alla sua vita d’artista anche ruoli didattici istituzionali che l’hanno portato a confrontarsi e collaborare con artisti stranieri in particolare della Repubblica di Malta e del Regno Hashemita di Giordania. In tali contesti internazionali ha insegnato, per oltre 5 anni, e ha avuto modo di conoscere realtà artistiche locali portandolo a modificare, in alcuni aspetti, il suo credo d’indirizzo estense. Egli giunge a questa personale con più di 50 anni di esperienze e con “alle spalle” numerose esposizioni e conferenze sia in Italia che all’estero. Si sono interessati a lui numerosi critici, riviste, giornali e televisioni sia in Italia che all’estero oltre ad avere una ricca catalogazione personale presso la Galleria Nazionale di Arte moderna di Roma.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram