1927 Il ritorno in Italia 3085 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEO SALVATORE FERRAGAMO - PALAZZO SPINI FERRONI ​ Via Dei Tornabuoni 2 Firenze 50123

Firenze - dal 18 maggio 2017 al 2 maggio 2018

1927 Il ritorno in Italia

1927 Il ritorno in Italia

 [Vedi la foto originale]
MUSEO SALVATORE FERRAGAMO - PALAZZO SPINI FERRONI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Dei Tornabuoni 2 (50123)
+39 0553360456 , +39 0553360475 (fax)
www.museoferragamo.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

In coincidenza con il novantesimo anniversario del ritorno in Italia dagli Stati Uniti di Salvatore Ferragamo, il Museo a lui dedicato aprirà al pubblico la mostra “1927 Il ritorno in Italia”.
vernissage: 18 maggio 2017. su invito
editore: SKIRA
curatori: Carlo Sisi
autori: Giacomo Balla, Fortunato Depero, Mino Maccari, Giò Ponti, Ottone Rosai
genere: documentaria

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
In coincidenza con il novantesimo anniversario del ritorno in Italia dagli Stati Uniti di Salvatore Ferragamo, il Museo a lui dedicato aprirà al pubblico il prossimo 19 maggio la mostra “1927 Il ritorno in Italia”.

La mostra ha l’obiettivo di analizzare le diverse componenti della cultura visiva degli anni Venti in Italia estraendo da questa i temi e le opere che influenzarono, in maniera diretta o per indirette suggestioni, l’officina ‘poetica’ di Ferragamo, senza trascurare tutti gli aspetti culturali e sociali che contraddistinsero la rinascita civile del primo dopoguerra alla vigilia dell’autoritaria affermazione del regime fascista.
Partendo da questo assunto, la mostra esporrà numerose opere d’arte – Maccari, Martini, Thayaht, Gio Ponti, Rosai, Balla, Depero e molti altri – oltre a costumi e stoffe dell’epoca, manufatti di alto artigianato, fotografie e manifesti pubblicitari. E, ovviamente, le calzature create in quegli anni a dimostrazione della profonda sintonia di Salvatore Ferragamo con il mondo artistico contemporaneo.

La Mostra, a cura di Carlo Sisi, è allestita da Maurizio Balò e sarà accompagnata da un ricco catalogo edito da Skira.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram