Matteo Manduzio - "un po’ per gioco…un po’ per non morire” 3124 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEO CIVICO ​ Piazza Vincenzo Nigri 1 Foggia 71100

Foggia - dal 3 al 19 giugno 2017

Matteo Manduzio - "un po’ per gioco…un po’ per non morire”

Matteo Manduzio - "un po’ per gioco…un po’ per non morire”

 [Vedi la foto originale]
MUSEO CIVICO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Vincenzo Nigri 1 (71100)
+39 0881726245 , +39 0881771823 (fax)
museofg.cultura@tiscali.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Mostra personale in due sedi: al Museo Civico e al Palazzetto dell’Arte di via Galliani
orario: 9,00/13,00 e 16,00/20,00 tutti i giorni escluso domenica e lunedì
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 3 giugno 2017. h 18.30
catalogo: in galleria. edito da Claudio Grenzi Editore
curatori: Gaetano Cristino
autori: Matteo Manduzio
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Ancora una volta, una mostra divisa in due. Una parte al Palazzetto dell’Arte, l’altra al Museo Civico. Questo, per un artista che credevamo ormai “specializzato” in un’arte tutta particolare e riconoscibilissima, quella del dar vita ed anima a frustoli di vecchi tomi. E invece, ecco che, quando ormai la cifra è quella e la firma è di facile attribuzione, il nostro vira decisamente e si volta all’indietro, recuperando modi e stili di tanti anni fa. Gloria Fazia Direttore Museo Civico di Foggia
L’aggiornamento linguistico della sua pittura, che è quasi un precipitato, un distillato dell’arte del Novecento, non è infatti mai fine a se stesso. È come se egli avesse messo in una centrifuga le connotazioni di forma, movimento, spazio, linea, superficie su cui il dibattito sulle arti visive è stato più alto e poi, avendone ricavato forme originali, nuove dimensioni spaziali e tessiture (anche cromatiche) particolari tra i vari elementi, non si fosse sentito pago di tali stilemi formali ma li avesse piegati ad una lettura più approfondita della realtà. L’evoluzione linguistica, infatti, non deve farci dimenticare il rapporto con il mondo, interno o esterno che sia. Gaetano Cristino
 
trovamostre
@exibart on instagram