Libri e cartelle d’artista dalla collezione di Italo Furlan (1933-2014) 3056 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/06/2018
Quattro componenti per la nuova Commissione per il Sistema museale nazionale
20/06/2018
Fendi e Nico Vascellari ancora insieme, per la collezione maschile estate 2019
19/06/2018
Si riapre l’indagine sul furto della Natività di Caravaggio
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva FONDAZIONE ADO FURLAN ​ Via Giuseppe Mazzini 49 Pordenone 33170

Pordenone - dal 13 settembre al 28 ottobre 2017

Libri e cartelle d’artista dalla collezione di Italo Furlan (1933-2014)

Libri e cartelle d’artista dalla collezione di Italo Furlan (1933-2014)
Ossip Zadkine, Le regarde multiple (Der Prophet), litografia inserita nella cartella Guillame Apollinaire, Les collines, Frankfurt am Mein, Verlag Ars Librorum,1966

 [Vedi la foto originale]
FONDAZIONE ADO FURLAN
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Giuseppe Mazzini 49 (33170)
+39 0434208745 , +39 0434208745 (fax)
info@fondazioneadofurlan.org
www.fondazioneadofurlan.org
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Mostra dedicata a una serie di importanti libri e cartelle d’artista appartenenti alla collezione di Italo Furlan, principale promotore e primo presidente della Fondazione. La mostra sarà presentata nell'ambito della XVIII edizione di pordenonelegge.it
orario: 13-17 settembre: mercoledì-domenica 10.30-12.30/16.30-19.30
19 settembre-28 ottobre: martedì-sabato 17.00-19.30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 13 settembre 2017. Ore 12.00
curatori: Alessandro Del Puppo, Alessandro Scarsella
autori: George Braque, Jean Dubuffet, Hans Hartung, Pablo Picasso, Pierre Reverdy, Fritz Wotruba, Ossip Zadkine
patrocini: Comune di Pordenone
Università di Udine
note: La presentazione della mostra non sarà nella sede della Fondazione bensì in Piazzetta Ottoboni alle ore 11.00 nell’ambito della XVIII edizione di pordenonelegge.it.
genere: documentaria, arte moderna e contemporanea, altro

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Una mostra dedicata a una serie di importanti libri e cartelle d’artista appartenenti alla collezione di Italo Furlan, principale promotore e primo presidente della Fondazione.
Tra le varie opere, che in molti casi illustrano o sono accompagnate da testi letterari e commenti critici, si segnalano quelle di George Braque/Pierre Reverdy, Une aventure méthodique (1949), Jean Dubuffet/Guillevic, Le Murs (1950), Picassso/Jaime Sabartés, Dans l’atelier de Picasso (1957), Hans Hartung, Aquarelle (1966) e Farandole (1971), Zadkine/Apollinaire, Les collines (1966), Fritz Wotruba/Eugène Ionesco, Discours d’overture du Festival de Salzburg (1973-1974).

Alla presentazione parteciperanno Alessandro Del Puppo (docente di Storia dell’arte contemporanea presso l’Università di Udine), Alessandro Scarsella (docente di Letterature comparate presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia) e Caterina Furlan (presidente della Fondazione Ado Furlan).

Alessandro Del Puppo è professore associato di Storia dell’arte contemporanea presso l’Università di Udine. I suoi interessi di ricerca comprendono il futurismo (“Lacerba” 1913-1915. Arte e critica d’arte, Bergamo, Lubrina, 2000), la scultura italiana del Novecento (Modigliani scultore, Cinisello Balsamo, Silvana, 2010) e le relazioni tra arte e ideologia (Modernità e nazione. Temi di ideologia visiva nell’arte italiana di primo Novecento, Quodlibet, Macerata, 2012). Il suo ultimo libro è L’arte contemporanea. Il secondo Novecento (Torino, Einaudi, 2013).
Caterina Furlan, pordenonese, è professore ordinario di Storia dell’arte moderna presso l’Università di Udine. La sua attività di studio e di ricerca ha interessato divere tematiche, con particolare riguardo alla cultura figurativa di Venezia e Roma nel Cinquecento e alla pittura veneta e friulana tra XV e XVIII secolo. Ha pubblicato numerosi saggi. Oggetto di particolare approfondimento sono state le personalità di Giovanni da Udine (Udine, Casamassima, 1987) e del Pordenone (Milano, Electa, 1988).
Alessandro Scarsella, critico letterario nato a Roma, insegna Letterature comparate presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia. Funzionario per oltre un ventennio presso la Biblioteca Nazionale Marciana, è autore di monografie e articoli di storia e teoria della letteratura, dagli umanisti all'età contemporanea. Membro del comitato scientifico di diverse riviste letterarie, ha collaborato con numerose voci alla "Princeton Encyclopedia of Italian Literary Studies"( Routledge, 2006.)
 
Manifesta 12 - Palermo - La guida con tutti gli eventi e non solo
trovamostre
@exibart on instagram