Paolo Icaro - Un prato in quattro tempi 3249 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/09/2018
Il corpo nudo. Un Talk con Mary Beard per aprire la stagione dell’American Academy in Rome
25/09/2018
L'Italia sceglie Dogman. Il film di Matteo Garrone in corsa per gli Oscar
25/09/2018
È in uscita un nuovo libro dedicato ai Joy Division
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva UNIVERSITA' STATALE DI MILANO ​ Via Festa Del Perdono 7 Milano 20122

Milano - dal 18 settembre 2017 al 14 marzo 2018

Paolo Icaro - Un prato in quattro tempi

Paolo Icaro - Un prato in quattro tempi

 [Vedi la foto originale]
UNIVERSITA' STATALE DI MILANO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Festa Del Perdono 7 (20122)
www.lastatalearte.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Per la terza edizione di La Statale Arte, l’Università degli Studi di Milano, in collaborazione con la galleria Lorenzelli Arte, ospita Un prato in quattro tempi, un work in progress lungo due stagioni che Paolo Icaro ha progettato per il campo del Cortile della Ca’ Granda e che prevede il coinvolgimento attivo degli studenti dell’Ateneo
biglietti: free admittance
vernissage: 18 settembre 2017. ore 18
curatori: Donatella Volontè
autori: Paolo Icaro
note: Conferenza stampa Lunedì 18 settembre, ore 12 - Università degli Studi di Milano - Sala di Rappresentanza
Via Festa del Perdono 7
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Per la terza edizione di La Statale Arte, l’Università degli Studi di Milano, in collaborazione con la galleria Lorenzelli Arte, ospita Un prato in quattro tempi, un work in progress lungo due stagioni che Paolo Icaro ha progettato per il campo del Cortile della Ca’ Granda e che prevede il coinvolgimento attivo degli studenti dell’Ateneo.
Pietro Paolo Chissotti - Icaro dal 1958, quando il suo maestro, lo scultore Umberto Mastroianni, per distinguerlo da due fratelli scultori omonimi attivi nella stessa Torino (dove Icaro nasce nel '36) gli suggerì di cambiare il nome: "Da oggi ti chiami Icaro: vola, vola, vola!" – per questo nuovo lavoro pensa di scolpire la terra: una terra che verrà rispettata, osservata nei suoi ritmi, piegata solo in ultimo per un disegno finale.

Il titolo pone l’accento sull’unità della materia che l’artista modifica, facendole acquisire nuovi valori semantici – un prato – e sui quattro tempi dell’intervento trasformativo, quattro fasi in cui la natura compie un ciclo autonomo di crescita: il dissodamento, la rastrellatura, la semina e i tagli. Un ciclo di progressiva purificazione del suolo – dagli infestanti, dall’intervento umano – che culminerà, alla fine, con un segno di Icaro: una geometria, una spirale quadra, già proposta dall’artista in Etcoetera (Square Spirals) del 1978, una forma continua, di tradizione classica e mediterranea, che diventa misura di uno spazio concreto.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram