Angiola Gatti - You touched me 3142 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva CAR DRDE ​ Via Azzo Gardino 14a Bologna 40122

Bologna - dal 23 settembre all'undici novembre 2017

Angiola Gatti - You touched me

Angiola Gatti - You touched me
Angiola Gatti 'Untitled (Glass sculpture)' 2017
 [Vedi la foto originale]
CAR DRDE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Azzo Gardino 14a (40122)
+39 , +39 (fax), +39
office@cardrde.com
www.cardrde.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra pone a confronto due corpus di opere differenti, unendo la ricerca segnica e pittorica, che contraddistingue la ricerca dell'artista sin dagli anni Novanta, ad opere fotografiche di recente concezione e realizzazione.
orario: da mercoledì a sabato ore 15-19.30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 23 settembre 2017. ore 18
autori: Angiola Gatti
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
CAR DRDE presenta You touched me, la seconda personale di Angiola Gatti (Torino 1960) negli spazi della galleria. La mostra pone a confronto due corpus di opere differenti, unendo la ricerca segnica e pittorica, che contraddistingue la ricerca dell'artista sin dagli anni Novanta, ad opere fotografiche di recente concezione e realizzazione.
I lavori eseguiti con penna biro su tela sono caratterizzati dalle grandi dimensioni, da un'intricata stratificazione di tratti a penna Biro blu e rossa, oltre che dalla differente densità del segno, mentre nelle fotografie è dominante una gradazione di colori che varia dal bianco al nero, sforando in un tenue verde. Ciascuna fotografia ritrae un differente assemblaggio composto da piccoli pezzi di vetro che, fotografati, lasciano decadere il carattere effimero dell'atto scultoreo per disegnare incroci di linee e dare vita a forme geometriche irregolari, originate tra i diversi gradi di opacità che si offrono all'osservatore.
Come le due parti di un insieme, in cui convivono tonalità calde e fredde, pittura e fotografia concorrono alla creazione di un orizzonte poetico che induce a volgere l'attenzione oltre la fissità del dettaglio, alla ricerca delle molteplici direzioni che il tempo e lo spazio assumono in queste opere.
Testo di Alessandra Franetovich


Angiola Gatti (Torino 1960) ha studiato pittura e filosofia, vive e lavora a Torino. Tra le sue mostre 'Una Direzione in un Andare' Istituto italiano di Cultura, Amburgo; 'Incipit' CAR DRDE, Bologna; 'Una Direzione in un Andare' Ryan Lee Gallery, New York; 'Miami Project' con Ryan Lee Gallery; 'Un non finito' a cura di Andrea Busto CRAA Villa Giulia, Centro Ricerca Arte Attuale, Verbania; 'Liberi tutti - Arte e società in Italia 1989 - 2001' a cura di Luca Beatrice e Cristiana Perrella, Museo Ettore Fico, Torino; 'Provisional Painting' a cura di Raphael Rubinstein, Stuart Shave/Modern Art, London; 'Green' a cura di Andrea Busto, Museo Filatoio di Caraglio, Cuneo; 'Density' a cura di Frédéric Bouglé, Centre d'Art Contemporain Le Creux de l'Enfèrr, Thiers, France. Le opere di Angiola Gatti sono presenti in diverse collezioni private e nella collezione permanente del FRAC (Fonds Regional d'Art Contemporain) Auvergne, Clermont - Ferrand, France.
 
trovamostre
@exibart on instagram